A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�_ The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Trk�
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Torino. Lâeresia e la rivolta

Date Fri, 16 Apr 2010 15:36:39 +0200



Venerdà 16 aprile
conferenza di Roberto Prato
âLâeresia e la rivoltaâ
Alle 21 in corso Palermo 46.
Da Dolcino a Gioacchino da Fiore ai Catari, Patari, Gazzeri, Bogomili,
Valdesi, fraticelli, tutti gli eretici perseguitati ferocemente da una
chiesa cattolica ben decisa a difendere, in nome della Città Celeste, il
proprio pià che terreno dominio.
Eretici accomunati dal rifiuto del principio di autorità e quindi della
Chiesa alla quale non si debbono pagare le decime. Dolcino, ad esempio,
predicava la povertà come distacco dal potere e dalla gerarchia, la
comunione dei beni materiali, lâassenza di vincoli formali di obbedienza.
La sua era una dottrina radicale che incontrandosi con le esigenze
emergenti dalla disperata condizione dei servi della gleba e del popolo
minuto delle città porta ad una rivolta che per le autorità religiose e
civili del tempo rappresentà una terribile minaccia per lâordinamento
istituzionale e sociale.
I dolciniani raccolsero consenso tra masse povere rurali ed urbane e,
anzichà âfarsi massacrare inermi, si armarono, espropriarono per
sopravvivere i ricchi, inventarono la guerra di guerriglia, in pianura e
in montagnaâ.

Unâoccasione per parlare di eretici e ribelli, gente la cui memoria,
dannata per i potenti, continua a vivere nel ricordo e nelle lotte degli
sfruttati e degli oppressi.

25 aprile 2010. Oggi il fascismo ha il volto della Lega

Oggi il fascismo ha il volto della Lega, del razzismo di Stato che il
ministro leghista di polizia incide, giorno dopo giorno, sui corpi dei
migranti rinchiusi nei CIE.
Alla vigilia dello scorso 25 aprile davanti alla sede della Lega apparve
un fantoccio con la faccia di Borghezio appeso a testa in giÃ, come
Mussolini a piazzale Loreto. Manifesti analoghi vennero attaccati in
cittÃ. Un gesto simbolico per mostrare che il fascismo non à morto nel
1945 ma à al governo e in parlamento, tra coloro che hanno promulgato le
nuove leggi razziali, quelli che hanno deciso la precarietà per legge, che
giorno dopo giorno stringono in una morsa ogni forma di opposizione. Dalle
squadracce alle ronde, dalle camice nere alle camicie verdi, dalle leggi
razziali a quelle razziste, da ebrei e rom a immigrati e rom. La musica Ã
sempre la stessa. Come la Resistenza.
Per quellâepisodio due anarchici della FAI torinese, Maria Matteo ed
Emilio Penna, sono stati rinviati a giudizio â si va in aula il 18 giugno
- per minacce e diffamazione nel confronti dellâeuroparlamentare leghista
Mario Borghezio.

Il fascismo di oggi ha il volto di uno come Borghezio, lo stesso che
disinfettava le carrozze dei treni dove avevano viaggiato ragazze
africane, lo stesso che diede fuoco ad un ricovero per senzatetto rumeni
sotto il Ponte Mosca a Torino.
Ogni anno i nostri mari si ingoiano le vite di migliaia di immigrati,
vittime delle leggi razziste del nostro paese. Quelle leggi che i
Borghezio vorrebbero sempre pià dure, sempre pià feroci. Campi di
concentramento e deportazioni non sono ricordo di un infame passato ma
stanno mettendo radici nelle nostre cittÃ, a pochi metri dai giardinetti
dove giocano i nostri figli. Ribellarsi à giusto, lâindifferenza Ã
complicitÃ.

Anche questâanno un 25 aprile antirazzista ed antileghista.

Programma:
Mercoledà 21 aprile.
Bicchierata benefit anarchici sotto processo,
proiezione del film âWelcomeâ di Philippe Lioret.
Lâodissea di un giovane curdo attraverso le frontiere dellâodio della
Fortezza Europa, tra trafficanti dâuomini e leggi razziste.
Poi assemblea di piazza
in piazza Madama Cristina.
Dalle ore 20,30.

Sabato 24 aprile.
Ore 10: punto info antirazzista/antifascista al Balon â via Andreis angolo
Borgodora.
Ore 16: deposizione di fiori, ricordo e bicchierata alla lapide del
partigiano anarchico Ilio Baroni.
Appuntamento in corso Giulio Cesare angolo corso Novara.

per info e contatti:
Federazione Anarchica Torino
corso Palermo 46 - la sede à aperta ogni giovedà dalle 21.
fai_to@inrete.it 338 6594361
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center