A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Francais_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkurkish_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours

Links to indexes of first few lines of all posts of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021 | of 2022

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) France, UCL AL #328 - Internazionale, Bielorussia: la sinistra radicale contro Putin e Lukashenko (ca, de, en, fr, pt, tr)[traduzione automatica]

Date Sun, 3 Jul 2022 09:44:16 +0300


Il destino politico della dittatura bielorussa è intimamente legato a quello del potere di Putin. Per gli oppositori rivoluzionari di Lukashenko, la sconfitta dell'imperialismo russo in Ucraina potrebbe suonare la campana a morto per il loro oppressore. ---- La guerra in Ucraina è già in corso da quasi due mesi. In ritirata, battuto da una massiccia resistenza, l'esercito russo persiste e lascia dietro di sé desolazione e fosse comuni. Le molteplici testimonianze di atrocità che fluiscono dalle città devastate arrivano in modo drammatico a confermare la terribile corsa a capofitto di Putin e dei leader russi. Che cosa accelerare la decomposizione del potere vede la sua caduta? ---- Se vogliamo crederci in Ucraina e Russia, anche in Bielorussia, gli anarchici e la sinistra radicale vogliono la sconfitta totale del protettore della loro dittatura nazionale, quella di Lukashenko.

Per capire la sinistra radicale, sindacale o anarchica bielorussa, è necessario analizzare il contesto in cui si è evoluta per più di due decenni. La Bielorussia è nata come territorio indipendente nell'agosto del 1991 in seguito al crollo e alla disgregazione dell'Unione Sovietica. Paese di poco più di 9 milioni di abitanti, sin dalla sua indipendenza ha mantenuto una produzione fortemente industriale (in particolare l'industria chimica), che segue il modello cinese del " socialismo di mercato ", coniugando il controllo statale e la parziale privatizzazione.

Lukashenko: venticinque anni di repressione
Proprio come nei paesi vicini dell'ex URSS, il parziale crollo del sistema politico sovietico ha permesso nei primi anni la rinascita di una sinistra radicale distinta dai vecchi partiti comunisti. È incarnato in Bielorussia dal partito A Just World[1]. Anche il movimento anarchico, le cui idee erano state soffocate dal regime autoritario bolscevico, era rinato. È strutturato a livello nazionale, in particolare con la creazione di una Federazione anarchica bielorussa (FAB) nel 1992, ma anche transnazionale, con Russia e Ucraina, in particolare attraverso la Confederazione rivoluzionaria degli anarco-sindacalisti (KRAS) fondata nel 1995, o l'organizzazione comunista libertaria Action Autonome, fondata nel 2002[2].

Nel 1993 è apparso anche il Congresso dei sindacati democratici della Bielorussia (BKDP), un'organizzazione sindacale che cercava di sfuggire al controllo statale sul sindacalismo che prevaleva nella FPB (Federazione dei sindacati della Bielorussia), emersa dal commercio sovietico sindacati.

Perché tra il 1993 e il 1994, dopo una breve parentesi democratica, Alexander Lukashenko ha preso il potere sul Paese. Sostenuto da una coalizione di partiti (compreso il Partito Comunista di Bielorussia), riorientò il Paese verso la Russia, rinazionalizzò parzialmente l'economia e impose rapidamente una dittatura de facto. Ripristinò i poteri della polizia segreta (il KGB), istituì la censura, distrusse il diritto di manifestare, imprigionò e torturò gli oppositori. Regolarmente, alcuni " scompaiono " o vengono trovati morti. Ciò non impedisce all'opposizione (sinistra liberale o radicale) di manifestare ogni volta che è possibile, e in particolare ad ogni elezione in cui Lukashenko viene rieletto " trionfalmente".

Questa politica, costante da venticinque anni, ha portato all'esilio molti attivisti bielorussi, in particolare nella vicina Ucraina. Altri passano alla resistenza armata, in particolare tra gli anarchici. Questi, molti dei quali membri sono in prigione o latitanti, stanno cercando di rompere la censura e cercano sostegno dai loro compagni occidentali, in particolare tramite l'Anarchist Black Cross, l'organizzazione anarchica internazionale di sostegno ai prigionieri[3].

Quattro morti, 4.000 feriti e 30.000 arresti
Mentre la gestione della pandemia da parte del governo è stata disastrosa e la recessione economica sta aumentando la povertà e la disoccupazione, la sesta rielezione di Lukashenko il 9 agosto 2020 dà fuoco alle polveri. Manifestazioni di centinaia di migliaia di persone, scioperi nelle fabbriche e nei luoghi di studio, l'opposizione ha sfidato per sei mesi il governo, e quest'ultimo, anche se ha mantenuto l'appoggio di parte della popolazione, non si è mantenuto solo grazie a un repressione mostruosa (4 morti, 4.000 feriti e 30.000 arresti) e il sostegno di Vladimir Putin, che in cambio chiederà ancora più sottomissione al governo bielorusso. L'opposizione, se momentaneamente sconfitta, resta viva.

In Bielorussia, anarchici e sinistra radicale vogliono la sconfitta totale di Putin, il protettore del dittatore nazionale Lukashenko
THIERRY ERHMANN
Così, quando le voci di un'invasione russa si fanno più concrete e le manovre militari sul territorio bielorusso si trasformano in un attacco premeditato all'Ucraina, la sinistra, l'opposizione sindacale e anarchica si schiera senza esitazioni dalla parte ucraina.

Concretamente, troviamo nella difesa territoriale ucraina un certo numero di esiliati bielorussi. Così, un'intera sezione di anarchici bielorussi combatte all'interno dell'organizzazione anarchica di autodifesa del Comitato di Resistenza. Ma la resistenza è anche all'interno del Paese: così, il BKDP, attraverso la voce del suo presidente ha apertamente invocato la disobbedienza civile e la lotta sul posto di lavoro contro la guerra[4]. Il collettivo anarchico Pramen ha pubblicato un appello con un chiaro titolo ai soldati bielorussi: " Soldati ! Il nemico è a Minsk, non a Kiev ! e dichiara sostegno alla resistenza ucraina.

E questi appelli, se è difficile misurare il reale impatto sulla popolazione, vengono seguiti: così a marzo si verificano una serie di sabotaggi della rete ferroviaria in tutta la Bielorussia. Queste azioni, che hanno portato a dozzine di arresti, hanno seriamente ostacolato la logistica dell'esercito russo.

Insieme a ondate di disobbedienza nell'esercito, questi sabotaggi avrebbero anche impedito (senza poterlo verificare con certezza) fino ad ora una partecipazione più attiva di Lukashenko alla guerra[5].

Una serie di decisivi sabotaggi
Questa forte solidarietà con la resistenza ucraina si spiega con una convergenza di nemici da sconfiggere: è chiaro per i nostri compagni bielorussi che una schiacciante sconfitta di Putin può solo indebolire Lukashenko e forse permetterne il rovesciamento. Dalla guerra in Ucraina e dal suo esito dipende una serie di possibili cambiamenti politici in cui la sinistra radicale e il movimento rivoluzionario bielorusso intendono svolgere un ruolo. Libertà per i popoli, morte per gli imperi!

Hugues (UCL Saint Denis)

convalidare

[1]Trovate il sito web del Partito della Sinistra Bielorussa su Spravmir.org

[2]" Movimento anarchico in bielorussia 1992-2002 " sul sito del collettivo anarchico bielorusso Pramen.io.

[3]Quattro presunti membri del collettivo Pramen sono stati recentemente condannati ciascuno a cinque anni di carcere per la loro partecipazione alle proteste del 2020.

Dal 25 aprile si è aperto un nuovo processo, questa volta nei confronti di una dozzina di presunti membri del gruppo di Azione Rivoluzionaria

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Bielorussie-La-gauche-radicale-contre-Poutine-et-Loukachenko ________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe https://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center