A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021 | of 2022

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, UCL AL #326 - Non contro la guerra, I campisti con i piedi nel tappeto (delle bombe) (ca, de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Thu, 19 May 2022 09:28:35 +0300


L'aggressione imperialista di Putin all'Ucraina ha apparentemente aperto gli occhi di Mélenchon. Era ora... Ma altri, a sinistra, difendono ostinatamente il Cremlino, il che li porta a rinunciare al loro tradizionale impegno contro la guerra. Qual è la loro logica? ---- Conosciamo l'antimperialismo selettivo di alcune correnti di sinistra che denunciano - giustamente - le guerre della NATO, ma diventano improvvisamente relativistiche, acritiche, addirittura mute quando i crimini sono opera di stati rivali degli Stati Uniti. L'intervento imperialista della Russia in Siria? Lei è lì come un "potere ospite" vedi! L'annessione della Crimea, i protettorati nel Donbass? Pura necessità umanitaria! Islamofobia di Stato e persecuzione coloniale degli uiguri in Cina? Molto esagerato, la CIA mente!

A differenza dell'UCL, che denuncia ogni forma di imperialismo, questa sinistra ignora deliberatamente l'imperialismo del campo che sostiene; in questo è una "campista". Non è tanto che aderisce alle concezioni capitaliste, nazionaliste e poliziesche di Putin, Bashar al-Assad o Xi Jinping. Ma la sua aspirazione a un mondo multipolare, senza l'egemonia americana, la fa difendere da qualsiasi rivale del "principale nemico", qualunque sia la sua natura. Spinta da questa logica, la sinistra campista si trova quindi complice di imprese capitaliste "secondarie", colonialiste e guerrafondaie. È il caso dell'Ucraina, la cui invasione giustifica con l'argomento essenziale che il regime di Kiev è criminale, mafioso, terrorista.
Ecco allora? Non è proprio questa la retorica dello zio Sam per giustificare ogni suo intervento imperialista (Panama, Serbia, Afghanistan, Iraq, Libia...)?

La sinistra, la guerra e loro
Nel 2020, nel loro libro La Gauche et la Guerre, Michel Collon e Saïd Bouamama hanno sfidato la sinistra e l'estrema sinistra francesi con questo argomento molto giusto: "Possiamo criticare questi regimi mentre ci mobilitiamo efficacemente contro l'aggressione imperialista. Ciò che è problematico è quando questa critica porta a una posizione astensionista sulla questione dell'impegno contro questa aggressione. Due anni dopo, di fronte all'aggressione dell'Ucraina, l'astensionismo di questi autori è, da questo punto di vista, molto "problematico"! Sul loro sito Investig'action, infatti, ci sono una miriade di critiche al regime ucraino... ma non una volta queste semplici parole: "No alla guerra! Ferma i bombardamenti! Ritiro delle truppe occupanti!»

All'interno di questa sinistra campista, c'è la stessa doppiezza sul lato della libreria Tropiques (Parigi 14a), un normale luogo di incontro per la 3a età stalinista e asselineaufila, e il cui blog ricopre la sua tenerezza per l'imperialismo russo in uno stile sarcastico. Infine, il tono è molto più aggressivo nelle correnti staliniste, il premio va all'indescrivibile PRCF "tricolore rosso", che, con mappe a supporto, commenta la campagna quotidiana per la "liberazione" dell'Ucraina. , e per i quali la priorità è lottare contro... la "sacra unione euro-atlantista, imperialista, pretotalitaria, antinazionale, perfino estremista, che si va costituendo con la complicità degli staff della falsa sinistra, della falsi ecologisti e confederazioni sindacali Euroformat".
Quale sapore!

Guillaume Davranche (UCL Montreuil)

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Les-campistes-les-pieds-dans-le-tapis-de-bombes
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe https://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center