A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021 | of 2022

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Czech, AFED: L'inverno è finito, la primavera sta arrivando: le proteste russe contro Putin e la guerra (ca, de, en, pt)[traduzione automatica]

Date Sat, 19 Mar 2022 11:48:41 +0200


Russi e russi stanno protestando contro la campagna imperialista in Ucraina e stanno affrontando una dura repressione. ---- La Russia, trascinata dal regime di Vladimir Putin in una guerra di conquista contro l'Ucraina, sta vivendo massicce proteste pacifiche nella seconda settimana. In molte città gli anarchici stanno prendendo parte ad attività contro la guerra: domenica scorsa sono scesi in piazza attraverso una sfida decisiva, la cui traduzione vi presentiamo a fine articolo. Lo stato sta reagendo sempre più brutalmente, migliaia di persone sono state arrestate.
Ci sono proteste anche in altri paesi sotto la sfera di influenza di Putin. Sia il Kazakistan, dove il governo con l'appoggio del Cremlino ha recentemente represso una rivolta popolare, sia la Bielorussia, dove i bulli del dittatore Alexander Lukashenko perseguono duramente ogni protesta da anni.

In Russia, le proteste hanno protestato quasi costantemente dall'inizio della guerra, a volte solo individualmente o in piccoli gruppi, altre volte, come domenica scorsa, in massa. Manifestazioni pacifiche hanno colpito almeno sessanta città, e in molti luoghi si sono viste grandissime folle nei filmati dei social network. Il ministero dell'Interno russo ha affermato che si sono radunati 5.200 manifestanti, il che è chiaramente sottovalutato. Tuttavia, a causa della censura, è praticamente impossibile comunicare numeri reali.

Le manifestazioni sono accompagnate da una dura repressione. La piattaforma russa di monitoraggio della repressione OVD afferma che la polizia ha arrestato circa 5.300 persone in 74 città solo il 6 marzo. Tuttavia, il saldo complessivo è stato molto più alto dall'inizio dell'attacco all'Ucraina, che dopo domenica ha probabilmente superato i tredicimila in quasi 150 città. Centinaia di manifestanti sono stati detenuti per diversi giorni di seguito, ad esempio, la domenica precedente, 27 febbraio, sono stati registrati 2.855 nuovi perseguitati.

Decine di persone devono affrontare accuse penali, tra cui "vandalismo" o presunti attacchi della polizia. Ci sono anche paragrafi popolari contro "l'estremismo" o una novità, la diffusione di "informazioni false" - in pratica, la possibilità di perseguire chiunque racconti pubblicamente i fatti sulla guerra in Ucraina. Alcuni casi sono addirittura surreali: come una persona multata per un'iscrizione sulla neve o come bambini detenuti per un picchetto contro la guerra.

Durante gli arresti e sugli uffici, i bastardi hanno commesso pestaggi e abusi vari dei manifestanti. OVD registra decine di casi, in realtà le violenze saranno molto più frequenti. Vengono descritte percosse, scavare, trascinare i capelli, spruzzare disinfettanti sul viso, essere costretti a stare in piedi per ore e azioni illegali come la pressione sui detenuti per rivelare il numero di persone che non sono d'accordo anche con la guerra.

Putin non è la Russia

Nelle discussioni ceche sui social network, è diventata consuetudine invitare i russi a rovesciare finalmente Putin, o chiedersi perché non l'abbiano ancora fatto. Ma o è una manifestazione di ignoranza, forse di ingenuità. In primo luogo, come abbiamo descritto, molti russi vorrebbero rovesciare Putin, o almeno opporsi all'attuale guerra in Ucraina. La loro quota non sarà piccola, ma è difficile stimare percentuali specifiche dalle informazioni disponibili.

Per molti anni, la Federazione Russa è stata uno stato fortemente autoritario, guadagnando anche elementi totalitari con la guerra. Russi e russi affrontano una propaganda costante. I media indipendenti sono stati soppressi - praticamente al cento per cento dopo la scorsa settimana - i social network stranieri sono stati bloccati. L'accesso a informazioni alternative richiede quindi attività e competenze tecniche o applicative (Telegram), che molte persone non hanno.

L'opportunità di parlare in pubblico è minima e pericolosa: scendere in piazza - non solo per una manifestazione, ma anche con un picchetto - significa esporsi a un alto rischio di arresto, feroce violenza della polizia e carceri potenzialmente crescenti. I servizi segreti a volte "scaldano" i mostruosi processi contro gli antifascisti, quando persone innocenti sono costrette dalla tortura a "confessare" e sculacciare i loro amici, e lasciano i tribunali con molti anni di punizione per niente.

È arrogante sostenere che le persone non hanno rovesciato Putin in un tale ambiente. Molti russi e russi fanno tutto ciò che è in loro potere e meritano riconoscimento e sostegno, non istruzione. Chiediamo quindi il rispetto e il sostegno della Croce Nera Anarchica (ABC) di Mosca, che cerca di aiutare i perseguitati.

Puoi contribuire alle casse in diverse società collegate - con l'importo totale raccolto diviso equamente tra l'ABC di Mosca e gli antifascisti ucraini - oppure provare a inviare il contributo direttamente in Russia. I dettagli possono essere trovati QUI .

Si prega di notare che ABC Mosca prevede di utilizzare PayPal, che prende una percentuale per il trasferimento di denaro e ha recentemente annunciato che lascerà la Russia. Scopriremo i dettagli e li informeremo il prima possibile. In ogni caso, non rovinerai nulla contribuendo ai salvadanai.

L' inverno è finito, la primavera sta arrivando: l'Azione Autonoma della Russia chiede proteste

L'esercito russo ha invaso l'Ucraina. Putin è impazzito e il suo esercito ora sta bombardando le città, sparando a popolazioni pacifiche, uccidendo bambini. Più di un milione di persone sono fuggite dall'Ucraina per salvarsi dai "liberatori" di Putin.

Ci rifiutiamo di sottometterci alla censura di guerra russa e diciamo apertamente e chiaramente: questa è guerra. Guerra di conquista guidata dall'esercito della Federazione Russa. Gli ucraini si stanno difendendo con successo dagli occupanti e noi, che ora siamo in Russia, non possiamo restare a guardare. Dobbiamo mostrare a noi stessi e al mondo che siamo contro la guerra, che solo Putin e la sua banda hanno bisogno di questa guerra. Essere contro la guerra ora è il vero antifascismo.

La prossima giornata di azioni contro la guerra in Russia sarà la prossima domenica, 6 marzo. Esci nella piazza principale delle tue città. Decidi l'orario e organizza gli eventi in autonomia, soprattutto nelle strade.

Il governo russo è ora nel panico. Hanno già capito che stanno perdendo la guerra. Ecco perché stanno minacciando istericamente i partecipanti alle azioni contro la guerra: espulsione dalla scuola, licenziamento dal lavoro, reclutamento immediato nell'esercito, reclusione. Non aver paura di loro. Gli ucraini nelle loro città stanno protestando contro gli occupanti a mani nude. Contro i soldati armati. Contro i carri armati. Dopo tutto questo, possiamo davvero avere paura delle macchine della polizia russa?

Chiediamo la fine immediata della guerra. Chiediamo l'immediata e incondizionata partenza delle truppe russe dall'Ucraina. È la condizione principale di qualsiasi altra cosa: l'aggressione della Federazione Russa deve finire. Dobbiamo impedire alle persone di morire. Putin non ci ha chiesto quando stava pianificando un'invasione, ma non lo abbiamo fermato in tempo. Almeno dobbiamo farlo ora.

Il nostro obiettivo principale è fermare la guerra in Ucraina. Ma dobbiamo anche lottare per il futuro della Russia. Al pazzo dittatore non resta molto tempo: una piccola guerra vittoriosa non va secondo i piani, e ora il suo rovesciamento è solo questione di tempo e di mezzi concreti. Ma cosa succede dopo Putin?

I paesi che hanno aderito alla "Federazione Russa" si trovano ora a un bivio storico. Il crollo del regime di Putin può innescare processi di liberazione. Certo, non porteranno immediatamente a un ideale anarchico, ma almeno la Russia non sarà più in guerra con il mondo intero e la sua stessa popolazione. L'ondata di cambiamento può portare la possibilità di un vero cambiamento nel sistema politico verso un grande decentramento, come l'abolizione della presidenza e il passaggio a una repubblica parlamentare.

C'è però un'altra variante di "cosa accadrà dopo Putin": uno stridio ancora maggiore del regime, la chiusura ermetica di tutte le frontiere e la rottura dei contatti internazionali. L'attuale blocco di metà di Internet in Russia è solo la prima rondine. Non ci sarà forza per le guerre di conquista, ma non semplificherà la vita alle persone: si troveranno in uno stato simile alla Corea del Nord. Non esiste un movimento anarchico.

Abbiamo tutti un'opportunità unica nei prossimi giorni e settimane. Il regime autoritario di Putin ha commesso un errore fatale e sta perdendo l'equilibrio. Se lo psicopatico del Cremlino non preme il pulsante nucleare, non sarà qui per molto tempo. Tutto ora dipende da noi, il popolo russo. Se rimaniamo in silenzio, le sfide vengono rapidamente raccolte dagli isolazionisti e dai conservatori, di cui la maggior parte è tra le élite di potere. Ma se siamo attivi, vinceremo. Tutto quello che devi fare è spingere il leviatano arrugginito e si sbriciolerà in polvere.

Scendi in piazza il 6 marzo. Se non puoi solo questo giorno, vai un'altra volta. Se proprio non puoi protestare contro la guerra in altri modi: stendere volantini, attaccare adesivi, scrivere "No wars" sui veli, appendere manifesti ai balconi. Parlare alle persone. Adesso è più importante della scuola, del lavoro, di tutto il resto. Ora si decide il destino dell'Ucraina, ma anche della Russia. Riguarda il nostro futuro e solo noi saremo responsabili di come sarà.

L'inverno è finito. La primavera sta arrivando.

Fonte: https://avtonom.org/news/nastupaet-vesna-vyhodite-na-ulicy-protiv-voyny https://ovd.news/news/2022/03/02/russian-protests-against-war- _ ucraina-cronaca-eventi https://ovd.news/news/2022/03/06/spiski-zaderzhannyh-v-svyazi-s-akciyami-protiv-voyny-s-ukrainoy-6-marta-2022-goda https: //www.voxpot.cz/dopis-z-moskvy-odsud-to-nemuzeme-zastavit/ https://a2larm.cz/2022/03/proc-v-rusku-nejsou-statisicove-demonstrace-proti-valce- spiega-sociologist-grigorij-judin / https://www.screw.com/world/europe/more-than-64-people-detained-anti-war-protests-russia-protest-monitor-2022-03-06/

https://www.afed.cz/text/7604/zima-konci-prichazi-jaro-ruske-protesty-proti-putinovi-a-valce
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe https://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center