A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) cnt-sindikatua: Alabert Camus, un uomo libero, un libertario di Josecrust (ca) [traduzione automatica]

Date Tue, 27 Apr 2021 10:01:32 +0300


Proverò a fare uno schizzo su Albert Camus. Durante il parto è tornato alla ribalta, perché il suo romanzo "La Peste" è stato uno dei più letti, sicuramente per la somiglianza pandemica che stavamo attraversando. ---- Come lo storico marxista E.P. Thompson, sto per scrivere dall'enorme condiscendenza dei posteri. ---- Ed è che scrivere, conoscendo in anticipo alcune risposte che gli esistenzialisti non avevano negli anni '50, sembra che dia una posizione vantaggiosa, ma se ci fermiamo a pensare, forse tra cinquant'anni, qualcuno ci giudica sapendo cose che ora non sappiamo. ---- La prima cosa che farò è abbozzare un po 'la sua biografia, immergermi nella vita di un uomo complesso, ma non per questo non legato agli istinti umani terreni che tutti noi abbiamo.

Camus è nato in Algeria francese, in una casa molto umile senza elettricità né libri e orfano di padre, tanto che all'inizio forse nessuno poteva prevedere che sarebbe stato un futuro Premio Nobel per la letteratura.

Fin dall'inizio si interessò agli alti e bassi della rivoluzione asturiana dell'ottobre 1934, di cui fece una commedia.

Sebbene affiliato al Partito Comunista Francese, nella sezione algerina, lo lasciò presto dopo il patto tedesco-sovietico del 1938. Da allora manterrà una posizione critica con l'URSS, soprattutto a seguito dell'invasione sovietica di Budapest nel 1956.

Durante la seconda guerra mondiale, si ritrovò nella Parigi occupata dai nazisti. Nel 1940, è il primo a scrivere nei suoi appunti personali che non c'è futuro, qualcosa che i Sex Pistols prenderanno in prestito molti anni dopo.

In quegli anni dirigerà il quotidiano clandestino della resistenza Le Combat. Di questo tempo dirà: "Rischiare la vita, per quanto poco, far stampare un articolo significa imparare il vero peso delle parole".

Sarà in questi anni che scriverà "La Peste", in cui ci lascia con la sensazione che non possiamo fare più di quello che facciamo e che, in realtà, siamo intrappolati dalla catena degli eventi. Sì, una visione un po 'nichilista.

In ogni caso uscirà nel dopoguerra, nel 1947, quando Sartre e Simone de Beauvoir si incontreranno e saranno sedotti, con cui condividerà infiniti dibattiti, polemiche e anche folli feste al ritmo del folle jazz di Boris Vian, oltre ai suoi costanti triangoli amorosi.

Verso la fine degli anni Quaranta, sebbene all'inizio gli esistenzialisti non si posizionassero con l'URSS, sarà la deriva della guerra fredda a posizionarli a favore del gigante russo.

Le polemiche non tarderanno a svilupparsi all'interno del gruppo di Montmartre. Ed è che, dopo la guerra, Camus inizia a sviluppare un profondo pacifismo, che lo porterà a confrontarsi con il gruppo esistenzialista per la sua posizione contro la pena di morte. Al punto da organizzare una lite monumentale una sera festeggiando a casa di Boris Vian con Merleau-Ponty per un articolo che aveva scritto.

Attenzione, perché Camus non pensa che la violenza non sia inevitabile in contesti diversi, ma è del tutto ingiustificabile, necessaria, sì, ma ingiustificabile: né vittime né carnefici.

Nel 1950 manterrà più polemiche contro Sartre, Beauvoir e Merleau-Ponty, poiché pensano che Camus sia controrivoluzionario a causa della sua velata critica all'URSS. La verità è che verso la fine della loro vita, Merleau-Ponty finirà per essere profondamente anticomunista e Sartre si considererà un pacifista, avvicinandosi paradossalmente alla posizione di Camus.

Camus è un umanista che non pensa che la storia condurrà a un destino unico e inevitabile, e non pensa, inoltre, che ci sia la perfezione: "Finché avremo società umane, avremo ribellione. Crea un nuovo status quo , che a sua volta sviluppa i propri eccessi e le proprie ingiustizie. Ogni generazione ha un rinnovato dovere di ribellarsi a tutto, e sarà sempre così ".

Durante gli anni '50, Camus si posiziona apertamente a favore degli esuli libertari spagnoli. Ma inoltre inizia a collaborare a diverse pubblicazioni anarchiche. Per mostrare un bottone, collabora con i giornali libertari francesi: Temoins, Le Monde libertaire (poi Le libertaire), La revolution proletarienne, Defense de l'homme, liberta; e anche con i giornali anarchici Solidaridad Obrera (Stato spagnolo), Volontá (Italia), Arbetaren e Die Freie Gessellchaft (Germania), Reconstruir (Argentina), S.A.C. (Svezia) e Babel (Uruguay).

In tutti farà critiche e denunce anti-autoritarie, inoltre parteciperà a dibattiti con altri libertari.

Questo è importante, perché non possiamo restare nell'estetica della sua opera letteraria senza vedere la sua critica al totalitarismo, ecco perché non può e non deve essere recuperata dai "nuovi filosofi francesi conservatori", poiché l'essenza della sua critica è la liberazione.

Nel suo dibattito con Gastón Leval sul quotidiano Le Monde Libertaire, è arrivato al punto di affermare "Spero di aver servito il pensiero libertario ... di cui la società del futuro non potrà fare a meno".

Alcune delle controversie sui giornali libertari faranno scorrere fiumi di inchiostro e dibattiti agitati nei sindacati e negli atenei, come, ad esempio, la controversia che circonda Camus e Bretón.

Riuscite a immaginare che oggi discuteremo per ore sulle terrazze dei bar discutendo delle posizioni di Chomsky e della sua polemica con Zizek? No, la velocità e l'immediatezza dei tempi ce lo impediscono.

D'altra parte, nel 1954, inizia la guerra d'indipendenza algerina, e Camus sarà critico nei confronti della violenza del FLN (Fronte di liberazione nazionale algerino) e della sua possibile deriva autoritaria (come è successo), nonché della posizione imperialista La Francia e l'eccessiva violenza dell'estrema destra francese (i Babouz).

La posizione di Camus lo avvicinò all'MNA (Movimento Nazionale Algerino) di Messali Hadj, socialista e sindacalista non allineato né con l'URSS né con l'Egitto di Násser, ma soprattutto il suo lavoro fu quello di denunciare la repressione dei sindacalisti algerini , sia per i francesi che per l'FLN.

Ed è questo, Oriente e Occidente, così in voga oggi, sono condensati in Camus. Nato algerino-francese, da madre minorchina e nuovamente esiliato in Francia, come "Pied-Noir".

Infine, vorrei raccomandare un film, "Lontano dagli uomini" (2014, David Oelhoffen), basato su uno dei suoi libri, dove si intersecano diverse note autobiografiche di Camus. Il personaggio è un ex comandante della resistenza di origine spagnola e trasformato in un insegnante rurale pacifista in Algeria rurale. Mostra una delle dicotomie preferite dallo scrittore, quella di salvare una vita a scapito di un'altra, oppure no. E in esso viene mostrato uno spietato esercito francese, ma nemmeno un FLN molto migliore. Il personaggio è intrappolato dagli eventi, cercando di salvare la vita di un uomo condannato a morte, sapendo che avrà conseguenze disastrose per lui.

In breve, Camus dà molto più di un articolo, poiché influenzerà la generazione del maggio 68 con "The Rebellious Man", o con "The Stranger" lo scrittore britannico Colin Wilson, che conierà il termine "Outsider", rendendolo popolare .

Albert Camus morirà in un incidente d'auto nel 1960, il che non è senza polemiche, come potrebbe essere altrimenti. In un articolo su El Pais o Corriere Della Serra, si ipotizzava che la sua auto fosse stata effettivamente sabotata dal KGB, a causa della sua condanna dell'invasione dell'Ungheria o per il suo sostegno allo scrittore dissidente Pasternak.

Insomma, è qualcuno del tempo presente data la sua filosofia dell'assurdità dell'esistenza umana, nel contesto attuale, dove la velocità, la necessità di fare qualcosa costantemente, cioè l'orologio del postfordismo, rendono la nostra quotidianità qualcosa di assurdo .

http://www.cnt-sindikatua.org/es/noticias/alabert-camus-un-hombre-libre-un-libertario ________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center