A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, UCL AL #318 - Rivoluzione haitiana: Santo Domingo, la colonia più redditizia al mondo (ca, de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Tue, 28 Sep 2021 10:16:36 +0300


Soprannominato "la perla delle Antille", Santo Domingo è diventato, nell'ultimo terzo del XVIII ° secolo, la più modello completo di "isola di zucchero" a forma di capitalismo europeo. ---- Vero bancomat per il Regno di Francia, è la sua colonia più produttiva e il fulcro del suo commercio transatlantico: due terzi delle navi stabilite in Francia sono dirette verso l'isola. Santo Domingo da sola rappresenta il 50% della produzione mondiale di zucchero e caffè, che, esportati per la maggior parte nelle metropoli, vengono poi ridistribuiti in tutta Europa, con disappunto dei concorrenti britannici delle Barbados e del Regno Unito Giamaica. Santo Domingo è anche il più grande esportatore mondiale di cotone e produce ancora indaco, tabacco e cacao. Nel 1780, il suo commercio estero, valutato in oltre 300 milioni di sterline da torneo, era l'equivalente di quello degli Stati Uniti.

Il segreto di questa prosperità si chiama "economia delle piantagioni": un sistema di agricoltura d'esportazione, basato sullo sfruttamento intensivo del lavoro schiavo in grandi latifondi (detti "dimore") razionalizzati nel paese.'estremo. In queste prigioni centinaia di migliaia di africani lavorano sotto la frusta sei giorni alla settimana, dalle dodici alle sedici ore al giorno, lavorando anche di notte durante la mietitura. A causa del superlavoro, la mortalità è il doppio del tasso di natalità, che richiede una costante importazione di manodopera: negli anni 1780, ogni anno, da 30.000 a 40.000 schiavi acquistati da mercanti africani sbarcavano a Santo Domingo. .

Alla vigilia della rivoluzione, la colonia francese aveva così la più alta concentrazione di schiavi al mondo (quasi il 90% della sua popolazione), di cui due terzi nuovi arrivati. L'economia delle piantagioni non si riprenderà mai dalla dis

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Dossier-Revolution-haitienne-Saint-Domingue-la-colonie-la-plus-lucrative-du
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe https://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it