A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, UCL AL #312 - Antipatriarcato, Videogioco: “ Finiscilo ! »Un'unione contro il sessismo in Ubisoft (ca, de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Tue, 26 Jan 2021 09:49:04 +0200


La società di videogiochi francese Ubisoft si è recentemente trovata sotto i riflettori per un caso di molestie. Un clima lavorativo sessista e virilista denunciato già da tempo da sindacalisti e lavoratori del mondo del gioco. ---- L'industria dei videogiochi è stata costruita da e per gli uomini. Questo era già ciò che Mar_Lard denunciava nel 2013 in un articolo, ampiamente diffuso all'epoca[1]. Ha criticato l'immagine iper-sessualizzata del corpo delle donne, dello scolaro, delle battute sessiste e frequenti da parte degli uomini o delle ondate di molestie online nei confronti di chi ha osato alzare la voce. Questa atmosfera mascolinista è stata il terreno fertile per il grande movimento dell'alt-right[2]negli ultimi anni. Quest'estate è Ubisoft, uno dei leader mondiali nei videogiochi, creatore di Assassin's Creed , Rayman o Just Dance, che è rimasto coinvolto in un caso di violenza sessuale.

È quindi in questo contesto che il caso Ubisoft è stato dichiarato quest'estate. Infine, diverse accuse di molestie e aggressioni sessuali sono state pronunciate contro direttori di studi, creativi o editoriali di questo sviluppatore. Vengono evocate osservazioni sessiste, comportamenti misogini o abusi di potere da parte dei manager.

Un'industria storicamente sessista
Le disuguaglianze tra donne e uomini possono essere trovate su Ubisoft. In un comunicato stampa del 25 novembre 2020[3], la sezione sindacale di Solidaires Informatique Video Games (SI-JV) presso Ubisoft Paris ha sottolineato le disparità salariali tra donne e uomini, che possono arrivare fino al 10% differenza. Le donne in studio avrebbero anche accesso a posizioni di responsabilità con minore frequenza, con anzianità di servizio costante e avrebbero contratti più precari. Si tratta di problemi strutturali che si traducono, in parte, in un dominio molto reale che colpisce direttamente le donne nell'industria dei videogiochi.

Le prime accuse mosse da Liberation[4]riguardavano uomini di alto rango, protetti principalmente da un " muro di HR ". In effetti, diversi casi problematici sembrano essere stati ricondotti a determinati team delle risorse umane che hanno messo a tacere il caso; spesso perché l'uomo problematico era in alto e difeso da questi HR con: " è il suo carattere ", " è così " o " non va preso male ".

Lancia il tuo maiale su Ubisoft ! (immagine dal gioco Beyond Good and Evil 2)
La direzione degli studi sembra fare orecchie da mercante: le azioni intraprese dagli studi per cercare di capovolgere la situazione sono, per molti, viste come " acrobazie pubblicitarie ". Queste azioni fanno poco o lentamente per migliorare la diversità all'interno dei team e dei dipartimenti. Qualche apparizione in eventi etichettati come " diversità ", ma poco di più. In effetti, nulla sembra essere veramente cambiato.

Una risposta sindacale alle oppressioni subite
È quindi in questo clima deleterio, a volte qualificato come club per ragazzi, che le sezioni sindacali degli Ubisoft Studio di Parigi hanno svolto un ruolo di primo piano nella recitazione sul campo. Il contratto collettivo nel settore dei videogiochi è l'accordo tra uffici di progettazione tecnica, società di consulenza e società di consulenza, noto come Syntec. Il tasso di sindacalizzazione all'interno di questo contratto collettivo è inferiore al due per cento.

Sebbene notoriamente non vi fosse alcuna sezione sindacale in studio, una situazione che ovviamente ha deliziato la direzione, nel corso del 2020 sono state create due sezioni. La prima è la sezione sindacale dei videogiochi Solidaires Informatique, all'inizio del anno. La sezione ha prodotto il 3 luglio, due giorni dopo il primo articolo di Liberation , una richiesta di testimonianze nel tentativo di liberare il discorso delle vittime. La seconda sezione proviene dalla Union of Video Game Workers (STJV). La STJV ha invitato le vittime dello studio Ubisoft a Montpellier ad avvicinarsi a loro per ottenere supporto psicologico.

La direzione di Ubisoft compie, infatti, alcune azioni minori: solo una parte degli imputati viene licenziata, la maggioranza viene semplicemente trasferita in posizioni meno " visibili ", ma anzi ancora in carica. Inoltre, viene messo in atto un sistema anonimo, ma completamente opaco per segnalare problemi a un'entità indipendente. Presto, la sezione sindacale ritiene tutto ciò insufficiente alla luce delle testimonianze raccolte. Così, alla fine di luglio, pubblica sul suo sito: " Il sindacato Solidaires Informatique annuncia che sta lavorando ad un'azione legale collettiva contro il gruppo Ubisoft " .

Quali giochi per domani ?
Nonostante queste azioni, il gruppo continua a fare orecchie da mercante. Ad esempio, il sito Numerama ha pubblicato nel settembre 2020 gravi accuse simili in uno studio Ubisoft con sede a Parigi: Nadéo[5]. Questo articolo faceva seguito a un'altra richiesta di prove da parte del sindacato. Nonostante queste spaventose testimonianze di abuso di potere, la direzione di Ubisoft non ha reagito pubblicamente e non sembra aver intrapreso alcuna indagine interna.

Ovviamente, i problemi del sessismo non si fermano alle porte di Ubisoft. Lo stesso anno, lo studio di videogiochi californiano Insomniac Games ha dovuto affrontare lo stesso tipo di accuse. Diversi dipendenti hanno deciso di dimettersi per protestare contro una cultura di molestie nei confronti delle donne dello studio.

Lo schema sembra ripetersi. Anche se le azioni sindacali vengono avviate e consentono il sostegno delle vittime di un'industria storicamente e strutturalmente sessista, devono ancora essere combattute enormi lotte fondamentali. La lotta per l'uguaglianza, per i diritti delle donne e delle minoranze, deve continuare ad essere una priorità. Con un tasso di sindacalizzazione molto basso in questo settore, dobbiamo anche sforzarci di riunire i lavoratori in modo che possano decidere insieme come organizzarsi per produrre giochi in un contesto sano e democratico. per tutti.

H. (UCL Parigi nord-est)

convalidare

[1] Mar_Lard, "Sexism between geeks: why our community is sick and how to fix it" , cafaitgenre.org , 16 marzo 2013.

[2] L'alt-right si riferisce a una parte dell'estrema destra americana che rifiuta il conservatorismo classico, milita per il suprematismo bianco e contro il femminismo.

[3] "Unacarriera femminile in Ubisoft Paris ? », Solidaires Informatiques Ubisoft Paris, 25 novembre 2020.

[4] "Ubisoft, molestie al timone," Liberazione , 1 °luglio 2020.

[5] "'Piangi le prime volte': cosa sta succedendo nello studio Ubisoft dietro Trackmania ? », Numerama , 10 settembre 2020.

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Orientation-federale-L-engagement-de-l-UCL-contre-l-islamopho
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center