A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) PRIMA DELLA VITTORIA DEL CLASSISMO E DELL'ATTUALE SOSPENSIONE DELLA "UNIONE DI POLIZIA" - LETTERA DEL PARERE DI FAU MARZO 2021 (ca, de, en, pt)[traduzione automatica]

Date Sat, 27 Mar 2021 10:47:39 +0300


Un ampio e profondo dibattito si è generato nel movimento sindacale e popolare, e anche attraverso la stampa, con la partecipazione di attori che non hanno nulla a che fare con le organizzazioni sindacali sulla sospensione del "sindacato" di polizia PIT CNT, fino a Il Congresso analizza e definisce la sua situazione.
Da tempo il Coordinamento sindacale solleva la discussione sull'importanza o meno dell'integrazione del "sindacato" di polizia nel PIT CNT. Questa discussione è diventata più rilevante dopo la repressione di una marcia contro UPM nel 2019. È lì che stanno installando i sindacati di vari settori come ferrovie, poste, tassametro, energia e acqua, istruzione pubblica e privata, grafica, pesca, frigoriferi municipali. la questione, direttamente nel Tavolo dei Rappresentanti della Convenzione e / o nelle rispettive unioni di base ea livello nazionale. Altri gruppi sindacali fanno lo stesso.
La militanza della FAU ha partecipato attivamente all'ambiente sindacale in questo processo, promuovendo l'espulsione definitiva di questo osceno. Tutta la nostra militanza ha preso questo tema per diversi anni come un asse di agitazione e lo abbiamo posto sul tavolo in ogni modo possibile, non sulla stampa, ma nella propaganda e nel dibattito tra lavoratori.
Ma d'altra parte colpisce il congiungimento di voci che sono uscite a difendere chi è sospeso. Un'ondata di indignazione percorre la stampa borghese e gialla, politici di ogni tipo, soprattutto della rancida destra e delle correnti riformiste del movimento sindacale. Tutti all'unisono gridando e gridando contro questa legittima decisione del Consiglio di Rappresentanza, e utilizzando anche tutti gli strumenti dei media per mettere nell'opinione pubblica l'idea che gli agenti di polizia che compongono il "sindacato" sono "poveri che sono stati attaccati" e i sindacati che promuovono la sospensione "alcuni ultras" o "alcuni a tarda notte", che un po 'più vivono "con gli occhi nel collo", come avrebbe detto tante volte Sanguinetti.
Sindacato?
La domanda dovrebbe essere posta, poiché un sindacato suppone una serie di istanze e azioni in cui i lavoratori partecipano, attuano misure di lotta, negoziano con i datori di lavoro, ecc. Niente di tutto questo è verificato in questo caso. A loro è vietato svolgere scioperi e assemblee sul posto di lavoro, mancare di rispetto all'autorità e non hanno la pratica di contestare tali mandati e imposizioni. D'altra parte, non hanno attuato misure concrete di lotta durante questo periodo e non hanno mostrato solidarietà con nessuno.
Più che un sindacato, Sipfom ha componenti corporative, ed è chiara anche la sua adesione ufficiale alle politiche repressive che si stanno portando avanti, rilevando che sono più vicine all'attuale governo -e il ministro Jorge Larrañaga- perché ne tiene conto con maggiore determinazione le loro proposte, e sottolineano che sono a favore della Legge della considerazione urgente, il quadro giuridico per la futura politica repressiva, e che viene applicata d'ora in poi.
Il "sindacato" di polizia plaude alle politiche del ministero dell'Interno e alle dichiarazioni del ministro, che si fa avanti in difesa della sospensione. E il suo rappresentante legale pensa politicamente, solo come un altro leader sindacale e non come il suo avvocato. Il suo avvocato è Andrés Ojeda, candidato supplente a sindaco di Montevideo della "multicolore coalizione".
Ma soprattutto, ogni operaio sa che un militare non è uguale, non è un operaio. Questa tradizione popolare è stata forgiata nel corso dei secoli e fa parte della tradizione della nostra classe.
Questo ha una lunga storia.
Nel 2005, quando il Frente Amplio si insediò, il Ministero dell'Interno di allora varò una politica per consentire la "sindacalizzazione" della polizia, che ebbe una correlazione immediata nella dirigenza maggioritaria del PIT CNT, aprendo la porte della Convenzione alla Polizia. È stato un processo de facto, che è stato gradualmente imbiancato, soprattutto perché c'erano diversi "sindacati" di polizia.
È stata una doppia operazione: dal governo per "democratizzare" la polizia e cercare di cooptarla per fini progressisti. Per questo, sono stati persino concessi aumenti salariali ben al di sopra di qualsiasi lavoratore o lavoratore. Oggi, un granatiere appena assunto come funzionario del ministero dell'Interno guadagna più di un insegnante con diversi anni di anzianità.
D'altra parte, le correnti riformiste del PIT CNT si sono prestate a questo tentativo di "democratizzazione" delle forze repressive, con Fernando Pereira come leader che ha protetto il "sindacato" della polizia sotto la sua ala protettrice.
È quantomeno curioso questa accettazione della polizia come operaia e dei suoi "sindacati" come parte della classe operaia organizzata, in un movimento sindacale come quello uruguaiano, con una lunga storia e accumulo di esperienze e lotte, sempre alle prese con la repressione poliziesca.
Applicare il club
Non appena Lacalle Pou è entrato in carica, la prima misura che è stata presa è stata quella di riunire tutti i nuovi capi di polizia e fornire "linee guida per il lavoro". Era evidente l'aumento del pattugliamento e il ritorno a cavallo della milicada. Diverse denunce sono state rese pubbliche sugli abusi della polizia. Pandemia e emergenza sanitaria attraverso si sono rilassate un po ', ma poi sono tornate al carico. Vengono eseguite operazioni contro Candombe comparsas dove le donne di origine afro sono state particolarmente represse. Diversi detenuti, persone picchiate, vanno in tribunale, ecc.
E Sipfom sostiene questa repressione e sottolinea che essa "ha rispettato il protocollo", "ha agito secondo le norme" e anche l'avvocato Ojeda la sostiene e la sostiene.
Gli eventi accaduti a Malvín Norte, dove i poliziotti hanno sparato pallottole contro due donne e hanno dovuto ritirarsi davanti alla furia dei vicini, parlano chiaramente dell'essenza dell'azione della polizia. O tornando indietro di qualche anno, l'omicidio di Sergio Lemos a Santa Catalina. Oppure lo sgombero del Codicen nel 2015, la repressione degli operai Buquebus, l'arresto degli autotrasportatori per aver tenuto un'assemblea alla porta dello stabilimento di Montes del Plata, il tentativo di sgombero degli operai di Bimbo e la repressione della mobilitazione contro UPM, sono alcuni degli esempi degli ultimi anni che possiamo citare.
Le operazioni nei quartieri non si sono fermate. Con il pretesto della pandemia si aggiunsero le pattuglie aeree, il famoso elicottero che sorvola la città e la costa come in un'operazione di guerra.
La "nuova polizia" di Bonomi ... e la "vecchia" di Lacalle Pou
Durante l'amministrazione della FA guidata da Bonomi, si è tentato di lavare la faccia a un istituto così disastroso e si è parlato della "nuova polizia" ". Lacalle Pou è tornato alla "vecchia polizia", protagonista della repressione del Filtro ai tempi del governo di Lacalle Sr.
Al di là di un certo "interno" ai vertici della polizia, l'apparato repressivo è stato tecnicamente avanzato in modo importante negli ultimi 15 anni, ma come riconosce lo stesso Sipfom "sono la stessa polizia di sempre".
Un'istituzione marcia
La polizia non è un'istituzione neutrale, e nemmeno lo stato lo è. Quelli del campo della sinistra e del movimento sindacale che cercano di giustificare l'affiliazione del "sindacato" di polizia al PIT CNT sulla necessità di "infiltrarsi" nelle forze di polizia ... hanno una lettura povera della realtà, per dire il meno.
Confondere le forze di polizia (e / o militari) uruguaiane con gli eserciti formati dai contadini in Russia durante la prima guerra mondiale o fingere che la polizia qui possa partecipare a qualche evento rivoluzionario, è degno della miopia politica o dell'inganno e dell'autoinganno che no si può ingoiare. Primo, perché stiamo parlando di situazioni lontane nel tempo e che non hanno nulla a che fare con la nostra realtà; e secondo, perché la polizia uruguaiana non ha mai dato alcun segno di voler partecipare ad azioni di carattere popolare. Al contrario, sono la forza che sta dalla parte dei padroni quando si verifica uno sgombero o un tentativo di sfratto da un posto di lavoro occupato, coloro che hanno represso varie mobilitazioni, persone detenute arbitrariamente per strada, ecc.
La funzione della polizia come istituzione è la repressione. Sono il braccio repressivo e armato dello Stato. La sua funzione è quella di reprimere e proteggere la proprietà privata, la base fondamentale del sistema capitalista. Gli agenti di polizia devono svolgere entrambe le funzioni. Quindi, vale la pena chiedersi, cosa ci fanno al PIT CNT?
E 'lo stesso istituto di polizia a cui apparteneva il torturatore Castiglioni, idolatrato dal personale di polizia e da cui è stata apposta e poi rimossa una targa in suo omaggio nella Direzione dei Servizi Segreti. A proposito, diciamo che i funzionari dell'intelligence ("strisce") continuano a essere infiltrati in tutte le mobilitazioni del campo popolare. La loro partecipazione consiste nel raccogliere informazioni per la successiva repressione e costituzione di cause legali, non partecipano in segno di "sostegno" a quelle lotte.
È la stessa istituzione che ha assassinato l'operaio edile Guillermo Machado in tempi di incursioni post-dittatura, il primo governo di Sanguinetti e Morroni e Facal in the Filter. È la stessa istituzione che ha ucciso Líber Arce, Heber Nieto e tutti gli studenti martiri ...
La loro partecipazione è stata fondamentale quando le forze armate hanno preso il "controllo istituzionale del paese" alla fine del 1971, facendo parte delle "Forze congiunte" . La tortura veniva praticata nei suoi locali, essendo l'intelligence un luogo di passaggio per centinaia di militanti per pungolo, tachigrafo e colpi.
Anche questa istituzione faceva parte della dittatura, in quel periodo continuò con le azioni sopra delineate. Diversi poliziotti facevano parte delle "task force" che operavano qui e in Argentina, rapendo e torturando colleghi, scomparendo e uccidendo, rapendo bambini e neonati ... Un'istituzione famigerata.
È un'istituzione chiave nello Stato, specialmente nello Stato borghese, cioè come l'ala armata della classe borghese. Naturalmente, la borghesia non si sporcherà le mani, perché questo è quel famigerato apparato pieno di persone che hanno seminato odio per coloro che sono in basso e amore per l'autorità. Ancora oggi gran parte dei femminicidi avvengono per mano di coloro che compongono questo apparato repressivo.
Un glorioso passato del movimento sindacale
Il movimento sindacale uruguaiano è stato costruito nel fervore di innumerevoli e potenti lotte, scioperi, azioni dirette, sempre duramente represse dalla Polizia. Centinaia sono gli scomparsi e gli scomparsi e migliaia sono i prigionieri che abitavano le carceri della dittatura che appartengono o appartenevano al movimento sindacale uruguaiano. Troviamo difficile credere che quelle generazioni di militanti così duri e combattivi come León Duarte, Gerardo Gatti e anche altri di altri negozi, se fossero qui, accetterebbero di "sindacalizzare" la Polizia. Per una cosa ai suoi tempi che non era considerata, nemmeno i riformisti più ostinati osavano sollevarla, forse anche solo pensarci.
Ed è facile e semplice: la Polizia può produrre solo "persone" del tipo dell'Ovest (il capo della polizia di Montevideo all'inizio del XX secolo), Campos Hermida e altre serie di famigerati assassini; organizzazioni popolari veramente di classe producono un altro tipo di essere umano: un combattente, combattivo, solidale e con un occhio su un nuovo mondo.
Ecco perché è necessario rafforzare le organizzazioni sindacali e le tendenze e raggruppamenti di classe al loro interno, al fine di rafforzare le posizioni di lotta e dignità nel movimento sindacale. È possibile avanzare combattendo, unendosi ad altri lavoratori e altri lavoratori, essendo molto chiaro chi è il nemico di classe e le istituzioni che usa per perpetuare i suoi privilegi.
Gli anarchici della FAU sono in questa prospettiva, appoggiati alle nostre spalle nelle lotte e nella costruzione di un movimento sindacale classista e combattivo. Solo con una politica di classe si rafforzeranno i sindacati e potranno fermare l'avanzata repressiva e quella dei padroni.
Se questa linea di lavoro viene approfondita, consolidando i raggruppamenti di classe in ogni sindacato con un chiaro orientamento al lavoro, ci sono possibilità di rafforzare la lotta e replicare gli sforzi di tutti i colleghi.
Questa prospettiva non è nuova, è quella di Gatti e León Duarte, quella di Washington Pérez e Trías, quella di Blas Facal e Wellington Galarza, quella di Juana Rouco Buela e Virginia Bolten, e quella di tutti i figli e le figlie della città che hanno costruito il nostro movimento sindacale, classe, combattimento, solidarietà e con una prospettiva socialista e libertaria. Dobbiamo continuare su questa strada.

NEL SENO DELLE PERSONE NON CI SONO REPRESSORI!
SU QUELLI E QUELLI CHE COMBATTONO!

FEDERAZIONE ANARCHICA DELL'URUGUAYA

http://federacionanarquistauruguaya.uy/carta-opinion-fau-marzo-2021
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center