A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, UCL AL #318 - Politica, Attivista locale ad Angers: la Spark si spegne ma la fiamma resta (ca, de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Mon, 9 Aug 2021 10:45:23 +0300


Inaugurata nel 1997, l'associazione locale, autogestita e militante angioina, la Scintilla chiuderà i battenti a luglio. Una Mecca per la vita politica e controculturale locale, un ritorno frammentario alla vita movimentata e movimentista di L'Étincelle. ---- Quando vivi in una città di medie dimensioni, non sempre hai i mezzi per essere settario come in altre città. Così, alla fine del grande movimento sociale del dicembre 1995, i gruppi della Lega Comunista Rivoluzionaria (antenata dell'NPA), della Federazione Anarchica, della rete No Pasaran, Agir contre le disoccupazione !, attiviste femministe, attiviste della controcultura , attivisti rivoluzionari provenienti da vari orizzonti, decidono di unirsi per creare un locale ad Angers. Viene lanciato il progetto Spark.

Nel 1996 è stata trovata una stanza. Dopo alcuni mesi di lavoro, il locale ha aperto ufficialmente i battenti nel febbraio 1997. L'avventura è stata lanciata. L'Étincelle divenne quindi un luogo essenziale del movimento sociale angioino. Da parte nostra, è stato nel 2002, quando un Collettivo per un'alternativa libertaria ha visto la luce ad Angers, che siamo entrati a far parte di L'Étincelle e non l'abbiamo mai lasciato fino ad oggi. Da allora, non abbiamo smesso di investire in questa stanza che è per noi uno strumento per mettere in pratica una delle idee forti della nostra attuale: l'autogestione.

Autogestire le difficoltà
È chiaro che sostenere un attivista locale in maniera autogestita non è sempre facile. Quanti compagni si sono stancati di portare avanti la quotidianità del luogo? Quando svuotare la spazzatura e spazzare è riservato a una manciata, c'è un vero problema di organizzazione e coinvolgimento. Ma fino ad oggi molti hanno potuto contare su questa piccola minoranza che ha fatto del suo meglio per tenere a galla le premesse.

E i problemi amministrativi non hanno aiutato. I locali sono stati inizialmente affittati a un privato. Ma a metà degli anni 2000 il municipio divenne proprietario dei locali con l'obiettivo di distruggerli nell'ambito del "rinnovamento urbano del quartiere", noto anche come gentrificazione. Da quel momento in poi, il locale si è trovato in un contratto di locazione precario rinnovabile ogni tre mesi. La spada amministrativa di Damocle era sopra di noi. Difficile in queste condizioni intraprendere grandi progetti. Evitiamo il più in fretta, continuiamo le nostre attività anno dopo anno.

Questa situazione durò per più di dieci anni. E un bel giorno del 2017, mentre ci accingevamo a festeggiare i vent'anni del luogo, abbiamo ricevuto la lettera dai servizi comunali. Dovevamo muoverci il più velocemente possibile. Ma niente panico, nella sua grande clemenza il municipio di destra ci ha offerto il trasferimento. Di fronte al rapido sviluppo dell'urbanistica del centro città, ci è sembrato difficile resistere a questo sgombero. Abbiamo quindi fatto collettivamente la scelta di accettare il trasferimento del municipio, non senza un gran numero di condizioni. Lasciare i nostri locali in rue Maillé non è stato facile. Sicuramente aveva molti difetti, ma era la nostra location storica, dove avevamo realizzato questo progetto.

Per alcuni questa decisione è stata vista come un tradimento, ci siamo gettati tra le braccia del municipio. Per altri, noi compresi, l'essenziale era difendere e salvaguardare gli strumenti, con pragmatismo. Avremmo perso tutto se, opponendoci a questo trasloco, ci fossimo trovati senza niente, impossibilitati a trasferirci decentemente da soli.

Lontano dagli occhi, lontano dal cuore
Dopo molte trattative, riusciamo quindi ad ottenere dei locali in cui poter continuare le nostre attività. E i servizi del municipio parlano chiaro: non ci sarà nessun progetto in questa sede per diversi decenni ... Dopo diverse settimane di lavoro, l'Etincelle riapre i battenti sul Boulevard du Doyenné in autunno. Ora abbiamo un giardino, magazzini nel seminterrato, spazi separati, riscaldamento centralizzato e finestre (quando vi abbiamo detto che la vecchia stanza aveva dei difetti...).

Dopo un lungo quarto di secolo, gli attivisti decidono collettivamente di spegnere la Spark piuttosto che lasciarla morire lentamente.
E continuiamo le nostre attività: concerti, conferenze-dibattiti, proiezioni, workshop, ecc. Ma la partecipazione è in calo. Già nella nostra vecchia stanza sentivamo le cose sgretolarsi a poco a poco. Lì la situazione si è fatta più difficile ea volte è stato complicato recuperare le nostre spese.

Come spiegare questa mancanza di interesse per la Spark? Già non eravamo più in centro città, ma in periferia. E poi altri luoghi alternativi hanno potuto aprirsi sulla città. Luoghi dove il quadro organizzativo era senza dubbio meno restrittivo dello Spark.

Ciliegina sulla torta, in piena pandemia, mentre la Scintilla è quasi ferma da marzo 2020, il municipio ci allontana definitivamente dai locali per l'estate 2021, questa volta senza una proposta di ricollocazione. Quindi cosa fare ? Le trattative sono automaticamente escluse. Non abbiamo più niente a che fare con queste persone. Ricominciare e rilanciare il progetto in un altro luogo ? Lì la mancanza di energia punta la punta del suo naso. Non importa piuttosto che morire lentamente, la Spark decide di autoaffondarsi e dichiara la fine dell'avventura per l'estate del 2021.

All'apice delle sue possibilità, il gruppo dell'UCL Angers ei suoi attivisti hanno sempre partecipato a questa avventura. È stato un modo concreto per renderci conto che l'autogestione è tutt'altro che facile. Ma se ci dotiamo degli strumenti giusti, possiamo riunire persone con background politici molto diversi e farli muovere nella stessa direzione. Quindi, ovviamente, la vita della Scintilla non è sempre stata rosea: attacco da parte di fascisti, aggressioni sessiste e sessuali, razzismo ordinario, ecc. Ma abbiamo imparato a gestire tutti questi eventi collettivamente e questo ha alimentato il movimento sociale angioino. Insomma, siamo stati un crogiolo su tante questioni che poi hanno irrigato tutto il nostro campo sociale.

E tutto questo non andrà via dall'oggi al domani. Già fioriscono i progetti locali e le idee scorrono. C'è da scommetterci che nel giro di poche settimane la città si doterà di un nuovo strumento al servizio delle lotte sociali. E come abbiamo cantato durante la manifestazionedel Primo Maggio se " la Scintilla se ne va, noi saremo ancora lì" !

Il gruppo dell'UCL Angers

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Local-militant-a-Angers-l-Etincelle-s-eteint-mais-la-flamme-demeure
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center