A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) France, UCL AL #314 - Ecologia, Il caso del secolo: l'istituzionalizzazione della lotta per il clima (ca, de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Mon, 12 Apr 2021 11:41:46 +0300


Il tribunale amministrativo di Parigi ha condannato lo Stato per "fallimento difettoso" nella lotta al riscaldamento globale, il Consiglio di Stato gli concede tre mesi per "giustificare il rispetto del percorso di riduzione entro il 2030", il governo prevede di modificare l'articolo 1 del Costituzione... Eppure le decisioni prese non permetteranno nemmeno di rispettare l'Accordo di Parigi del 2015. Questo governo non ha intenzione di attaccare gli interessi dei capitalisti. ---- Dopo aver raccolto due milioni di firme, Greenpeace, Oxfam, il collettivo Notre affaires à tous e la Nicolas Hulot Foundation hanno presentato ricorso nel marzo 2019 davanti al tribunale amministrativo di Parigi. Il 3 febbraio 2021, la giustizia ha dato loro ragione affermando che lo Stato ha commesso una colpa: le emissioni di CO2 sono diminuite solo dello 0,9% tra il 2018 e il 2019, insufficiente per raggiungere la neutralità del carbonio all'orizzonte. 2050. E questo nonostante la natura fittizia di questo declino che corrisponde soprattutto a deportare, ad esempio in Cina, parte dell'attività economica e inquinamento. Questa sentenza fa seguito a una decisione del Consiglio di Stato del 19 novembre 2020, che concede al governo tre mesi per "giustificare il rispetto del percorso di riduzione entro il 2030".". Dovremmo vedere in queste decisioni giudiziarie "un passo da gigante" verso obiettivi climatici diventati vincolanti, come ha fatto Nicolas Hulot su Twitter ?

Uno sviluppo definito ... ma limitato !
Di fronte alle conseguenze del cambiamento climatico, larghi settori della classe capitalista sembrano voler scuotere le cose. Come ad esempio nel Regno Unito dove la giustizia britannica ha respinto il piano di ampliamento dell'aeroporto di Heathrow, vista la mancanza di considerazione degli impegni climatici. Sarà lo stesso in Francia e probabilmente sempre più spesso. Ma questa evoluzione fa parte di un processo di trasformazione sociale verso un'uscita dalla crisi climatica o in una riorganizzazione capitalistica che rallenterà (nella migliore delle ipotesi) il cambiamento climatico? La risposta può essere trovata nel progetto di legge sul clima e la resilienza, attualmente in discussione in parlamento e che dovrebbe riflettere le proposte della convenzione dei cittadini per il clima.

Maxime Pasquier, Vice Capo del Servizio Trasporti e Mobilità dell'Agenzia per la Gestione dell'Energia ha ricordato che "Per limitare l'inquinamento e il cambiamento climatico, la prima leva è la sobrietà: limitare i viaggi, accorciare le catene logistiche. Quindi: usa i mezzi pubblici, vai in bicicletta, condividi i veicoli. E solo come ultima risorsa, agire sull'efficienza tecnica dei veicoli" [1]. Ciò che è vero per i trasporti vale per tutti gli aspetti della vita economica e sociale. Qui verrà affrontata solo la questione dei trasporti, ma la generalizzazione di questa logica è essenziale. [2]

La messa in discussione della divisione internazionale del lavoro è fondamentale per ridurre il trasporto delle merci a ciò che è utile. Eppure la convenzione dei cittadini si limitava a chiedere una rinegoziazione del Trattato di libero scambio tra il Canada e l'Unione europea, o una riforma dell'Organizzazione mondiale del commercio, richieste respinte dal governo che fa affidamento sull'Unione europea. La pianificazione regionale è anche un punto di strutturazione per l'organizzazione dei trasporti. La Convenzione ha proposto varie misure per ridurre l'artificializzazione dei suoli e alcuni incentivi per riequilibrare le città esistenti ("Aumentare la consapevolezza dell'importanza della città compatta", "Rendere i centri urbani più attraenti»...). Ma niente sugli equilibri tra grandi metropoli, città di medie dimensioni e aree rurali. Quanto al governo, adotta solo misure che si limitano a incentivi di scarsa rilevanza.

Inoltre, la convenzione dei cittadini ha stilato un catalogo di misure raramente restrittive che mira a promuovere il trasferimento a mezzi di trasporto, treni, corsi d'acqua, veicoli elettrici o a idrogeno apparentemente più puliti ... Ma limitarsi a questo significa perdere il punto. vera domanda: come limitare i trasporti a ciò che è utile alla popolazione.

Sobrietà nei trasporti ?
Il governo non ha commesso errori al riguardo. La sua legge non basta a spaventare le multinazionali. Pertanto l'articolo 36 del disegno di legge, che risponde alla richiesta di "porre fine ai voli nazionali quando esiste un'alternativa inferiore a quattro ore", riguarderà solo cinque collegamenti aerei. Quando accetta la richiesta di "rimuovere i vantaggi fiscali sul diesel e sostenere l'acquisto di autocarri puliti", si affretta a creare le condizioni per la produzione di automezzi pesanti di nuova generazione. Lo stesso vale per le auto elettriche o a idrogeno, dove la posta in gioco è la rinascita del mercato automobilistico ... non la messa in discussione del posto dell'automobile nella società.

Le decisioni prese dal protocollo di Kyoto del 1997 non hanno impedito la crescita delle emissioni di CO2. Sarà lo stesso per questa legge. Quanto all'interpretazione che i giudici daranno all'eventuale modifica della Costituzione, scommettiamo che nessuna decisione che possa destabilizzare i grandi equilibri della società capitalista non sarà mai presa dai giudici.

Jacques Dubart (UCL Nantes)

convalidare

[1] Reporterre, 1 °settembre 2020.

[2] "Che fine hanno fatto le proposte della convenzione sul clima, che Emmanuel Macron si era impegnato a raccogliere" senza filtri " ? », Lemonde.fr, 10 febbraio 2021. L'articolo riassume tutte le proposte della Convenzione dei cittadini e le risposte del governo /

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?L-affaire-du-siecle-l-institutionnalisation-de-la-lutte-climatique
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center