A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Torino. Striscione No Tav alla CGIL contro Pibiri

Date Thu, 21 Jan 2010 08:29:02 +0100



Uno striscione con la scritta âPibiri calunniatore, amico dei
padroniâ Ã stato appeso davanti allâingresso della sede CGIL di via
Pedrotti.
A questâindirizzo trovate una foto scattata da un reporter di passaggio:
http://piemonte.indymedia.org/article/7149
Gianni Pibiri, segretario per il Piemonte della Fillea CGIL, in
unâintervista rilasciata al quotidiano âLa Stampaâ del 19 gennaio, a
proposito del presidio No Tav di Collegno, ha dichiarato âGli operai
stavano lavorando nellâarea coinvolta dal cantiere legato alle trivelle.
Accade che (â) anarchici o autonomi hanno iniziato a gettare pietre,
bottiglie e altri oggetti pericolosiâ. Pibiri conclude annunciando di aver
presentato denuncia.
Le dichiarazioni di Pibiri sono false, inventate di sana pianta al solo
scopo di gettare fango su chi, per quattro giorni e tre notti, ha
informato i cittadini di Collegno sul progetto Tav, unâopera inutile e
dannosa, che servirà solo ad ingrassare la lobby bipartisan del cemento e
del tondino.
Quelli come Pibiri, se realmente fossero interessati alla salute ed al
benessere dei lavoratori, dovrebbero occuparsi dei tanti morti nei
cantieri, non ultimi quelli del TAV.

Pibiri definisce i No Tav âestremisti che hanno tutto questo tempo libero
da dedicare ai presidi e alle violenzeâ, âfigli di papÃâ che non si
âdevono guadagnare il paneâ.
Se Pibiri fosse passato davvero ad un presidio, quello di Collegno o uno
degli altri che resistono al Tav a Susa, S. Antonino, Villarbasse, ci
avrebbe trovato gente che, uscita dalla fabbrica o dallâufficio, passa la
notte a vigilare, altri che, nella pausa pranzo, passano a condividere il
pasto, studenti che ci stanno al pomeriggio e tanti pensionati che ci
dedicano ore ed ore. Gente con gli occhi rossi per la mancanza di sonno ma
con la schiena ritta per lâorgoglio di una lotta che Ã, in primo luogo,
nellâinteresse di chi lavora, non certo dei padroni che lucrano sulla vita
di noi tutti.
Ma cosa puà saperne un burocrate, uno che non lavora ma fa il funzionario?
Uno da sempre schierato a favore di una truffa colossale come il Tav?

Il nostro augurio à che, poco a poco, anche tra gli edili iscritti alla
Fillea, cresca la consapevolezza che, se il Tav viene fermato ai blocchi
di partenza, tante risorse potrebbero essere usate per cantieri che
servano davvero a migliorare la vita di noi tutti, per scuole, ospedali,
case, trasporti pubblici sicuriâ

Chi volesse leggere per intero lâintervista fatta da Massimo Numa a Gianni
Pibiri la trova sul sito dei Si Tav che promuovono la manifestazione del
24 gennaio al Lingotto: http://www.sitavtorino.net/?p=117

No Tav Autogestione â Torino
notav_autogestione@yahoo.it

Per completezza di informazione riportiamo il comunicato redatto da chi ha
condiviso lâesperienza del presidio di Collegno, dopo lâarticolo di
Cronacaqui del 16 gennaio dove viene riportato un comunicato della Fillea
Cgil sulla medesima vicenda.

Presidio No Tav di Collegno: le menzogne della Fillea-Cgil
Sul giornaletto fascista CRONACA QUI di sabato 16 gennaio 2010, Claudio
Neve nellâarticolo di pag. 15 âOGGI A TORINO CORTEO NOTAV â OPERAI
AGGREDITI A COLLEGNO, riporta un comunicato della FILLEA-CGIL Piemonte che
afferma. ââalcuni lavoratori edili sono stati fatti oggetto di minacce,
lancio di bottiglie e altri materiali contundenti. I lavoratori erano
impegnati sulla linea storica e non erano coinvolti nelle operazioni di
carotaggioâ

Lâaccusa à rivolta ai NOTAV del presidio di Collegno che per 4 giorni e 3
notti hanno contestato le trivellazioni effettuate con la protezione di un
centinaio di poliziotti in assetto antisommossa.
Niente di vero!
I NOTAV sono da sempre schierati a favore della salute di tutti.
Le linee TAV in Italia hanno totalizzato un morto a chilometro tra gli
operai.
Il danno ambientale à irreparabile, enorme il dispendio di denaro pubblico
per questa opera inutile.
âIn 4 giorni intorno ai fuochi del presidio sono passate centinaia di
persone: NO TAV di lunga data e cittadini di Collegno. Per 4 giorni,
mentre la trivella sondava un terreno già pià volte sondato, abbiamo
informato chi passava, volantinato in piazze, mercati, scuole!â!

La FILLEA-CGIL Piemonte, ed in particolare il suo segretario Gianni
Pibiri, invece si sono ripetutamente schierati per interessi corporativi a
favore del TAV, quindi contro la salute dei lavoratori che dovrebbero
tutelare.

16 gennaio 2010
Quelli del presidio torinese NOTAV della stazione di Collegno
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center