A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Unione Comunisti Anarchici D'Italia UCADI: Newsletter #144 - Garavaglia turista per caso

Date Sun, 28 Mar 2021 10:48:26 +0300


Veniamo ai due ministri espressi dalla Lega, entrambi appartenenti all'ala "moderata": Giancarlo Giorgetti e Massimo Garavaglia, che rappresentano la copertura del segretario della Lega verso l'elettorato imprenditoriale. ---- Giorgetti ---- Giorgetti fu chiamato dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (ne avesse fatta una giusta!) a far parte dei saggi che dovevano ridefinire il complesso delle leggi economiche e sociali del paese. Si ignoravano allora e si ignorano tuttora quali fossero le qualità che lo qualificassero quale "saggio". Il suo curriculum non è entusiasmante: laureato alla Bocconi con una tesi in economia aziendale, prima di approdare alla Lega Nord Padania faceva il revisore dei conti per qualche comune del varesotto e politicamente proveniva dal Fronte della Gioventù, associazione giovanile del Movimento Sociale Italiano. La sua carriera politica inizia quale Sindaco del proprio paese natale: Cazzago (!!!) Brabbia. A trent'anni entra in Parlamento e non ne è più
uscito. L'unico suo punto di forza è la capacità di far da paracadute alle intemperanze di Matteo Salvini di cui è il vicesegretario. I successi della sua attività parlamentare sono due: l'aver redatto la legge 40/2004 che costituisce senza ombra di dubbio uno dei provvedimenti legislativi più controversi della storia repubblicana, quello sulla procreazione assistita, una vera infamia. L'altro merito è quello di esser stato relatore della legge finanziaria redatta dal Governo Berlusconi IV, proprio al momento finale della parabola decrescente di quell'esecutivo. Nel 2018 Salvini lo trae di nuovo dall'ombra per fargli fare da cane da guardia al sedicente "avvocato del popolo", divenendo così sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri del Governo
Conte I, quello giallo-verde.
Recentemente al Meeting di Rimini del 2020 si è erto a difesa del dissestato sistema sanitario lombardo, sostenendo che ormai i medici di famiglia non servono più, in quanto i mutuati non si rivolgono più a loro, ignora evidentemente che vi si reca il 74% delle persone maggiorenni ed il 90% di coloro che superano i 65 anni. Con le sue dichiarazioni Giorgetti avallava la politica del "celeste "Formigoni seguita dal suo successore Maroni che ha distrutto la struttura territoriale della sanità lombarda per privilegiare i grandi ospedali e destinare ben il 40% delle risorse pubbliche alla sanità privata operante in Regione Lombardia (Il virus è una cartina di tornasole, 19 Marzo 2020 N. 129 - Marzo 2020;Il diritto alla cura per tutti, 3 Aprile 2020, N. 130 -Aprile 2020, Crescita Politica newsletter ).
Giorgetti è laureato in economia, ma le sue esperienze macroeconomiche sono perlomeno dubbie, per cui quale responsabile del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) rischia di dover fare da notaio a circa 160 crisi aziendali tutte o quasi senza soluzioni. Per quanto riguarda poi le risorse del Next Generation Fund. Il rischio è quello di fare il vaso di coccio tra i vasi di ferro, rappresentati dai mastini installati da Draghi nei ministeri destinati a gestire l'enorme quantità di risorse in arrivo dall'Europa.

Garavaglia

Le due carriere corrono parallele. Anch'egli laureato in Economia e Commercio alla Bocconi, vanta però una seconda laurea in Scienze Politiche alla Statale di Milano. Anche lui inizia far politica come Sindaco di un piccolo paese della cintura milanese: Marcallo con Casone. A 38 anni entra alla Camera dei Deputati e a 40 al Senato. La sua vita parlamentare si interrompe nel 2013, quando Roberto Maroni lo chiama a ricoprire il ruolo di Assessore all'Economia, Crescita e Semplificazione della Regione Lombardia. Qui ha il primo guaio giudiziario: nel 2016 viene indagato per turbativa d'asta insieme al responsabile lombardo di Forza Italia, Mario Mantovani: lui viene assolto, ma Mantovani riceve una condanna do 5 anni e 7 mesi.
Nel 2016 la procura presso la Corte dei conti lombarda nel 2016 ha aperto una istruttoria a seguito della controversa vendita del palazzo Beretta, che si trova in Corso Italia a Milano e ospita la sede della Ast del capoluogo. La contestazione di responsabilità si chiude con una accusa di danno patrimoniale ai quattro indagati compreso tra 2 e 13 milioni di euro; Garavaglia, allora assessore in regione Lombardia, non avrebbe avuto titolo per occuparsi di questa cessione, ma ha avuto in realtà un ruolo determinante. Nel 2020 se n'è uscito con la proposta di far anticipare un aumento dell'IVA del 25,2%, che poi sarebbe stata rimborsata in quest'anno fiscale; immediata la protesta dell'associazione dei commercialisti; ma poi come credere che una volta pagato i soldi sarebbero stati restituiti, anche in considerazione del perdurare della pandemia, con le gravi conseguenze economiche che essa trascina con sé.

‘Associazione Italiana Dottori Commercialisti sconcertata su proposta dell'ex viceministro Massimo Garavaglia di pagare una maggiore IVA nel 2020 per poi sperare di avere un rimborso nel 2021 "Pagare maggiore IVA nel 2020 per poi sperare di avere un rimborso nel 2021: questa l'ultima esternazione dell'ex viceministro Garavaglia, in merito all'ipotesi di rimborso dell'IVA successivamente al suo incremento al 25,2% dal 1° gennaio del prossimo anno. Pur tralasciando evidenti perplessità di natura tecnico operativa, siamo consapevoli che la materia tributaria torna ad essere solo terreno di conflitto elettorale, restando mero strumento di promesse chimeriche ai contribuenti, invece di formare oggetto di un serio e concreto progetto di vera riforma". E' quanto afferma l'Associazione Italiana Dottori Commercialisti (AIDC) in merito alla proposta avanzata dall'ex viceministro all'Economia Massimo Garavaglia. "Le affermazioni temerarie di Garavaglia fanno il paio con quella dell'ex viceministro Bitonci, che ha deciso di sostenere pubblicamente le rimostranze delle associazioni sindacali di categoria avverso l'improvvida introduzione degli ISA, avvenuta in maniera frammentaria e tardiva. Peccato.

Ora il nostro è divenuto Ministro del Turismo del Governo Draghi, un ministero resuscitato, attribuendogli competenze sottratte a quello dei Beni Culturali. Il nostro è un "esperto di conteggi", ma non risulta che si sia mai occupato di turismo, persino nella qualità di "turista"; eppure, questo è uno dei settori chiave da cui il paese dovrebbe ripartire per il proprio rilancio economico. Resta la sensazione che tutti i Ministeri affidati ai politici nell'attuale esecutivo siano puri riempitivi, volti a soddisfare le bramepartitiche, attori di complemento, comparse di contorno alla squadra che gestirà la vera sostanza per cui il Governo è stato voluto da chi "vuole colà dove si puote e più non dimandare".

http://www.ucadi.org/2021/03/12/garavaglia-turista-per-caso/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center