A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Spaine, "Ho anche un accendino": cronaca della manifestazione a Mataró in solidarietà con i prigionieri del 27-F (ca, de, en, pt)[traduzione automatica]

Date Wed, 7 Apr 2021 09:57:12 +0300


Il 27 marzo 2021, una manifestazione di solidarietà con Sara, María, Alberto, Danilo, Jalienne, Emmanuele, Ermano e Luca è stata convocata nel comune di Mataró: detenuti e incarcerati (il primo è già stato rilasciato con accuse) dopo una polizia operazione che ha cercato di collegarli a una cellula di violenti anarchici italiani approfittando di tutta la leggenda nera che, storicamente, la stampa borghese spagnola e catalana ha costruito in relazione al movimento libertario in quel paese. E tutto questo nel quadro delle proteste contro la reclusione del rapper Pablo Hásel: che pone noi anarchici, che sabato abbiamo manifestato e / o che abbiamo espresso solidarietà in altro modo, in uno scenario di risposta alla repressione con chi, in a turno, mostravano solidarietà per la stessa cosa. Dico questo perché penso che sia necessario riflettere su questa situazione perché, sembra, che siamo già caduti nella dinamica di azione-repressione-azione che indica un momento di declino della lotta. In effetti, a questo punto è dove il sistema vuole vederci e da cui dobbiamo cercare di uscire.

Verso le 19:00 abbiamo concentrato una cinquantina di persone davanti alla Stazione Renfe con la quale, e dopo un po 'di attesa per l'eventuale arrivo di altri manifestanti, abbiamo occupato l'autostrada N-II esponendo due striscioni e una bandiera anarchica. Nella più grande di esse era scritta la frase Anch'io ho un accendino (riferendosi alla bizzarra storia inventata nel verbale della polizia dei Mossos secondo cui i detenuti facevano parte della stessa cella perché avevano lo stesso accendino: un oggetto che regalano in confezioni di tabacco da arrotolare e che è comunemente usato), l'altro più piccolo è stato portato da due attivisti del collettivo Pro-Aminist Movementcreato per mostrare solidarietà alle rappresaglie delle lotte anticapitaliste e chiedere un'amnistia totale.

Seguiti da vicino da un equipaggio della polizia locale, ci siamo incamminati lungo la strada gridando slogan come ho anche io un accendino, libertà per i nostri compagni perché lo Stato li ha prigionieri, giù per le mura del carcere, le carceri sono centri di sterminio o visca, Visca , visitare l'anarchico Maresme fino a raggiungere una rotonda e svoltare a destra dove più in alto si trovava la Stazione di Polizia dei Mossos d'Esquadra. Man mano che ci avvicinavamo, il tono degli slogan aumentava, come la tortura e l'omicidio della polizia, per tutta la rabbia accumulata contro questi sicari del proto-stato capitalista catalano che aspettavano che facessimo un cordone, con i loro elmetti ei loro manganelli tirati: c'erano alcuni momenti di tensione senza che potessero caricare e ci siamo trasferiti a la sinistra, addentrandosi nel centro del paese.
Si è continuato a gridare slogan e si sono distribuiti volantini ai vicini che assistevano alla marcia fino a raggiungere la porta del municipio dove erano esposti i due striscioni e la dichiarazione di solidarietà ai compagni imprigionati davanti allo sguardo stupito di una folla di passanti, alcuni dei quali non sembravano capire molto bene cosa stesse succedendo: si può dire che qualche persona partecipante alla manifestazione fosse incaricata di spiegarla a chi si avvicinava curioso per chiedere. Mentre questo accadeva, siamo stati sorvegliati da vicino da diversi membri della Polizia Locale, di stanza di fronte a un ufficio di banca, a cui un manifestante ha ironicamente rimproverato di proteggere una banca davanti al Consiglio Comunale, il che ha provocato alcune risate.

Qui sembrava che la manifestazione stesse per finire, ma non è stato così perché abbiamo deciso di continuare a scendere a fare rumore con quello che stavamo trovando, recinzioni metalliche e edili, mentre i suddetti slogan continuavano a essere gridati. Infine si è raggiunto il punto di uscita dove per finire la N-II è stata nuovamente tagliata per un po ', mostrando gli striscioni ai veicoli, fino a quando non si è deciso di annullare una manifestazione che, all'inizio e alla fine, è stata discretamente custodita ( o almeno così credevano) da qualche gruppo di segreti. Personalmente, penso che, anche se non eravamo molti dei partecipanti, hanno mostrato molto coraggio e combattività e è stato fatto un viaggio più lungo del previsto.
Prigionieri della libertà 27-F

https://alma-apatrida.blogspot.com/2021/03/yo-tambien-tengo-mecherocronica-de-la.html
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center