A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) die plattform: 10 anni dal disastro nucleare di Fukushima: la lotta per la fine del nucleare deve continuare! (ca, de, en, pt)[traduzione automatica]

Date Sun, 21 Mar 2021 08:11:46 +0200


In occasione del decimo anniversario del disastro nucleare di Fukushima, il Comitato per l'Azione per il Clima della Piattaforma ha scritto un breve testo spiegando perché l'energia nucleare non è un'alternativa "verde" e perché è importante che il movimento per la giustizia ambientale e climatica continui a combattere il nucleare energicamente e insieme. Ci auguriamo che la lettura ti piaccia e non vediamo l'ora di vederti condividere il testo! ---- 10 anni dal disastro nucleare di Fukushima: la lotta per la fine del nucleare deve continuare! ---- Oggi, 11 marzo 2021, commemoriamo le vittime del disastro nucleare di Fukushima. Dieci anni fa, l'11 marzo 2011, si sono verificati dei crolli nei reattori della centrale nucleare locale dopo un terremoto. Si è verificato il cosiddetto "Super GAU " (il più grande incidente da adottare). Di conseguenza, l'aria, l'acqua e il suolo della zona sono stati contaminati dall'energia nucleare, centinaia di migliaia di persone hanno dovuto essere evacuate e ancora oggi, a un decennio dal disastro, non sono ancora in grado di tornare.

La storia della generazione di energia nucleare, che ha più volte portato a terribili catastrofi nella sua storia, è strettamente legata alla competizione tra Stati. La generazione di energia nucleare potrebbe essere sviluppata e costruita solo attraverso elevati sussidi statali con l'obiettivo di un uso militare. Sia la generazione di energia nucleare che lo sviluppo di arsenali nucleari hanno provocato proteste sociali in molti paesi del mondo negli ultimi decenni. Queste proteste sono state particolarmente forti nella Repubblica federale di Germania. Qui, insieme al movimento per la pace, decine di migliaia di persone sono state ripetutamente mobilitate contro la forma distruttiva della produzione di energia, a Whyl, Brokersdorf, Wackersdorf, Gorleben e in molti altri luoghi meno conosciuti. La protesta è assicurata che l'energia nucleare in Germania è stata catapultata nel fallimento sociale. Ma ultimamente si sono sentite sempre più voci che cercavano di venderlo come alternativa "verde" in vista della crisi climatica.

Ma è sbagliato da davanti a dietro. Dall'estrazione non ecologica di materie prime, per il reinsediamento delle persone, la violazione dei diritti umani e le risorse di acqua potabile in pericolo, alla produzione di grandi quantità di scorie nucleari ai pericoli di una guerra nucleare o di un disastro catastrofico, l'energia nucleare non lo è. un'alternativa e certamente non un'energia rinnovabile. Anche la Germania, dove sembra in corso l'eliminazione del nucleare, è ancora nel bel mezzo di essa - con l'impianto di arricchimento dell'uranio di Gronau, che non ha un limite di tempo, e il problema ancora irrisolto dello smaltimento dei rifiuti.
L'energia nucleare è sintomatica del sistema capitalista di stato in cui viviamo, dove la vita vale meno del profitto di alcune corporazioni e dove l'energia non è ottenuta localmente secondo i bisogni delle persone, ma controllata centralmente da materie prime fossili senza il diritto di abuso ampia popolazione. L'energia nucleare non è controllabile e obbliga a esistere una sovrastruttura autoritaria.

La lotta al nucleare non è ancora finita, deve assolutamente andare avanti. Dobbiamo stare attenti e impedire che i governanti mettano in gioco la lotta contro la produzione di energia nucleare e la lotta per la giustizia climatica l'una contro l'altra. Perché alla fine entrambi appartengono insieme, fanno entrambi parte di un movimento ecologico.

Invece di forme di generazione di energia centralizzate e difficili da controllare, abbiamo bisogno di forme di generazione di energia regionali e decentralizzate che derivano dal paesaggio e dalle risorse e sono sotto il controllo delle persone.

Non bombardare il clima!
Ricorda Fukushima!

Maggiori informazioni:
dont-nuke-the-climate.org/articles
climatejusticeagainstnuclear.noblogs.or...
Kotting-Uhl, Sylvia: la protezione del clima con l'energia nucleare è una cosa del passato
Tubbax, Leo: l'energia nucleare per salvare il clima

https://www.dieplattform.org/2021/03/11/10-jahre-atomkatastrophe-von-fukushima-der-kampf-fuer-ein-ende-der-atomkraft-muss-weitergehen/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center