A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) cab anarquista:[FARPA-AL]I nostri diritti allo sportello aziendale: il modo di operare di Arthur Lira e il "Centrão" (ca, de, en, pt)[traduzione automatica]

Date Sat, 13 Mar 2021 10:57:08 +0200


L'attenzione a Brasilia si rivolge al Centrão, a fronte di movimenti tanto tipici quanto illustrativi del modo in cui operano, loro obiettivo fisiologo che non si sforza nemmeno di mascherare il desiderio di accumulare sfruttando i diritti della popolazione. Non è passato molto tempo da quando il suo attuale leader, anche presidente della Camera Federale, Arthur Lira (PP), ha tentato senza successo di ottenere il voto sulla Proposta di emendamento alla Costituzione che garantisce una maggiore immunità parlamentare, rendendo difficile l'arresto di deputati e senatori in una serie di situazioni. Come se non bastasse essere un'aberrazione, la PEC dell'Impunità è un'agenda aliena che discende su un paese che oggi conta più di 260mila uccisi dal covid-19, ha una delle peggiori prestazioni al mondo nel combattimento la pandemia, e non riesce nemmeno a rispettare il suo ridicolo e confuso obiettivo di vaccinazione.

Arthur Lira não anda só e não é o único cujo modo de operação se restringe em negociar recursos públicos, direitos do povo e blindagem de cúmplices engravatados em prol de acumulação de riqueza e poder. Ruralista e empresário, o alagoano começa sua trajetória ainda em 1993 na política, como vereador em Maceió. Desde então cria raízes na carreira parlamentar, passando pela Assembleia Legislativa de Alagoas, mas fincando os pés na Câmara Federal, ocupada de 2011 até hoje. Com passagens mais breves no PFL , PTB e no PSDB, foi no PP - hoje Progressistas - que Lira encontrou terreno mais fértil para executar os planos.

Qui collochiamo Brasilia come il gabinetto di un'estensione e accumulo di potere che deve avere una radice per la propagazione. Le possibilità sono grandi a fronte di un territorio continentale, anche se le fette, quasi tutte, sono già predisposte sotto il dominio di alcuni cognomi. Arthur Lira lo sa e cerca di mettere al sicuro le sue radici ad Alagoas, avendo il suo partito davanti a 29 città. Con il 47% della sua popolazione che vive in povertà (IBGE, 2020), la più grande disparità di reddito nel paese (FGV, 2019) è ideale per l'operatività nei comuni che - senza possibilità di sostegno - sono posizionati con un'intensa dipendenza dai fondi federali. Il va e vieni va dai marciapiedi e trattori alla costruzione di edifici pubblici, attraverso i fondi parlamentari, in cambio di sostegno, scambi e sostegno per la posta di Brasilia.

Anche i rapporti di potere nel corso della storia di Alago non sono stati scollegati dal dominio delle oligarchie. Arthur Lira è consapevole di questa dinamica, come suo padre Benedito de Lira, attualmente sindaco di Barra de São Miguel. Entrambi hanno avuto i loro nomi pubblicati a causa della corruzione nell'Operazione Autolavaggio. Lira risponde anche ad almeno cinque casi nell'STF, e viene segnalata anche per corruzione passiva.

Il riavvicinamento con Bolsonaro è ciò che ha prodotto più prove nell'ultimo anno. I riflettori collocano Arthur Lira come il salvatore del presidente, la cui immagine è stata indebolita da prestazioni disastrose, smantellamento e incompetenza esecutiva, e ovviamente mancanza di zelo con i suoi ex alleati a destra. Il Centrão ha girato il suo piede d'appoggio per poter portare a termine il mandato con una certa influenza nel Congresso e per cercare di schermare le accuse di sua partecipazione con la milizia.

Se il compagno e antagonista di Lira, Rodrigo Maia, dichiara che il "Centro" non è ciò che sta tra destra e sinistra "ma qualcos'altro", qui diciamo con certezza di cosa si tratta: è il posto a destra che toglie la carne del popolo in veste di "patti".

Così, l'estrema destra a cui è emerso Bolsonaro non è sostenuta solo dalle sue aspre performance ideologiche, o dal taglio più aperto e dallo sterminio delle condizioni più elementari del popolo. Trova sostegno anche in quell'altro diritto, che risparmia l'energia dei discorsi ideologici più oltraggiosi inserendola in altri tipi di pratiche scandalose: la negoziazione dei diritti. È stato così con l'approvazione delle riforme, come la riforma del lavoro, la riforma delle pensioni, e ora - per il divertimento della folle corsa - che avanza con la riforma amministrativa.

La nostra lotta per i diritti non si adatta al parlamento
Pur ponendosi nel luogo in cui "giocano gli adulti", Centrão è un esempio ancora più aperto di come la perpetuazione dei rapporti di potere in questo regime avvenga in assenza del popolo. È il luogo che ci dà più evidenza che le elezioni, come molti altri movimenti nella disputa rappresentativa, riguardano affari. È disgustoso rendersi conto di quanto siano intelligenti gli artifici politici degli avvoltoi in giacca e cravatta, che tolgono le possibilità di una vita dignitosa.

Trasformiamo questa fatica politica in un pugno chiuso nella certezza che noi, come popolo, siamo ancora più vivaci nella costruzione quotidiana di tante tecnologie di resistenza. In questo senso sappiamo che resistere non basta. Né è sufficiente affrontare questo o un altro macabro esempio che esce dalle nostre terre per accumulare potere, facendo una pazzia sulla ricchezza collettiva che produciamo, annegando nei mali. Puntiamo e difendiamo più di questo: si tratta di porre fine al sistema economico capitalista e al regime politico rappresentativo che lavora soprattutto per consentire la creazione di queste figure.

Come anarchici especifisti, proponiamo la costruzione di una nuova società che si struttura sull'impossibilità di operare accordi e imprese sui nostri diritti. Per noi, questo scopo può iniziare solo con la costruzione del potere popolare, mediato dalla democrazia diretta. Oppure, come abbiamo accennato in un altro periodo:

"Costruire un popolo forte ad Alagoas significa anche affermare un'identità popolare e un nuovo modo di percepire e sentirsi appartenenti a una storia e una cultura, non quella creata dalle élite, di Alagoas condannate alla rassegnazione e alla sofferenza. Ma un altro: un'identità e una storia che devono rendere i combattenti di oggi gli eredi dei combattenti di ieri. Dal quilombo palmare e dagli altri quilombos che affermano la loro libertà e capacità politica, dalla lotta dei popoli nativi, indigeni, caetés, affermando la loro sovranità, dalle capanne che affermano la loro audacia. Da questi ai campi, alle periferie, all'organizzazione del lavoro, alla società nella prospettiva della costruzione del Potere Popolare " (Alagoas e la costruzione del Potere Popolare)

Federazione anarchica di Palmares
Alagoas, marzo 2021

http://cabanarquista.org/2021/03/05/farpa-al-arthur-lira-e-o-centrao/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center