A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021 | of 2022

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Czech, AFED: Atteggiamenti verso la guerra - Come vedono gli anarchici nella Repubblica Ceca la guerra in Ucraina? (ca, de, en, pt)[traduzione automatica]

Date Sun, 3 Apr 2022 08:09:40 +0300


Un altro numero della rivista anarchica Existence, che vorremmo trascorrere il primo maggio, affronterà la questione della resistenza all'invasione russa dell'Ucraina. Uno dei testi, già in preparazione, tratterà di un confronto tra dichiarazioni contro la guerra di vari gruppi anarchici nel mondo. Da questo confronto, due approcci non simili a quelli presentati prima e durante la prima guerra mondiale cristallizzano i campi accanto a Petr Kropotkin ed Erric Malatesta. Mentre il primo ha sostenuto una visione realistica della guerra e si è schierato con il Trattato per impedire la vittoria dell'autoritarismo tedesco, il secondo in linea di principio si è attenuto alla rigida posizione antimilitarista e al rifiuto di entrambe le parti. In generale, gli atteggiamenti attuali sono simili. Come degustazione, vi portiamo un capitolo del testo in cui il suo autore, Karel Lukeš, tratta dell'atteggiamento degli antiautoritari cechi nei confronti della guerra.

Atteggiamenti degli anarchici nella Repubblica Ceca

Nella Federazione Anarchica (AF), come si evince, tra l'altro, dalla sua dichiarazione " Contro l'invasione, ma senza ipocrisia " del 25 febbraio, l'opinione prevalente è quella di prevenire l'invasione di Putin senza idealizzare lo Stato ucraino, sopportando tenere conto degli atteggiamenti ipocriti dell'Occidente e di affrontare i requisiti specifici che devono essere posti in essere ora per respingere l'invasione il prima possibile e che dovranno essere affrontati immediatamente dopo la fine del conflitto, o durante esso alla luce di ulteriori sviluppi. Allo stesso tempo, presenta anche punti che dovrebbero diventare una delle priorità del movimento antiautoritario in questa situazione. A livello pratico, l'AF si concentra sul supporto attivo del progetto Operazione Solidarietà, comprese le unità di combattimento del Comitato di Resistenza.

I nostri amici del gruppo K115 hanno pubblicato la dichiarazione " Niente guerra, per una politica transnazionale di pace ", ma non l'hanno firmata. In esso, un certo numero di gruppi di sinistra in tutto il mondo aderiscono allo stile "tutti i partiti sono uguali" e chiedono "che tutte le ritorsioni militari ed economiche reciproche siano interrotte immediatamente", lasciando praticamente l'Ucraina a Putin.

Il gruppo anarcopacifista VAP non ha commentato il suo blog . La domanda è se esiste ancora davvero.

La federazione anarchica di Ostrava ha commentato l' ipocrisia dell'Occidente: "È divertente, tuttavia, quando le nazioni occidentali della NATO iniziano a offendere le azioni della Russia, che non competono con le azioni dei 'paesi democratici'.": "Gli anarchici invitano tutti a combattere la guerra con tutti i mezzi. La solidarietà dei diseredati è l'arma più potente che abbiamo contro le guerre dei potenti. Allo stesso tempo, è necessario confrontarsi con coloro che esprimono apertamente sostegno alla politica fascista di Vladimir Putin».

L'associazione storica Zádruha affronta il tema della guerra pubblicando frammenti della storia antimilitarista del movimento operaio. Insieme all'iniziativa dei lavoratori (OSIP), vende torte di beneficenza e magliette "No wars" , il cui ricavato è destinato al gruppo anarco-sindacalista in Russia e al gruppo Assamble in Ucraina.

L'OSIP ha anche portato traduzioni della dichiarazione di guerra da vari sindacati stranieri. In una dichiarazione rilasciata il 5 marzo, ha affermato: "Non dobbiamo permettere che le persone che hanno dovuto lasciare le loro case prima della guerra o a causa della persecuzione del regime di Putin diventino risorse umane a basso costo per i capi nazionali e stranieri. Dobbiamo dare loro una mano e organizzarci insieme contro i padroni del movimento sindacale. "Nel testo" Perché essere antimilitaristi? o la risposta dei lavoratori e dei giovani alla guerra!L'OSIP poi si agita: "L'antimilitarismo non è una manifestazione di debolezza, per non parlare di codardia, ma la forza dello spirito e della coscienza, che non faremo il loro gioco come soldati, non saremo gli assassini dei nostri fratelli e sorelle! Il vero eroismo è rifiutare la guerra! Aiuta coloro che fuggono dalla guerra, e non solo donne e bambini, ma anche uomini che rifiutano di morire e diventano assassini. L'eroismo è rifiutare l'ordine dei leader di andare in guerra, di arrendersi. L'eroismo è deporre le armi e il deserto. Eroismo è protestare contro la guerra, fermare la politica nella guerra: manifestazioni, sciopero generale, sabotaggio della produzione e del commercio bellico, rimozione dei governanti dal potere, insurrezione, rivoluzione sociale. E poiché "la guerra attuale e la minaccia di guerre future possono essere fermate solo da un forte movimento di emancipazione dei lavoratori e dei giovani,

Il 10 marzo il Collective Against Capital Group, a cui siamo legati da rapporti amichevoli, ha pubblicato un'analisi, in cui afferma realisticamente che è dovere "con tutti i mezzi disponibili, ma oggi molto deboli, sostenere il movimento democratico armato per emanciparsi dalla tutela simbolica dello Stato ucraino al collasso. Cercando di rivolgersi alla componente proletaria del movimento, a larghissima maggioranza tra i volontari, compresi quelli tornati a lavorare dall'estero, per ancorare la propria resistenza a difendere i propri interessi contro il proprio Stato e i propri capi, che si cambiano rapidamente la giacca al prima opportunità. (...) Finché non ci sarà una polarizzazione di classe all'interno della resistenza popolare, non è all'ordine del giorno invocare la creazione di brigate di combattenti proletari per la rivoluzione sociale. Tali sfide possono avere senso solo se le classi inferiori hanno il proprio piano politico e le proprie strutture armate, rilevano inoltre che «la scomposizione del disfattismo rivoluzionario in pacifismo è oggi espressa dal rifiuto del sostegno critico alla resistenza, con la classica affermazione che i due partiti in guerra sono gli stessi. (...) Questa politica contribuisce al disarmo politico del proletariato e, nel contesto dell'attuale guerra in Ucraina, ratifica di fatto la politica di annessione e distruzione della Russia".

Link correlati: A3: Il nazionalismo è il fratello della guerra Cinque nomi Volontari cercano di aiutare i rifugiati in Polonia Igor Volochov Kiev: Comitato di Resistenza Nessun paese rimasto dopo la battaglia Vista da Ucraina e Russia (II.) Non ucciderò i miei fratelli! L'inverno è finito, la primavera sta arrivando: le proteste russe contro Putin e la guerra Putin non passerà, Kiev vive: cosa facciamo per sostenere l'Ucraina Contro l'invasione, ma senza ipocrisia Il nazionalismo appartiene alla discarica dell'IFA contro l'aggressione di Putin Anarchici russi sull'invasione dell'Ucraina Come aiutare anarchici e anarchici in Russia e Ucraina NESSUNA GUERRA! Contro le annessioni e l'aggressione imperialista

https://www.afed.cz/text/7618/postoje-k-valce
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe https://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center