A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, UCL AL #312 - Fascicolo speciale Parigi 1871, Gustave Lefrançais (1826-1901), tra comunalismo e anarchismo (ca, de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Sun, 21 Mar 2021 08:14:37 +0200


Tra i memorialisti della Comune, Gustave Lefrançais (1826-1901) fu tra coloro che trassero dall'evento una lezione rivoluzionaria in direzione federalista e autogestione. ---- Quando iniziò la Comune di Parigi, questo insegnante angioino, diventato giornalista dell'opposizione, aveva già una solida esperienza come rivoluzionario e fuorilegge. A 22 anni, abitato dalla leggenda del 1793, prese parte alla rivoluzione del febbraio 1848. Il tradimento della II classe operaia e dellaRepubblica e le stragi di giugno hanno disgustato e trasformato in un campo più radicale: quello del socialismo. Un socialismo fondato sull'associazione operaia, ma non propriamente Proudhoniano, perché aperto al femminismo: ha collaborato, in particolare con Jeanne Deroin e Pauline Roland, ad un innovativo programma educativo che, pubblicato nel 1849, gli ha valso la revoca.

Esiliato per due anni a Londra dopo il colpo di stato di Bonaparte, è poi tornato in Francia, dove ha vissuto con vari mestieri. L'autorizzazione alle riunioni pubbliche, nel 1868, lo rivelò come un oratore - presto uno dei più ascoltati sul mercato parigino, professando idee sociali abbastanza simili a quelle di Bakunin: collettivizzazione dei mezzi di produzione, soppressione dell'eredità , rifiuto. matrimonio, unione libera ...

Dopo la caduta dell'Impero, è stato uno dei leader del Comitato centrale repubblicano dei venti distretti, guidato dall'AIT, sostenendo la guerra popolare e denunciando la pusillanimità del governo provvisorio. Partecipante al tentativo insurrezionale del 31 ottobre 1870, sperimentò ancora una volta la prigione.

Tendenza Bakuniniana
Quindi è un personaggio ben noto, il 28 marzo 1871, fu eletto Comune dal 4 °arrondissement. Nelle sue Memorie di un rivoluzionario (1886) racconterà di aver intuito molto presto l'inevitabile schiacciamento del Comune, isolato e indigente. Tuttavia, è pienamente impegnato.

Membro della Commissione Lavoro e Commercio, poi della Commissione Finanze, sostiene invano l'acquisizione della Banque de France, che poi si colloca nella "minoranza antiautoritaria" che, a maggio, si è opposta alla costituzione di un comitato di pubblica sicurezza. Bloody Week lo vede sulle barricate della Bastiglia, poi riesce a rifugiarsi in Svizzera. Lì, ha lavorato sulla ferrovia, ed è entrato a far parte dell'Associazione Internazionale dei Lavoratori (AIT), nella tendenza Bakuniniana. Presiederà anche il congresso di Saint-Imier, fondatore dell'AIT antiautoritario.

Il suo solido studio sul movimento comunalista a Parigi nel 1871 fece una forte impressione su Kropotkin, che lo vedeva come un libro importante. Si è rammaricato, ad esempio, che il Comune non abbia dato sufficientemente "ai cittadini stessi, attraverso le loro assemblee distrettuali, la cura di regolare i loro interessi collettivi e locali". Per lui "l'amministrazione centrale dovrebbe essere solo il coordinatore" e non "l'unico giudice e direttore degli interessi di tutti".

Esiliato in Svizzera, Lefrançais militò all'interno dell'AIT anti-autoritaria.
Lefrançais sarà successivamente un "compagno di viaggio" dell'anarchismo, senza rivendicare l'etichetta. Definendosi un "comunalista", ha criticato infatti, nel suo saggio Dove vanno gli anarchici ? (1887), le concezioni "moderne" (anti-patriota, comuniste) dell'anarchismo, ma anche la moda anti-organizzativa e illegale fiorita negli anni Ottanta dell'Ottocento.

Morì il 16 maggio 1901, in occasione del trentesimo anniversario della Comune. Migliaia di persone accompagneranno la sua bara fino alla cremazione al Père-Lachaise. Eugène Pottier gli ha dedicato il suo famoso inno rivoluzionario, L'Internationale.

Dominique (UCL Angers)

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Gustave-Lefrancais-1826-1901-entre-communalisme-et-anarchisme
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center