A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) UCADI, Newsletter, #148 - NOMADLAND - NOMADISMO MONADE

Date Wed, 4 Aug 2021 10:14:37 +0300


Un evento produce un trauma, un cambiamento (può essere la chiusura di una fabbrica o un lutto) e le persone non hanno più una casa (o non hanno più ragione per abitarla) e di questa necessità, alcuni di loro fanno una specie di scelta di libertà. ---- Una libertà individuale ed individualista, anche se vede il formarsi una comunità pseudo-tribale molto lasca (quasi una forma larvale) in cui si fanno discorsi sull'economia e sulla società che ci riportano a tematiche millenarie e millenaristiche. ---- Dove il ‘900 delle lotte sociali e dell'emancipazione pare scomparire o venir virato, al massimo, in una specie di indignazione morale/religiosa.
La realtà, materiale, è che questa gente fa una vita infame, dove mancano i servizi essenziali, le cure, dove la pensione non permette di vivere una vita minimamente decente e domina una solitudine che pare essere ricompensata solo da una natura bellissima e gigantesca.
Dove i lavori sono precari e intercambiabili (non esiste più il lavoro ma i "lavoretti") e dove le multinazionali come Amazon hanno creato addirittura "corridoi" assunzionali specifici per homeless e anziani in pensione.
Non c'è nel film neppure un accenno di critica.
Che una fabbrica chiuda o un figlio muoia, si tratta di eventi "naturali".
Non c"è altro orizzonte e altra libertà che non quella che il sistema economico ti consente o ti lascia.
Non voglio aprire qui noiosissime parentesi sulla mancanza di critica sociale e sicuramente non è questo il punto del film, anzi è proprio la glacialità Brechtiana a dare potenza e bellezza all'opera.
Si tratta, invero, di una antropologia specifica che noi "europei ammuffiti" forse non siamo in grado di leggere ma che ci sta penetrando ampiamente.
Mi ricorda, per certi versi, "Nelle terre selvagge" e il mito velleitario dell'individuo solo nella natura. Incapace di sopravviverci e illuso della propria libertà che lo porterà alla morte.
Poi certamente in Nomadland c'è la solidarietà fra i "nomadi" e la creazione di una comunità "resiliente" (appunto!) ma che fa parte a pieno titolo del sistema che l'ha originata ("meglio che niente", verrebbe da dire).

Andrea Bellucci

http://www.ucadi.org/2021/07/23/nomadland-nomadismo-monade/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center