A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Oceania anarchist-communists: Libertà per la Palestina! - Dichiarazione dei gruppi comunisti anarchici in Oceania (ca, de, en,pt)[traduzione automatica]

Date Thu, 20 May 2021 10:11:11 +0300


Dal 19 ° secolo, il movimento sionista ha condotto una brutale guerra coloniale contro la società araba palestinese, quasi senza sosta. I recenti tentativi di sgombero nel quartiere di Sheikh Jarrah della Gerusalemme Est occupata sono solo gli ultimi di una lunga storia di oppressione e vittimizzazione delle classi lavoratrici palestinesi. ---- Giovedì 6 maggio, i palestinesi hanno iniziato le proteste contro l'imminente israeliano Decisione della Corte Suprema di sfrattare i palestinesi dal quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme. Con l'escalation delle proteste, Israele ha risposto con la violenza, che solo ha stimolato un'ulteriore escalation.
Mentre l'espansione israeliana nei restanti territori palestinesi continua senza sosta, ogni pochi anni assistiamo a un'esplosione di violenza di stato progettata per soggiogare la resistenza palestinese. L'espulsione dei palestinesi dalle loro case e dalla loro terra è stata rafforzata da un regime in stile apartheid, sostenuto dall'imperialismo statunitense. A sua volta, lo stato israeliano sostiene e incoraggia i pogrom contro i palestinesi, favorendo la disumanizzazione sia degli oppressi che degli oppressori. Gli esempi di violenza sionista abbondano: la demolizione delle case palestinesi a Jenin, con i civili ancora all'interno; l'uso di fosforo bianco durante l'operazione Piombo fuso; l'istituzione di Gaza come "la più grande prigione a cielo aperto del mondo" dove i cittadini palestinesi sono affamati, lasciati senza accesso a molte graffette e soggetti a orribili violazioni della loro dignità.

Nel 2021, lo stato israeliano ha annunciato ancora una volta la sua barbarie al mondo. Israele ha minacciato di continuare l'attacco fino a quando non ci sarà un "silenzio totale", nient'altro se non una metafora della pulizia etnica di fronte alla resistenza popolare.

Ma come per tutte le forme di resistenza, l'attuale lotta non ha una causa: accanto allo shock economico innescato dal COVID-19, i palestinesi in Cisgiordania sono stati provocati anche dalla decisione del leader impopolare dell'Autorità Palestinese, Mahmoud Abbas , per rinviare le prossime elezioni - elezioni che sa di perdere.

A Gaza, la resistenza è in gran parte guidata da Hamas, un'organizzazione di destra, nazionalista religiosa e conservatrice che opprime la classe operaia palestinese a pieno titolo. Il terrore israeliano gioca nelle mani di Hamas e del loro progetto, impedendo alla resistenza palestinese di svilupparsi lungo le linee della classe operaia.

La resistenza palestinese non è semplicemente la preoccupazione dei palestinesi, o dei musulmani, o degli umanitari: è la preoccupazione di tutti i lavoratori nel mondo. Il successo della lotta palestinese dipende dalla sua internazionalizzazione, trasformando la lotta di questo unico gruppo in una vera lotta della classe operaia globale che non solo risponderà "alla questione nazionale" ma anche alla questione fondamentale del capitalismo. Questo è ancora più vero oggi, poiché i governi arabi vicini come l'Egitto e quelli del Golfo abbandonano la facciata della loro opposizione e formalizzano le loro alleanze con Israele. Se le lotte per la libertà in questi paesi si collegano alla lotta in Palestina, allora né Israele né le dittature arabe hanno una possibilità.

La resistenza selvaggia dei palestinesi ha colto di sorpresa sia Fatah, il principale partito dell'Autorità Palestinese, sia Hamas, il principale partito di Gaza. Nessuna delle due parti controlla le proteste, che hanno preso di mira in modo schiacciante lo stato israeliano. La risposta di Hamas è stata lanciare razzi contro Israele, prendendo di mira i civili e invitando il governo israeliano ad attaccare ancora una volta Gaza. Questo non è un tentativo di sostenere le proteste, ma di smobilitarle; trasferendo la lotta sull'aereo militare, Hamas spera di mettere da parte le masse palestinesi e impedire loro di sviluppare un'alternativa della classe operaia per la loro resistenza.

Come anarchici, la nostra posizione contro il nazionalismo non dovrebbe essere scambiata per opposizione alla resistenza: siamo contro il nazionalismo perché crediamo che la resistenza possa avere veramente successo solo senza di essa. L'occupazione israeliana è una forma nuda di oppressione coloniale e le sue vittime palestinesi hanno tutto il diritto di resistervi con qualsiasi mezzo che sia in accordo con l'obiettivo finale della liberazione.

I leader mondiali liberali, siano essi americani, australiani, portavoce dell'UE o delle Nazioni Unite, parlano di "allentamento dell'escalation" e "moderazione da entrambe le parti"; giustificano solo la continua oppressione della Palestina. Non c'è zona grigia, non ci sono due parti uguali in guerra. Le masse palestinesi stanno resistendo all'oppressione.

Solo la solidarietà tra il popolo oppresso della Palestina e le classi lavoratrici del mondo può porre fine all'occupazione. Chiediamo al movimento anarchico internazionale ea tutti i ribelli della classe operaia di unirsi a noi nel denunciare l'occupazione israeliana della Palestina e nel sostenere la resistenza ad essa.

Toccane uno, tocca tutto.

In solidarietà e resistenza,

Le sottoscritte organizzazioni comuniste anarchiche dell'Oceania:

Comunisti anarchici Meanjin
Black Flag Sydney (Ammutinamento)
Comunisti anarchici di Geelong
Gruppo comunista anarchico di Melbourne
Note rosse e nere
Tamaki Makaurau Anarchists

14/5/2021

Puoi sostenere l'azione locale per la Palestina qui:
Melbourne - EMERGENZA: Palestina Melbourne Rally questo sabato e il prossimo - https://www.facebook.com/events/944052973044805/

Sydney - Rally: #SaveSheikhJarrah libera la Palestina, commemorare Al Nakba - https://www.facebook.com/events/841268616598354/

Brisbane - Raduno e marcia della Nakba palestinese - https://www.facebook.com/events/482349836444158/

Adelaide - Speakout: salva Sheikh Jarrah, difendi la Palestina - https://www.facebook.com/events/129509095803129/

Perth - Veglia per la Palestina
https://www.facebook.com/events/1435082826833935/

Geelong - Foto di solidarietà con la Palestina
https://www.facebook.com/events/944052973044805/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center