A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Francais_ Italiano_ Polski_ Portugues_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021 | of 2022 | of 2023
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Germany, Karlsruhe ANIKA: Azioni nell'anniversario dell'invasione della Russia a Karlsruhe (ca, de, en, pt, tr)[traduzione automatica]

Date Fri, 17 Mar 2023 13:22:51 +0200


Il 24 febbraio, anniversario della vasta guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina, abbiamo ricevuto le immagini di una campagna di solidarietà contro la guerra. Gli attivisti hanno appeso striscioni in tutta la città di Karlsruhe. Con questi mostrano la loro solidarietà al popolo ucraino e agli attivisti antiautoritari che si oppongono attivamente anche a questa guerra in Russia, Bielorussia e Ucraina. Inoltre, lo stesso giorno, persone della rete AniKa hanno partecipato alle due manifestazioni in città in modo critico e in parte solidale per esprimere anche lì il loro punto di vista. ---- Gli striscioni che venivano appesi sui vari ponti riportavano slogan come: "Nessun potere, nessuno stato, nessuna guerra", "Combatti per il popolo non per il potere", "Guerra di sabotaggio", "Deserto invece di marciare", "Guerra dopo guerra" , "Esercito russo fuori dall'Ucraina" e "Putin vaffanculo". Un attivista ha commentato l'azione: "Con gli striscioni vogliamo richiamare l'attenzione sulle morti in Ucraina che vanno avanti da un anno, di cui è responsabile solo il regime di Putin. Ecco perché chiediamo l'immediato ritiro dell'esercito russo con relativo cessate il fuoco! Solo il governo russo può porre fine a questa guerra oggi!".

Oltre a questa azione, persone della rete AniKa hanno preso parte alle manifestazioni sulla piazza del mercato e sulla Schlossplatz per esprimere la loro solidarietà e per accompagnare criticamente le manifestazioni. Tra l'altro vi furono distribuiti volantini che sottolineavano la complessità della guerra e l'atteggiamento problematico di parti del cosiddetto movimento pacifista tedesco in questo conflitto. Un attivista ha detto: "Era importante per noi portare una prospettiva anti-autoritaria agli eventi ed esprimere la nostra chiara posizione contro l'imperialismo di Putin e le sue micidiali fantasie di grande potere nazionalista".

Un altro attivista coinvolto ha riassunto così la situazione: "Non siamo in vena di guerra, ma siamo solidali con tutti coloro che si oppongono agli attacchi militari. Con tutti coloro che sabotano la macchina da guerra e si rifiutano di prestare servizio militare. E siamo al fianco di tutti coloro che perdono i propri averi e coloro che li circondano, così come coloro che scelgono o non possono scegliere di fuggire".

Le persone della rete AniKa hanno pubblicato la situazione della guerra, gli obiettivi di Putin e i problemi del cosiddetto movimento pacifista locale in un testo sul loro sito web: anika.noblogs.org/2023/02/23/russian-invasion/

Nell'anniversario dell'invasione russa dell'Ucraina

Il 24 febbraio 2022, il governo russo ha lanciato un'invasione militare su vasta scala dell'Ucraina.

Le giustificazioni di questa guerra da parte del governo russo cambiano continuamente. L'Ucraina deve essere liberata dai nazisti, la popolazione oppressa del Donbass deve essere liberata, la colpa è dell'espansione della sua sfera di influenza da parte della NATO, i valori tradizionali devono essere protetti dalla cattiva influenza dell'Occidente, fino alle fantasie di un Il Grande Impero Russo, diventando un giorno orientato verso i confini dell'ex Unione Sovietica, a volte va ben oltre: dal nazionalismo al razzismo, dall'omofobia alle idee imperialiste e fasciste, quasi tutti gli atteggiamenti disumani sono serviti.

Gli interventi militari russi in Ucraina sono iniziati diversi anni prima. Nel 2014, Igor Girkin alias Igor Strelkov ha coordinato scontri militari tra milizie filo-russe in collaborazione con le forze armate russe regolari e l'esercito ucraino. Nel corso di ciò, la Crimea fu annessa e le cosiddette Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk.

Il governo russo sotto Vladimir Putin ha propagandato la "riconquista" di aree nel sud-est dell'Ucraina con il titolo di Novorussia. Novorossiya si riferisce a un'area amministrativa durante l'impero russo.

Gli interventi militari in Ucraina non dovrebbero essere visti isolatamente. Le aree dell'Abkhazia, dell'Ossezia del Sud e della Transnistria, ad esempio, sono state occupate con azioni simili dagli anni '90.

La guerra e il fronte trasversale

Bandiere comuniste, russe e della Novorussia
Soprattutto, la lotta contro i nazisti e il nazionalismo sono emerse come giustificazioni accettabili per l'invasione russa dell'Ucraina. Con riferimenti storici alla lotta contro il fascismo tedesco, il regime di Putin sembra costruire ponti verso la sinistra politica e parti del movimento per la pace.

Inoltre, c'è un'immagine trasfigurata di un presunto Est anticapitalista di fronte al malvagio Occidente capitalista, principalmente sotto forma di USA e NATO.

Logo Rusich
I neonazisti russi erano già chiaramente coinvolti nella presunta liberazione della Crimea e delle cosiddette Repubbliche popolari nel 2014. Dall'espansione dell'attacco russo nel 2022, è stata coinvolta anche un'ampia varietà di gruppi militari legati al nazionalsocialismo storico.

Tutte le altre caratteristiche propagandistiche dovrebbero almeno offendere tutti coloro che sono interessati all'emancipazione e ai diritti umani.

Soprattutto, queste sono le idee del pioniere della nuova destra Alexander Dugin, che si definisce un nazionalbolscevico. Le sue idee sul Grande Impero russo, che si estende da Dublino a Vladivostok, sono intrise di razzismo, culturalismo, omofobia e transfobia.
Il suo rapporto con la Nuova Destra e la Rivoluzione Conservatrice non si riflette solo nelle sue teorie. È lui che crea i collegamenti pratici con i partiti e le strutture di destra in tutta Europa.

Dugin accanto alla bandiera del partito nazional-bolscevico da lui fondato, da allora bandito
Non c'è né una giustificazione né una banalizzazione per questa campagna disumana. Per anni persone contrarie al fascismo e all'autorità sono state arrestate e maltrattate in Russia. A parte i simboli appropriati, il governo russo non ha alcun legame con approcci politici anticapitalisti, antifascisti o emancipatori. Tuttavia, mostra quanto siano complicate le strategie cross-front.

Il glorificato punto di partenza del fronte trasversale, che si nutre di una falsa comprensione anticapitalista e dell'antiamericanismo di accompagnamento, significa anche che gran parte del cosiddetto movimento per la pace non sottolinea chiaramente l'aggressione della Russia né sostiene coloro che sono stati colpiti in Russia e Ucraina .

La condanna dell'attacco russo avviene solo in clausole subordinate e il più rapidamente possibile per attribuire almeno una colpa parziale all'Occidente e per collocare tutti coloro che mostrano la loro solidarietà ai difensori in un angolo nazionalista o come sostenitori della NATO. O per dirla con le parole dell'EZLN: "Con l'invasione multinazionale dell'Iraq, ci sono state mobilitazioni contro la guerra in tutto il mondo. Nessuno sano di mente penserebbe che opporsi all'invasione significhi schierarsi con Saddam Hussein. Ora la situazione sembra essere simile, se non la stessa".

Quindi non sorprende che questi movimenti per la pace non si siano manifestati nelle strade quando migliaia in Russia hanno protestato contro la guerra e successivamente contro la grande mobilitazione e sono stati arrestati per questo.

Brutti tempi per gli oppositori della guerra

Sono tempi brutti per gli oppositori della guerra e soprattutto per la sinistra politica. L'invasione russa mostra la complessità politica. Non esiste un lato buono e uno cattivo. Tuttavia, c'è un'aggressione che deve essere chiaramente identificata e combattuta.

Ogni guerra finisce con trattative diplomatiche e colloqui di pace. Il tentativo di sabotare l'autodifesa in nome di una pace dettata è da respingere.

Con il Memorandum di Budapest e il Trattato di amicizia con la Russia, l'Ucraina ha ceduto le sue armi nucleari ai sensi degli accordi di sicurezza e la Russia ha riconosciuto l'esplicito riconoscimento incondizionato dell'integrità territoriale e dell'inviolabilità dei confini dell'Ucraina. Con l'occupazione della Crimea, questo trattato fu infranto. Ora dovrebbe uno stesso garantire la pace a lungo termine sotto la cessione del territorio?

Non siamo in vena di guerra, ma siamo solidali con tutti coloro che si oppongono agli attacchi militari. Con tutti coloro che sabotano la macchina da guerra e si rifiutano di prestare servizio militare. E sosteniamo coloro che perdono i loro averi e coloro che li circondano, così come coloro che scelgono o non possono scegliere di fuggire.

Chiediamo l'immediato ritiro dell'esercito russo con relativo cessate il fuoco! Solo il governo russo può porre fine a questa guerra oggi!

https://anika.noblogs.org/2023/02/25/aktionen-zum-jahrestag-der-invasion-russlands-in-karlsruhe/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe https://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it