A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) José Antonio Gutiérrez D: Harold è libero, il montaggio giudiziario è caduto! (ca, de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Mon, 13 Sep 2021 08:36:01 +0300


All'udienza del 6 settembre, è caduta la cruda assemblea che la Procura e l'esercito stavano avanzando contro Harold Ordóñez Botero, rientrato in società e instancabile combattente sociale della Valle del Cauca. In realtà, le prove della parte accusatrice, con cui lo accusavano di essere "Óscar", comandante della colonna Adán Izquierdo delle FARC-EP, non hanno retto per un secondo. Era chiaramente un montaggio, parte di una persecuzione contro Harold per le sue denunce della militarizzazione delle aree rurali e dei continui abusi che la popolazione ha subito per mano del Battaglione Palacé. Un altro atto di vendetta contro i firmatari della pace che sono rimasti saldi nelle loro convinzioni e si sono impegnati a continuare a lottare (senza armi) per i cambiamenti sociali che la maggioranza chiede a gran voce nelle strade e nei campi della Colombia.

Harold è libero, il montaggio giudiziario è caduto!

All'udienza del 6 settembre, è caduta la cruda assemblea che la Procura e l'esercito stavano avanzando contro Harold Ordóñez Botero, rientrato in società e instancabile combattente sociale della Valle del Cauca. In realtà, le prove della parte accusatrice, con cui lo accusavano di essere "Óscar", comandante della colonna Adán Izquierdo delle FARC-EP, non hanno retto per un secondo. Era chiaramente un montaggio, parte di una persecuzione contro Harold per le sue denunce della militarizzazione delle aree rurali e dei continui abusi che la popolazione ha subito per mano del Battaglione Palacé. Un altro atto di vendetta contro i firmatari della pace che sono rimasti saldi nelle loro convinzioni e si sono impegnati a continuare a lottare (senza armi) per i cambiamenti sociali che la maggioranza chiede a gran voce nelle strade e nei campi della Colombia.

Oggi celebriamo che giustizia è stata fatta. Siamo lieti che il giudice del caso, Jenny Brand, abbia agito in modo indipendente, nonostante l'enorme pressione esercitata su di lei dall'esercito, dall'accusa e dalla polizia. È ancora preoccupante che il comandante della polizia, Jorge Luis Vargas, credesse di avere il diritto di "dettare" al giudice la decisione da prendere, trattandola come qualcuno che dà ordini ai soldati di un battaglione. Venerdì 3 settembre, quando le udienze erano ancora in corso, il generale è uscito dicendo che Harold era già con "assicurazione intramurale" e che stava aspettando "il massimo della pena"[1]. Nonostante questo chiaro atto di pressione e intimidazione, il giudice ha agito su prove schiaccianti per risolvere il rilascio immediato di Harold.

Allo stesso modo, va ricordato il triste ruolo svolto dalla mediocre stampa colombiana, che con una pigrizia non sorprendente, si è limitata (salvo l'onorevole eccezione di Noticias Uno) a riprodurre pedissequamente le sciocchezze pronunciate dal comandante Vargas. Senza rivedere le copiose prove a favore di Harold fornite dal brillante avvocato difensore Elmer Montaña, lo hanno ritenuto colpevole sulla base delle prove fabbricate dalle forze repressive, così abili nel fare falsi positivi. Ciò dimostra che da tempo la stampa colombiana è diventata una volgare cassa di risonanza per l'estrema destra paleolitica. Meritano di essere denunciati. Triste anche il ruolo del partito dei Comuni, che ha contribuito alla figura di Harold per aver portato alle orecchie dell'esercito e dell'accusa intrighi settari e menzogne maliziose, pienamente consapevole delle conseguenze. Anche loro sono da biasimare in questo montaggio. Prima, le divergenze venivano risolte dal "compagno Mauser"; ora, è calunnia. Ad oggi non si sono ritirati.

L'esercito, la polizia e l'accusa devono camminare rabones, come si suol dire, e la stessa cosa fa sì che la situazione di Harold continui a essere preoccupante e delicata. In un Paese normale questa situazione sarebbe già chiarita e Harold potrebbe continuare con la sua normale vita di lavoratore, studente e genitore. Ma in Colombia esistono molteplici meccanismi legali ed extra-legali, para-legali, con cui continuare a molestare, attaccare e persino uccidere persone che le autorità considerano fastidiose. 300 firmatari della pace assassinati sono testimoni di quello che dico. Gli enti di "protezione" in Colombia non proteggono, ma rappresentano piuttosto una vera minaccia per la popolazione stessa: sono circa 7000 i falsi positivi confermati che lo dimostrano.

Ecco perché non possiamo abbassare la nostra vigilanza e dobbiamo continuare a circondare Harold di solidarietà per evitare nuovi attacchi da parte di un'istituzione francamente criminale. Se qualcosa è stato chiaro con questo processo, è l'enorme affetto di tutti coloro che circondano Harold, un uomo ricco di amici e colleghi. Tutti quelli che lo conoscono, come collaboratore, come compagno di rissa, come famiglia, come amici, sono usciti per difenderlo e impedire che il suo nome si sporcasse. Harold è una persona di chiare convinzioni, di trasparenza infallibile, qualcuno che ha dato tutto senza aspettarsi nulla in cambio (per questo potrebbe non essere stato un buon politico), un ragazzo onesto e, soprattutto, un uomo dignitoso. Non è né un leccapiedi, né un inginocchiato, né un pentito vergognoso, ma un combattente sociale, come si definiva tra il pubblico. La dignità produce simpatia,

Quindi celebriamo la libertà, celebriamo la caduta di questo montaggio, ma non perdiamo la vigilanza. Harold, che gioia riaverti in strada, in modo che tu continui a combattere, in modo che tu continui a lavorare per i diritti dei contadini e per il benessere dei poveri, in modo che tu continui ad alzare le bandiere della dignità, così che continui a dare amore alla tua famiglia e a tutti quelli che ti circondano. E, naturalmente, in modo che il 13 settembre tu possa difendere la tua tesi di laurea.

José Antonio Gutiérrez D.
8 settembre 2021

[1]https://www.infobae.com/america/colombia/2021/09/03/cayo-alias-oscar-uno-de-los-hombres-mas-buscados-del-valle-del-cauca/

ttps://www.anarkismo.net/article/32423
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe https://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it