A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Torino: No Tav da Calabresi, presidio No Tav alla Stampa in via Roma

Date Thu, 25 Feb 2010 11:24:53 +0100



Torino. No Tav da Calabresi. presidio No Tav alla Stampa in via Roma
Il direttore della âBusiardaâ, Mario Calabresi, Ã stato fatto entrare da
un ingresso laterale del Sermig dove era atteso per una conferenza. Ha
cosà evitato di passare dallâingresso principale dove lo aspettavano una
ventina di No Tav armati di volantini, bandiere e striscioni, le armi che
pià danno fastidio ai sostenitori del TAV. La polizia, che presidiava la
zona con ben tre pattuglie sin dalla mattinata, ha schierato due blindati,
numerosi uomini in tenuta antisommossa e il consueto drappello di digos.
I No Tav hanno aperto due striscioni, sul primo la scritta gigante âNO
TAVâ sul secondo âCalabresi busiard! No Tavâ.
Purtroppo non ha nevicato e Calabresi si à perso le âbale dâfioca â palle
di neveâ che gli avevamo promesso. Sarà per unâaltra volta.
mercoledà 24 febbraio dalle 17 â promuove la rete No Tav âTorino e
cintura sarà duraâ - presidio in via Roma davanti alla sede de âLa
Stampaâ.
Punto info, aperitivo autogestito â porta da bere e da mangiare â
assemblea popolare.

Qui un paio di foto degli striscioni:
http://piemonte.indymedia.org/article/7696

I No Tav e le balle de âLa Stampaâ
I No Tav e le bale dâla busiarda

Ci sono palle e palle. Ci sono le palle di neve tirate ai poliziotti di
guardia alle trivelle in Val Susa e le solenni palle che racconta, giorno
dopo giorno, senza un briciolo di vergogna, senza neppure una punta di bon
ton, di ipocrita eleganza subalpina, il quotidiano âLa Stampaâ. Su âLa
Stampaâ le palle di neve diventano sassi, i manifestanti che finiscono
allâospedale sono sempre pericolosi estremisti, una bomba del racket
lâhanno piazzata i No Tav. O gli anarchici, uno dei babau preferiti dalla
âbusiardaâ in versione Calabresi. Il suo tirapiedi pià caro à Massimo
Numa, ma anche altri non hanno mancato di distinguersi.
Hanno scritto che abbiamo colpito gli operai della ferrovia durante il
presidio contro i sondaggi a Collegno, che abbiamo ferito la polizia alla
stazione di Condove, dove quelli in divisa hanno rotto il braccio a un
manifestante. Anche a Coldimosso di Susa li avremmo attaccati. E là uno di
noi le ha prese cosà secche che stava per lasciarci la pelle. Ad unâaltra
No Tav la polizia ha spaccato il naso, uno zigomo, lâorbita di un occhio,
a calci le hanno sfondato unâovaia. Ma i violenti, a leggere la stampa,
saremmo noi.
Mentono sapendo di mentire.
Niente di nuovo sotto il sole, se non fosse che il livore, gli espliciti
riferimenti personali, le calunnie, hanno ormai raggiunto il parossismo.

Si sa che i giornalisti lavorano sotto padrone e che, a fine mese, il
padrone deve essere contento. Nessuno pretende che chi fa questo lavoro
sia un eroe ma un minimo di decenza, behâ quella non guasterebbe. In fondo
ci sono tanti mestieri onesti tra cui scegliereâ operaio, panettiere,
maestro, giardiniere, falegname, tornitoreâ
Da mesi e mesi La Stampa, peraltro ben affiancata da Repubblica e
Cronacaqui, getta fango sul movimento No Tav. Dicono che siamo minoranza,
anche quando facciamo cortei di 40.000 persone (Susa il 23 gennaio), fanno
di tutto per nascondere che i Si Tav al Lingotto erano meno di duecento,
tra imprenditori, funzionari di partito e di sindacato.
Hanno scritto che usiamo donne, bambini ed anziani come âscudi umaniâ
durante le manifestazioni. Siamo un movimento popolare: alle
manifestazioni ci andiamo tutti, compresi i nostri anziani ed i nostri
figli, perchà il futuro che difendiamo à il futuro di tutti e ciascuno da
il proprio contributo come crede e come puÃ. Gli anziani â e fra noi
quelli âân piotaâ sono tanti â partecipano ai cortei, ai blocchi delle
strade e dei treni, ai turni di notte ai presidi, senza paura delle
manganellate e del gas lacrimogeno dei poliziotti al servizio di uno Stato
che vuole imporre con la forza unâopera inutile, dannosa, costosissima.
Unâopera che, non ci stancheremo mai di dirlo, serve solo agli interessi
di una cricca di costruttori che ha amici a destra non meno che a
sinistra.
Noi, a Torino come a Collegno, Venaria, Val Susa difendiamo il territorio
dove viviamo. Ma non solo. I No Tav si battono contro unâopera che ha giÃ
devastato mezza Italia. Ovunque inquinamento del suolo, rumore
insopportabile, perdita di fonti idriche, distruzione irreversibile
dellâambiente, case abbattute, città spezzate in due da muraglioni.
Ogni chilometro di linea costruita in Italia à costato la vita ad un
lavoratore.
Una montagna di soldi pubblici sono stati sottratti ai treni per chi
lavora, alle scuole per i nostri figli, ad una sanità decente per tutti.
Sappiamo bene che velocitÃ, crescita, progresso sono miti utili solo ad
aumentare i profitti di chi, ogni giorno, lucra sulle nostre vite,
portandosi via la vita e la salute di chi, per campare, deve lavorare.
I No Tav sanno mettere insieme lâautogestione delle lotte, le assemblee
che discutono e decidono con lâazione diretta, senza deleghe. Per questo
facciamo paura. Per questo la âbusiardaâ ci criminalizza, trasformando la
nostra resistenza in attacco violento mettendo la sordina alle violenze
dei tutori del (dis)ordine statale.
Due di noi sono allâospedale da una settimana.
Mercoledà 17 manifestavamo davanti alla trivella piazzata a Coldimosso di
Susa. Qualche palla di neve e la polizia ha caricato pià volte. Cariche
feroci. Chi cadeva veniva massacrato. Un ragazzo, Simone, viene pià volte
colpito. I poliziotti infieriscono su di lui mentre à a terra. Vomita
sangue, non riesce pià a muovere le gambe. Ad una donna spaccano la faccia
infierendo ripetutamente sul volto, una ragazza riporta numerose ferite al
capo. Molti altri guadagnano lividi ed escoriazioni.
Un No Tav grida ai poliziotti di aver puntato in modo esplicito a Simone e
loro gli dicono âsÃ, quello lo conosciamoâ. Già à normale: Simone Ã
anarchico e gli anarchici facilmente si guadagnano le attenzioni delle
forze del disordine statale.
Vogliono spaccare il movimento, dividerlo in buoni e cattivi. Ma non ci
riescono, non possono riuscirci. Il movimento No Tav à â costitutivamente
â un movimento trasversale, dalle molte anime: quella anarchica à una
delle tante. La partecipazione diretta, il mettersi in gioco in prima
persona, il rifiuto di ogni delega in bianco ne fanno un movimento capace
di confrontarsi, scegliere e agire nel rispetto delle diverse sensibilitÃ.

Da maggio, quando il timone âLa Stampaâ Ã passato a Mario Calabresi, non
solo si à accentuato lâorientamento si tav del quotidiano, ma la
disinformazione e la calunnia sono diventati pane quotidiano. Specie
contro gli anarchici, nei cui confronti si à scatenata una vera campagna
di criminalizzazione. Ossessiva, martellante, maniacale.

I figli non si giudicano dai padri ma certo ci pare legittimo supporre che
il figlio del commissario Luigi Calabresi, nella cui stanza venne
torchiato ed ucciso lâanarchico Giuseppe Pinelli il 15 dicembre del 1969,
non abbia saputo fare i conti con la pesante eredità paterna. Ammesso che,
ovviamente, non si trovi perfettamente a proprio agio nel ruolo di
galoppino della questura e dei potenti interessi che sostengono il Tav.

Nâuma basta dâNuma!
Nâuma basta dâbale!
Na bala dâfioca anche a ti, Calabresi!

No Tav Autogestione
notav_autogestione@yahoo.it
338 6594361
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center