A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Francais_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkurkish_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours

Links to indexes of first few lines of all posts of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) France, UCL AL #318 - Rivoluzione haitiana: a Parigi i parlamentari corrono dietro agli eventi (ca, de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Sun, 26 Sep 2021 12:29:44 +0300


Ci sono voluti dai quattro ai sei mesi prima che la notizia attraversasse l'Atlantico. E che l'evoluzione degli equilibri di potere a Santo Domingo ha ripercussioni sui dibattiti in Assemblea. Il contrario era meno vero... ---- Nel maggio 1789, gli Stati Generali inaugurarono in Francia l'era delle arene parlamentari. La potente lobby coloniale è stata contesa lì da una minoranza anti-schiavitù ... fino a quando l'insurrezione degli schiavi non ha risolto il dibattito. ---- La lobby pro-schiavitù. Al suo interno, due sensibilità, separate da una disputa commerciale: da una parte i primi deputati di Santo Domingo, coloni bianchi che chiedono più potere nella definizione delle regole doganali ; dall'altro il club alberghiero Massiac, in rappresentanza di armatori, commercianti portuali e armatori residenti in Francia, si oppone a questo "autonomismo". Il club di Massiac, più potente, più informato, poteva contare su deputati influenti come Barnave e Lameth, e su un ideologo molto vicino alla realtà di Domingo: Moreau de Saint-Méry. Dopo l'abolizione della schiavitù nel 1794, il club fu bandito e i suoi membri perseguiti.

Antirazzisti e abolizionisti. Alcuni deputati erano membri della Società degli amici neri, fondata nel 1788: Brissot, Mirabeau, Abbé Grégoire, Lafayette, Condorcet... Si basavano sulla Dichiarazione dei diritti umani del 1789 per rivendicare i diritti civili dei neri e dei mulatti. Hanno anche sostenuto il divieto di traffico, che credevano avrebbe portato alla graduale estinzione della schiavitù. Quest'ultima idea, che passò per avanzata nel 1789-1790, sarebbe stata del tutto superata non appena la rivolta degli schiavi avesse posto la questione della "libertà generale" immediata.

Indugio. Fino all'inizio del 1792, la maggioranza dei deputati si ascoltava, senza un parere definitivo, alternando avanzamenti e battute d'arresto. Così, nel maggio 1791 votarono l'uguaglianza civica per i liberi Mulatti della seconda generazione ; a settembre hanno revocato il decreto. L'insurrezione degli schiavi ha cambiato tutto. Bisognava serrare le fila dei liberi, garantendo l'uguaglianza civica ai liberi di colore: questa era la legge del 4 aprile 1792.

Dopo la legge sull'uguaglianza civica del 4 aprile 1792, i deputati di colore furono eletti all'Assemblea nazionale.
Disegno di Jean-Baptiste Lesueur / Museo Carnavalet
Abolizione. Nell'agosto 1793, messo alle strette, le autorità repubblicane di Santo Domingo proclamarono la "libertà generale", nella speranza di radunare la massa degli schiavi africani. Sei mesi dopo, a Parigi, la Convenzione, sbalordita, ascoltò i tre nuovi deputati di Saint-Domingue - un Bianco (Dufay), un Mulâtre (Mills) e un Nero (Belley) -, appena sbarcati, raccontare la rotta che aveva prese gli eventi nella colonia. I deputati votarono poi, all'unanimità e per acclamazione, l'abolizione della schiavitù in tutte le colonie francesi. Era il 4 febbraio 1794, in uno di quei momenti di euforia di cui la Convenzione aveva il segreto, mescolando nobiltà di ideali e interessi ben compresi: "È oggi che l'inglese è morto. " , Congratulazioni Danton.

Carte da gioco repubblicane, che celebrano l'abolizione della schiavitù nel 1794.
"Uguaglianza di colore", "uguaglianza di rango". BNF
Suite. Grazie a una rinascita monarchica, la lobby coloniale fu ricostituita nelle assemblee parlamentari del Direttorio (1795-1799) attorno a Villaret-Joyeuse e Vaublanc che, nel maggio 1797, pronunciò una diatriba violentemente razzista e pro-schiavitù. Davanti a loro stava il variopinto gruppo di deputati delle colonie, tra cui, tra gli altri, Belley, il generale Laveaux, Sonthonax e Mentor, futuro aiutante di campo di Dessalines.

Reazione. Il colpo di Stato di Bonaparte alla fine del 1799 pose fine al parlamentarismo. L'organo legislativo, i cui deputati erano scelti dal governo, era solo una camera di registrazione. Nonostante ciò, il 20 maggio 1802, vi erano ancora 63 deputati su 274 a votare contro il ripristino della schiavitù.

Guillaume Davranche (UCL Montreuil)

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Dossier-Revolution-haitienne-A-Paris-les-parlementaires-courent-derriere-les
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe https://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center