A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Canada, Collectif Emma Goldman - Internazionalismo: anarchismo ed esperanto (ca, de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Thu, 25 Mar 2021 09:59:20 +0200


Traduzione da parte nostra di un testo scritto da Xavi Alcalde e pubblicato sul quotidiano Fifth Estate # 400 della primavera 2018. L'anarchico ed esperantista Eduardo Vivancos in questione purtroppo ci ha lasciato il 30 dicembre 2020. ---- "Paroli Esperanton estis iam esenca parto de anarkiismo". ---- (C'è stato un tempo in cui parlare esperanto era parte integrante dell'essere anarchico.) ---- Quando Eduardo Vivancos , un uomo di 97 anni nato a Barcellona, cammina per le strade di Toronto, dove ha vissuto da esule da allora 1954, non incontra mai nessuno che parli esperanto. ---- Tuttavia, quando iniziò a imparare la lingua nel giugno 1937, nel bel mezzo della guerra civile spagnola e della rivoluzione, credeva che fosse una componente che va da sé nel mondo libertario.

Era.

A quel tempo, in città come Barcellona e Valencia, c'erano corsi e gruppi di esperanto in tutti gli atenei (gli ateneos , centri sociali anarchici). La CNT ( Confederación Nacional del Trabajo ), il sindacato anarco-sindacalista, ha pubblicato un giornale, Nia Bulteno (Il nostro bollettino), che includeva articoli in questa lingua. Ciascuno degli altri gruppi significativi in Spagna aveva anche le proprie pubblicazioni in esperanto. L'organizzazione marxista antistalinista, il POUM (Partido Obrero de Unificación Marxista ), il cui autore George Orwell si era unito alle milizie, pubblicò anche un giornale in esperanto. Il commissario per la propaganda del governo catalano, Aume Miravitlles, ha poi spiegato che hanno usato l'esperanto nei loro documenti ufficiali per unirsi agli anarchici internazionali.

L'esperanto è stato creato nel 1887 dal dottor Louis-Lazare Zamenhof a Bialystok, in Polonia. La sua idea era quella di sviluppare una lingua ausiliaria internazionale di facile apprendimento per promuovere la comunicazione tra persone di diversi paesi. È stato progettato senza irregolarità grammaticali e con una corrispondenza fonema-grafema (suono-lettera) particolarmente chiara.

Le prime parole e suoni del vocabolario dell'esperanto sono stati tratti dalle lingue europee (principalmente romanze, germaniche minoritarie e con una piccola porzione di lingue slave). Ad esempio, demokratio e revolucio potrebbero essere compresi intuitivamente da parlanti di diverse lingue europee. Alcune parole di altre famiglie linguistiche sono state aggiunte nel corso degli anni.

Tuttavia, la costruzione delle parole esperanto è tipica delle lingue giapponese e coreana, così come in diverse lingue non europee. Questa caratteristica è rara tra le lingue europee (con poche eccezioni, vedi ungherese, finlandese ed estone).

La flessibilità nell'ordine delle parole in esperanto consente anche ai suoi parlanti e scrittori di lingue europee ed extraeuropee di usare il modo di parlare a cui sono abituati e di usarlo facilmente comprensibile o comprensibile in questa lingua internazionale. Quindi, mentre il suo vocabolario iniziale era inconfondibilmente di natura europea, altri aspetti della lingua consentivano all'esperanto di avere un pubblico veramente internazionale che raggiungeva oltre 2 milioni di persone in tempi diversi.

Zamenhof sperava di partecipare allo sviluppo della fratellanza umana attraverso la comunicazione diretta tra persone di luoghi diversi.

L'esperanto, riteneva, avrebbe giovato a coloro interessati a interagire con gli altri a livello internazionale per vari motivi e, alla fine, a portare la pace nel mondo. Questa lingua era supportata da diversi anarchici, tra cui Tolstoj e Malatesta.

All'inizio del XX secolo c'erano centinaia di gruppi esperantisti in tutti gli angoli del mondo, anche se la maggior parte si trovava in Europa e nelle Americhe. La lingua veniva insegnata nelle moderne scuole anarchiche degli Stati Uniti.

La prima guerra mondiale ha inferto un duro colpo agli ideali utopici del movimento esperanto, che ha giurato di prendere il suo posto e fare le cose delle nazioni del passato e del nazionalismo. Tuttavia, la lingua conobbe una rinascita di interesse durante il periodo tra le due guerre. Molti del movimento operaio degli anni '20 abbracciarono il nuovo linguaggio poiché i suoi partecipanti lo promossero come uno strumento necessario per unire i proletari di tutto il mondo.

Molti comunisti di questo tempo sostenevano l'uso della lingua. Per far fronte alle difficoltà di comunicazione incontrate durante il 2 ° Congresso della 3a Internazionale a Mosca nel 1920, uno dei partecipanti, l'anarco-sindacalista spagnolo Angel Pestaña, suggerì di usare l'esperanto. Lo promosse come operaio latino, come mezzo per facilitare la comunicazione all'interno dell'associazione.

In alcuni paesi, come il Giappone e la Cina, la maggior parte dei pionieri esperantisti erano anarchici e la lingua li aiutava a comunicare direttamente con gli anarchici in Europa e nelle Americhe.

Ma i difensori dell'esperanto sopravvissero alla persecuzione e molti furono giustiziati sotto i regimi nazisti in Germania e sotto i regimi stalinisti in Unione Sovietica a causa delle idee che promuovevano e che erano considerate sovversive dal governo dello stato.

Tuttavia, in larga misura, gli ideali internazionalisti e pacifisti di Zamenhof furono diffusi a rivoluzionari utopici come gli anarchici spagnoli degli anni '30, che portavano "un nuovo mondo nei loro cuori".

In Francia, dopo la seconda guerra mondiale, gli esuli spagnoli della Spagna franchista hanno creato un'associazione internazionale di anarchici esperanto. Il loro bollettino ufficiale si chiamava Senstatano(Stateless) ed è stato pubblicato interamente in esperanto. Tra i suoi collaboratori c'erano famosi anarchici asiatici come Taiji Yamaga e Lu Chien Bo .

In questa epoca di comunicazioni globali, c'è un rinnovato interesse per l'esperanto, specialmente tra gli anarchici in diverse parti del mondo, sebbene non sia chiaro quante persone abbiano abbastanza esperienza per usarlo. Alcune app mobili per l'apprendimento delle lingue hanno iniziato a offrire lezioni di esperanto e almeno un milione di persone si sono iscritte.

Coloro che imparano l'esperanto via Internet possono familiarizzare e familiarizzare con gruppi come Sennacieca Asocio Tutmonda(SAT), The Anational World Association. I suoi partecipanti includono anarchici e altri attivisti che sostengono il cambiamento sociale rivoluzionario.

Al loro ultimo congresso, a Seul, in luglio e agosto 2017, i partecipanti al SAT di diversi paesi hanno potuto assistere direttamente sul posto alle proteste sudcoreane allora in corso, denominate "Candle Revolution".

È probabile che questa volontà attiva di unirsi insita nell'esperanto spieghi la sua sopravvivenza per 130 anni nonostante i grandi cambiamenti nelle organizzazioni politiche, dittature e persecuzioni. Da questo punto di vista, ha potenzialità da non sottovalutare. Molto spesso, imparare e praticare la lingua stessa è un atto rivoluzionario.

Se ti è capitato di incontrare un anziano, ma ancora impegnato anarchico Eduardo Vivancos a Toronto, dovresti salutarlo così: Ciao, kompano. Paroli Esperanton estis iam esenca parto de anarkiismo . (Ciao amico. L'esperanto è ancora vivo e vegeto, come l'ideale anarchico.)

Ecco, questo è tutto quello che avevo da scrivere.

Xavi alcade

Xavi Alcalde è un ricercatore di Barcellona, in Spagna. Attualmente sta scrivendo una biografia di Eduardo Vivancos, un anarchico, esperantista e veterano della Rivoluzione Spagnola e della Guerra Civile che attualmente vive a Toronto.

Eduardo Vivancos
Un linguaggio universale

Pubblicato originariamente nel quotidiano Fifth Estate .

Traduzione del blog collettivo Emma Goldman

da Collectif Emma Goldman

http://ucl-saguenay.blogspot.com/2021/03/internationalisme-lanarchisme-et.html
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center