A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Canada, Collectif Emma Goldman - [Sept-Îles] Progetto Mine Arnaud: un disastro ecologico che fa bene all'economia locale (ca, de, en, pt)[traduzione automatica]

Date Fri, 7 May 2021 09:37:03 +0300


Recentemente, è stato possibile leggere su un quotidiano della costa nord[1]che i sostenitori del progetto Mine Arnaud[2]sono entusiasti dell'aumento del prezzo dell'apatite e quindi sperano che il mercato mondiale sarà più favorevole nel 2021 per fertilizzante fosfatico. Causa di questo aumento di prezzo? Un disastro ecologico che minaccia la produzione mineraria sulla costa della Florida negli Stati Uniti. Questa notizia è così sbalorditiva che sembra falsa, ma sfortunatamente è davvero vera. Rallegrarsi di un disastro ecologico che avrà un impatto su migliaia di persone e distruggerà gli ambienti di vita è macabro. Ma questa economia della morte spinta da estrattivisti multinazionali e vari livelli di governo è il risultato del capitalismo e del suo sviluppo irregolare.

Diversi villaggi e regioni dipendono da un particolare settore industriale. La situazione delle parrocchie marginali, dei villaggi e delle città monoindustriali presenta un'importante contraddizione dell'economia capitalista: una località e le sue risorse naturali sono sfruttate da un'industria (i tassi di profitto aumentano costantemente senza giovare ai lavoratori e ai lavoratori) e questa località vive in dipendenza dalla stessa industria per l'occupazione e la semplice sopravvivenza economica del luogo. Diverse regioni periferiche del Quebec furono colonizzate per rispondere agli interessi dei grandi capitalisti che volevano estrarre risorse naturali, per poi trasformarle e commercializzarle nelle regioni centrali e all'estero, e mantenere lì una forza lavoro.

Questo sviluppo irregolare porta quindi le persone che avrebbero tutto l'interesse a essere contro questi progetti a difenderli e sperare nella loro attuazione. Vedono in questi potenziali progetti un miglioramento della vita collettiva. Non sembra esserci altra alternativa se non questa situazione di miseria dove l'unica possibilità è quella di continuare in questo percorso di dipendenza. Prima o poi, però, questo circolo di sfruttamento dovrà finire. Quando non ci sarà più niente da sfruttare, l'industria farà le valigie e non lascerà altro che desolazione e distruzione. I lavoratori saranno sempre nello stesso pasticcio di precarietà ei piccoli comuni avranno ancora problemi di sopravvivenza. Gli abitanti devono organizzarsi e trovare nuovi modi di abitare il territorio. Dobbiamo creare un'economia basata sui nostri bisogni reali e tenere conto della capacità dei territori e degli ecosistemi. Riprendiamo il potere sulle nostre vite e sui nostri territori.

Come procedere?

La creazione di comitati di vicinato e comuni autonomi, che potrebbero eventualmente federarsi a livello di città e regioni, consentirebbe agli abitanti della periferia di organizzarsi su basi sia locali che regionali per opporsi ai problemi che abbiamo in comune e per sviluppare un contropotere alla gestione e allo sviluppo del territorio "dall'alto". La rivoluzione non può essere completa senza un disimpegno delle periferie, su qualunque scala esse siano, dai loro centri. La nostra azione deve essere locale e focalizzata sul soddisfacimento dei bisogni reali della popolazione (in particolare attraverso la sovranità alimentare) e non secondo i diktat fissati da un mercato che genera e mantiene disuguaglianze. Tuttavia, non possiamo ripensare le nostre regioni senza includere le Prime Nazioni nel nostro approccio. La colonizzazione di "Saguenay-Lac-Saint-Jean" è avvenuta su un terreno rubato, il Nitassinan, che non è mai stato ceduto. La vera rivitalizzazione passa attraverso la decolonizzazione del territorio.

1.https://macotenord.com/le-marche-serai-meilleur-en-2021-pour-le-projet-mine-arnaud-a-sept-iles/?fbclid=IwAR0wLtkDQO0o6nnKEgGRnFhQ02M_jrZo8UxE0JLVCLRVFP6

2. Mine Arnaud è un progetto minerario finalizzato allo sfruttamento di un deposito di apatite nella regione di Sept-Îles.

da Collectif Emma Goldman

http://ucl-saguenay.blogspot.com/2021/04/sept-iles-projet-mine-arnaud-une.html
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it