A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, UCL - Chiamata unità, Manifestazione nazionale per vietare licenziamenti e tagli di posti di lavoro il 23 gennaio a Parigi ! (ca, de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Sun, 24 Jan 2021 09:31:21 +0200


Sabato 23 gennaio, su iniziativa dei dipendenti mobilitati di TUI, e su richiesta di un gran numero di strutture sindacali, di coordinamento e collettivi ma anche di organizzazioni politiche tra cui UCL, una manifestazione nazionale per bandire licenziamenti e tagli di posti di lavoro avranno luogo a Parigi, alle 14:00, Assemblea Nazionale. ---- L'Unione Comunista Libertaria (UCL) è firmataria dell'appello per la Manifestazione Nazionale per vietare i licenziamenti e i tagli di lavoro del 23 gennaio a Parigi riprodotto di seguito. ---- A questo bando, lanciato dai dipendenti TUI e dal loro sindacato CGT, si sono ora aggiunte molte strutture sindacali. ---- Per UCL, la necessità di una risposta su vasta scala che sia così fortemente radicata sul posto di lavoro è essenziale di fronte al crescente numero di licenziamenti imposti ai lavoratori dai capitalisti. Non sta a noi pagare per la crisi e sta a loro essere responsabili !

Anche se alla richiesta di una legge di divieto si preferisce quella di un diritto di veto dei lavoratori sui licenziamenti collettivi. Perché ?

Affidarsi allo Stato, strenuo difensore del capitalismo e degli interessi della borghesia, è sempre stata un'illusione. Durante l'esperienza dell'autorizzazione amministrativa dei licenziamenti (dal 1975 al 1986), abbiamo visto soprattutto lo Stato convalidare i licenziamenti per garantire i profitti dei datori di lavoro. In che modo lo Stato macroniano sarebbe più propenso a fare di meglio ?

È comprensibile che questa richiesta appaia "realistica", così come la questione della nazionalizzazione delle aziende minacciate di chiusura può apparire come garanzia di mantenimento del posto di lavoro. Ma non sembra meno "realistico" fare affidamento sulla nostra capacità politica di lavoratori.

È in questo senso che l'UCL porta in particolare la richiesta di un diritto di veto dei lavoratori sui licenziamenti collettivi. Si tratta infatti di mettere in discussione la legittimità e l'assolutismo dei padroni, di sollevare la questione del potere nelle aziende. Chi decide ? La risposta dei rivoluzionari deve essere disinibita: il potere, tutto il potere, deve andare ai lavoratori.

Ci vediamo il 23 gennaio !

Manifestazione nazionale per vietare licenziamenti e tagli di posti di lavoro ! TUTTI A PARIGI IL 23 GENNAIO ALLE 14
Durante quest'anno, la crisi sanitaria del Covid19 ha disinibito i padroni in un modo senza precedenti. Con la complicità del governo licenziano con vendetta le persone e le cifre sono eloquenti e devastanti:

* 30 piani di licenziamento a settimana nel mese di ottobre ; * 1 milione di tagli di posti di lavoro entro la fine del 2020 ; * 657 tagli di lavoro registrate tra il 1 °marzo e il 22 novembre 2020 ; * Massiccia eliminazione dei posti negli ospedali e nei servizi pubblici ; * 500 miliardi di soldi pubblici pagati alle aziende senza alcun compenso ; * E durante questo periodo ... il Cac40 raggiunge la sua migliore figura da 30 anni ... vergognoso !

Ci rifiutiamo di pagare per la loro crisi ! Ed è questo il motivo del fascino di Tui, questo grande gruppo turistico che vuole tagliare 600 posti di lavoro su 900 in Francia. Questi dipendenti, i Tui, a fine ottobre non hanno esitato a cercare di riorganizzare le forze per porre fine ai licenziamenti lanciando un appello pubblico affinché i raggruppamenti scioperassero insieme.

Ci rifiutiamo di essere la variabile di aggiustamento di questi "profittatori della corona", di questi "licenziamenti del capo" che continuano a riempirsi le tasche, mentre i nostri posti di lavoro vengono aboliti o trasferiti all'estero per il solo beneficio di azionisti.

Il denaro iniettato dallo stato doveva essere utilizzato per mantenere i nostri posti di lavoro, non per tagliarli in modo massiccio. È ora di unirsi e resistere tutti insieme... Unitevi per non soffrire più !

Separatamente non ci riusciremo, ma tutti uniti dietro un unico obiettivo possiamo invertire i rapporti di forza e porre fine a questo massacro. Facciamo un fronte comune. Lavoriamo insieme su un piano di battaglia per porre fine a licenziamenti e trasferimenti.

Dobbiamo intensificare le lotte, partecipare in maniera massiccia a manifestazioni e picchetti. Che a livello locale, ognuno di noi sostiene i lavoratori che lottano per rompere l'isolamento, portare solidarietà e convincere quante più persone possibile.

Rendiamo visibile la massiccia distruzione di posti di lavoro che ci fa precipitare nella precarietà: vietiamo i licenziamenti !

Questo è il motivo per cui chiediamo a tutti i dipendenti di unirsi a noi:

EVENTO NAZIONALE SABATO 23 GENNAIO 2021 PARIGI * 14:00 * ASSEMBLEA NAZIONALE

Questo è solo l'inizio di un Fronte Comune contro l'uccisione dei nostri posti di lavoro nelle aziende, negli ospedali e nei servizi pubblici.

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Manifestation-nationale-pour-interdire-les-licenciements-et-les-suppressions-d
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center