A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021 | of 2022

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) cnt-sindikatua: Non pagare la guerra, fai un'obiezione fiscale (ca, de, en, pt)[traduzione automatica]

Date Sun, 3 Apr 2022 08:09:26 +0300


Il 4 aprile inizia a Bizkaia la campagna di dichiarazione dei redditi e la Cnt chiede un'obiezione fiscale ---- "L'Obiezione Fiscale è un atto di disobbedienza civile collettiva e non violenta, è il rifiuto di collaborare finanziariamente con lo Stato - attraverso il conto economico (IRPF) - al finanziamento di poste inique e dannose" sottolineano l'anarcosindacalista centrale ---- Un altro anno, gruppi, associazioni e sindacati chiedono l'opposizione fiscale. "Quello che si persegue è, in modo collettivo e organizzato, mostrare la nostra opposizione a determinati investimenti del governo, fare pressione sullo Stato affinché non spenda i nostri soldi per cose ingiuste, per generare un dibattito sociale sulla modello di società che vogliamo, promuovere con i soldi deviati progetti trasformativi e, infine, utilizzare uno strumento che ci autorizzi e ci permetta di essere protagonisti nella costruzione di quell'altro mondo possibile", precisano gli organizzatori. Si propongono destinazioni alternative, in quanto l'Obiezione Fiscale consente di destinare i soldi dirottati a gruppi o iniziative che svolgono compiti socialmente trasformativi: gruppi di solidarietà, femministe, ambientaliste, antimilitariste, antirazzisti, anti- capitalisti, ecc. Per promuovere la costruzione di un mondo giusto, è necessario rafforzare queste vere "difese" sociali in alternativa alla presunta "difesa militaristica". L'anno scorso, quasi 100.000 euro sono stati dirottati attraverso questo canale.

Per facilitare l'Obiezione Fiscale, i gruppi che "promoviamo questa campagna aprono uffici a Bilbao, Donostia e Vitoria-Gasteiz per fare il conto economico a titolo gratuito con l'Obiezione Fiscale", hanno chiarito dalla CNT. L'inizio della campagna a Bizkaia è anticipato al 4 aprile (ad Araba e Gipuzkoa è il 19 aprile). "Da quel giorno ognuno di noi riceverà una lettera con l'esito della bozza della dichiarazione e altre informazioni, e la consultazione della bozza e la consegna della dichiarazione dei redditi potrà avvenire solo per via telematica , " dettagliano. "È importante che tu non lo presenti, poiché, in tal caso, non sarebbe possibile farlo di nuovo con l'obiezione fiscale nell'ufficio di Eragozpen Fiskala", osservano dalla CNT.

A partire da lunedì 19 aprile cominceranno gli appuntamenti per l'ufficio di opposizione tributaria, e per questo è possibile chiamare dal 19 aprile, dal lunedì al giovedì dalle 17:00 alle 20:00 al numero 609 469 599. Tutte le informazioni possono essere trovato su https://www.eragozpenfiskala.org/

Nelle righe seguenti puoi leggere il comunicato:

NO ALLE GUERRE. DISATTIVA LE TUE TRIBUTI QUANDO FAI LA DICHIARAZIONE REDDITO. FATE #Obiezione Fiscale

La guerra è il più grande crimine contro l'umanità. Crimine che viene commesso contro la popolazione di numerosi paesi del mondo, e che nel 2022 si è intensificato anche in Europa dopo l'aggressione russa e la guerra in Ucraina, oltre al militarismo della NATO. Causando migliaia di morti e milioni di sfollati.

Prima dello scoppio di questa guerra, le conseguenze dei conflitti armati hanno raggiunto anche l'Europa, sotto forma di migliaia di persone in fuga dalle sofferenze causate dagli eserciti, nello Yemen, in Siria o negli oltre 20 paesi in cui lo Stato spagnolo interviene militarmente. Di fronte a questa situazione, l'UE sperpera ingenti somme di denaro per militarizzare le frontiere, impedire l'accoglienza delle persone che ne hanno bisogno e perpetuare la loro situazione di mancanza di protezione e di violazione dei loro diritti più elementari.

Lo scoppio della guerra in Ucraina porterà solo sofferenza e un mondo più ingiusto. La risposta dei paesi membri dell'UE e della NATO non invita a guardare al futuro con ottimismo, poiché le loro azioni non sono mai state volte ad abbassare l'escalation militare, né prima né dopo l'inizio dell'invasione russa. Lo Stato spagnolo ha collaborato a questa escalation inviando materiale militare offensivo. È del tutto impraticabile e profondamente ingiusto cercare una soluzione al conflitto attraverso la violenza degli Stati; nessun esercito difende la pace

Già prima di questa guerra, il trend degli sprechi nelle spese militari aumentava anno dopo anno negli stati membri della Nato, al punto che in Spagna superava i 700 euro a persona. Ora, diversi paesi come la Germania sono favorevoli a un aumento massiccio di queste spese militari e ci si aspetta che più colleghi europei seguano l'esempio.

Il compito principale degli eserciti è assicurare il mantenimento del capitalismo; il processo di distruzione e saccheggio delle risorse naturali, oltre a difendere le compagnie transnazionali che depredano i paesi poveri, che hanno trascinato il pianeta verso una devastante crisi climatica.

La costruzione di un mondo più giusto implica lottare per l'eliminazione di tutte le sue cause. Uno di questi è il suo finanziamento. Dato il crescente spreco di denaro pubblico per le spese militari, siamo fermamente impegnati a fare un'obiezione fiscale alla spesa militare nel prossimo conto economico.

L'obiezione fiscale è il rifiuto di collaborare finanziariamente con lo Stato nel finanziamento delle guerre. È un atto di disobbedienza civile e consiste nel non versare parte delle tasse per destinare tale importo ad altre iniziative cittadine che lavorano alla costruzione di alternative di natura trasformativa e solidale.

Nel 2021 l'obiezione fiscale ha continuato a consolidarsi nel CAV, dove quasi 200 persone si sono opposte al finanziamento degli eserciti e hanno deciso che parte delle loro tasse andrebbero utilizzate per progetti che contribuiscano a una società più giusta e solidale: iniziative ambientali, I diritti umani
oi media sono state alcune delle destinazioni alternative per le loro tasse, a cui sono stati stanziati circa 17.900 euro.

Ancora un anno apriamo gli uffici per l'obiezione fiscale a Bilbao, Vitoria-Gasteiz e Donostia, dove, previo appuntamento e gratuitamente, faremo il conto economico applicando l'obiezione fiscale. Puoi trovare tutte le informazioni su www.eragozpenfiskala.org.

Argitan, Armiarma, AZET Etxebizitza Sindikatua, BATU Elkarlaguntza Sarea, CNT Bilbao, Ekologistak Martxan, Elkarlaguntza Sarea Galdakao, ESK, Finantzaz Haratago, Irola Irratia, ISF Euskadi, Kakitzat, KEM-MOC, Lumaltik Herriak, Mugarik Gabe, Mundubat, Setem Hego Haizea , REAS, Medicus Mundi Araba, Ongi Etorri
Errefuxiatuak, Posada de los Abrazos, Zehar-Errefuxiatuekin, WDR-Bizkaia (Women Defend Rojava)

LA GUERRA INIZIA QUI, FERMIAMOLA QUI

http://www.cnt-sindikatua.org/es/noticias/no-pagues-la-guerra-haz-objeccion-fiscal
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe https://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center