A - I n f o s

notiziario multilingue fatto dagli anarchici ** , per gli anarchici, sugli anarchici
Le notizie in tutte le lingue
Gli ultimi 30 messaggi (Homepage) Messaggi degli ultimi 2 settimane Gli archivi di A-Infos

Gli ultimi 100 messaggi, divisi per lingua
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017


A-INFOS VISION

ISCRIVITI!
ad A-Infos-It, il notiziario italiano


Oppure


Discover all the other OPTIONS
notiziario multilingue fatto dagli anarchici ** , per gli anarchici, sugli anarchici

Ci siamo dati un compito:
essere gli scrivani del popolo.
Sul lato opposto della storia,
la storia è cominciata.
Ed avrà nuovi autori.
La storia morde.
E noi anche.


Scoprite le OPZIONI a disposizione.Le news list sono divise per lingua, per progetti e per modalità di distribuzione.
Provate Mailman il centro e-mail automatico di A-Infos...

Il nostro contributo alla lotta per una società libera è di distribuire notizie ed articoli in diverse lingue, e riguardanti una vasta gamma di situazioni.
Si va dalle lotte sul lavoro a quelle per l'ambiente e contro l'imperialismo; dalla battaglia contro il razzismo, a quelle contro il sessismo e l'omofobia.

lots of work to do

A-INFOS-ORG

I servizi di news di A-Infos sono democraticamente autogestiti da un collettivo di gestione internazionale. Ecco come partecipare. Invitiamo a partecipare soprattutto le donne, chi non parla l'inglese, chi non vive in Europa né in America. Queste sono le regole che ci siamo dati [alcune solo in inglese].

A-INFOS VISION

La coordinazione del Progetto A-infos è gestita da una collettiva di attivisti rivoluzionari antiautoritari e anticapitalisti, coinvolti con la lotta di classe, che considerano la stessa una lotta sociale totale.

Queste persone si autodefiniscono anarchici sociali rivoluzionari di classe, anarco-comunisti, comunisti libertari ed altri che hanno opinioni simili a questi, ma adoperano altre "etichette".

A-infos è gestito da persone che considerano l'anarchismo una teoria sociale, e che un ordine sociale nuovo senza classi si può avere soltanto tramite la rivoluzione. Questa rivoluzione può avverarsi soltanto con la rivolta della maggior parte della classe operaia.

In particolare, l'anarchismo che noi intendiamo e promuoviamo è quello dei martiri di Haymarket, nonché quello degli espulsi da Karl Marx dalla prima internazionale per aver criticato il suo autoritarismo ed il degrado elitista ed avanguardista delle masse della classe operaia.

Non sosteniamo quel tipo di anarchismo che è proposto da alcuni pseudomodernisti e pseudorivoluzionari, i quali considerano l'attività simbolica un sostituto per la lotta di massa, né sosteniamo l'anarchismo degli "umanisti" che ritengono che altri compiti siano ugualmente o addirittura più importante della lotta rivoluzionaria per l'abolizione del sistema capitalista. Il lavoro di A-infos non è ispirato da motivi egoisti o egocentrici, dall'individualismo, dal primitivismo, dal "capitalismo libero senza lo stato" o anche uno stato senza il capitalismo libero - che si oppone all'ordine attuale capitalista senza però proporre un modello di un moderno ordine sociale di libertà, eguaglianza e solidarietà.

L'uso di un'etichetta anarchica non è una garanzia per la distribuzione di testi da parte di A-infos.

Nell'ambito della lotta per una società libera, noi diffondiamo notizie e articoli in diverse lingue, che trattano di una vasta gamma di situazioni di lotta, tra cui le lotte per il lavoro e l'ambiente nonché le lotte contro il razzismo, la discriminazione sessuale e l'omofobia. A-infos diffonde anche notizie sulle lotte anticolonialiste dei popoli indigeni contro i colonizzatori, la marginalizzazione e per il lavoro, nonché notizie sulle lotte antinazionaliste ed antiregionalseparatiste poiché i lavoratori non hanno paese, ma l'intero mondo...

A-infos è un'agenzia di stampa specializzata al servizio (come meglio intendiamo noi) del movimento rivoluzionario degli attivisti anti-capitalisti che si battono nelle diverse lotte sociali contro la classe capitalista ed il suo sistema sociale.

A-infos non è un servizio aperto e "liberale" che diffonde qualsiasi cosa che piace a "noi" - non è Indymedia. E' anzitutto uno strumento di diffusione gratis di informazione da e riguardanti gruppi anarchici (ed altri rivoluzionari antiautoritari) che sono coinvolti nella lotta.

I lavoratori ad A-infos non si credono di avere il diritto di scegliere chi, sul campo anarcosociale, è un vero anarchico e chi non lo è. Ciononostante, dato che le risorse sono limitate, abbiamo il diritto ed il dovere di scegliere autonomamente che cosa diffondere ossia, decidiamo quali sono i migliori contributi e collaboratori. La libertà di associazione sulla quale si basa il collettivo A-infos significa nulla se non esiste la libertà di non associarsi, se così scelgono i lavoratori.

Esiste un ruolo per A-infos nel movimento anarchico mondiale. L'informazione è una forza. A-infos aiuta nello svilupparsi di un senso di movimento mondiale. Fino ad un certo punto, A-infos è anche uno dei pochi strumenti organizzativi internazionali del movimento, ma per tenere questo ruolo, deve rimanere strumento al servizio del movimento e non un servizio di informazione per chiunque.

A-infos non è soltanto uno strumento interno del movimento. Come l'Anarchist FAQ, è anche un mezzo per presentare il movimento ad un pubblico più grande e ad una nuova generazione, e per metterli al corrente con gli aspetti internazionali del movimento.

A-infos è un'agenzia autonoma di stampa anarchica non al servizio di nessun movimento "sociale". La partecipazione di anarchici auotproclamati (o veri) non è una garanzia di un eventuale diffusione di contributi. Neanche la nostra simpatia per certi movimenti garantisce la diffusione delle loro notizie. Così, A-infos diffonde le notizie ed articoli di analisi che i suoi lavoratori vogliono condividere con la comunità mondiale degli attivisti non-autoritari - principalmente notizie dai rivoluzionari collettivi antiautoritari e relazioni sull'azione diretta di lotta sociale sia degli attivisti sia della gente comune nella loro vita quotidiana.

Chi non è soddisfatto con i servizi che forniamo, è libero di usufruire di altri servizi o di costruire il proprio servizio.

A-infos è uno strumento del movimento per l'organizzazione, per la propaganda e per l'informazione. Non è semplicemente una serie di "notizie dagli anarchici, riguardante gli anarchici o di interessa agli anarchici".

Search ainfos with Google.com

... servi dei servi dei ...


Ultime notizie:

(it) anarresinfo: In giro per uffici postali
a-infos-it@ainfos.ca
Mon Feb 20 07:32:39 GMT 2017

In un sabato mattina di gennaio, nell'aria sporca di Torino, appena bagnata da una lieve pioggerellina, un gruppo di antirazzisti, si è fatto un giro a sorpresa in una decina di uffici postali. ---- Uno striscione con la scritta "stop deportazioni", cartelli, volantini e un megafono tascabile per raccontare alla gente in fila per un pacco, una raccomandata, un bancomat che Mistral Air, la compagnia aerea delle Poste ha una convenzione con il ministero dell'Interno per la deportazione degli stranieri senza documenti. A tutti l'invito a portare una cartolina alle Poste, per fermare i voli,per inceppare la macchina delle espulsioni. ---- C'è chi ascolta, chi chiede, chi resta indifferente, chi è solidale. In alcuni uffici dirigenti ed impiegati si agitano, invocando divieti e proibizioni. Forse sono gli stessi che si commuovono per i bimbi morti ...


(it) France, Alternative Libertaire AL #269 - internazionale, Siria: Aleppo Dopo, contro tutti i tiranni (en, fr, pt) [traduzione automatica]
a-infos-it@ainfos.ca
Mon Feb 20 07:32:29 GMT 2017

La vittoria russo-iraniana in Aleppo segna una nuova tappa nella mischia imperialista in Siria. Mosca e Teheran sono ora in una posizione di forza per risolvere il conflitto a loro vantaggio, con il consenso di Ankara. In questa nuova configurazione, il curdo sinistra cerca di consolidare la Rojava. ---- Il 23 e 24 gennaio ad Astana (Kazakistan), la Russia, la Turchia e l'Iran hanno lanciato una prima tornata di negoziati di pace con i loro rispettivi clienti - Bashar un lato, guidati da Mosca e Teheran; brigate islamiche sponsorizzati dalla Turchia, dall'altro. Ingérentes altri poteri sono, per ora, verso il basso. Ma quello che è successo per una tale inversione di tendenza è possibile? ---- Succede che la Turchia, che appare già come il grande sconfitto della guerra civile in Siria, cerca di salvare il salvabile. ...


(it) fdca nordest: LAVORARE GRATIS, dalla "buona scuola" all' Alternanza scuola lavoro - Pordenone
a-infos-it@ainfos.ca
Sun Feb 19 07:21:11 GMT 2017

Il processo di aziendalizzazione della scuola è stato notevolmente accelerato e riproposto dalla riforma "Buona Scuola" del 2015, la quale comprende in sé anche la famigerata "Alternanza Scuola/Lavoro". ---- Il concetto di azienda presuppone il concetto di merce, ma qual è il prodotto, il bene oggetto di acquisto che l'azienda[scuola]si propone di vendere? L'istruzione. ---- Ma aziendalizzare la scuola significa creare strutture che abbiano come obiettivo primario la "produzione" di reale sapere critico, la "distribuzione" di libera conoscenza, la crescita culturale, sociale e psicologica degli allievi/e, oppure la realizzazione del massimo profitto economico, in un regime di concorrenza spietata? ---- Probabilmente creare questo tipo di strutture può trasformare in merce l'istruzione. ...


(it) usi-ait: 11 febbraio a Milano - il corteo promosso dalle comunità curde,
a-infos-it@ainfos.ca
Sun Feb 19 07:20:59 GMT 2017

Possiamo ritenere pienamente riuscito il corteo promosso dalle comunità curde per la liberazione di Ocalan e dei prigionieri politici in Turchia che si è svolto a Milano sabato 11 febbraio (in contemporanea a quello internazionale a Strasburgo) al quale hanno partecipato diverse migliaia di manifestanti. Molto numerosa la presenza dei curdi che si sono mobilitati a livello nazionale, assieme ad altri manifestanti venuti anche da altre località. ---- Il corteo partito da Porta Venezia, molto vivace e comunicativo, ha percorso le vie del centro per arrivare Largo Cairoli (piazza Castello) dove si sono svolti gli interventi finali. Lo spezzone rosso/nero composto da anarchici, libertari e compagni dell'USI è stato partecipato, circa un centinaio anche di fuori Milano, con striscioni, bandiere, interventi al megafono e ricco di slogan (L'Unione Europea finanzia ...


(it) alternativa libertaria fdca: 11 Febbraio a Milano, a sostegno del confederalismo democratico e per la liberazione di tutte le prigioniere e i prigionieri politici. Pace e giustizia per il Kurdistan
a-infos-it@ainfos.ca
Sun Feb 19 07:20:52 GMT 2017

La rivoluzione iniziata da* compagn* nella Rojava, in quanto parte di un più vasto movimento di liberazione del popolo curdo e, tramite quest'ultimo, di tutti i popoli del Medio Oriente, è fonte di ispirazione per tutti coloro che anelano ad un mondo libero, uguale e giusto senza dominatori e dominati. Siamo di fronte ad una esperienza di democrazia diretta in cui ci sono le basi per un socialismo libero ed autogestito che rispetti l'ambiente e l'autonomia dei popoli. I socialisti libertari di tutto il mondo sentono che questa rivoluzione è la loro rivoluzione. ---- Oggi questa rivoluzione viene aggredita da una triplice minaccia costituita dall'imperialismo, dall'autoritarismo statalista e dalla reazione oscurantista, fanatica ed ultra-conservatrice che nasce dalle viscere della decomposizione creata dall'occupazione e dall'invasione delle terre dei ...


(it) anarresinfo: Il pacchetto di Minniti su immigrazione e "sicurezza urbana"
a-infos-it@ainfos.ca
Sun Feb 19 07:20:44 GMT 2017

Sul fronte della guerra ai poveri il governo si è dotato di nuove armi. ---- Sebbene non ci siano ancora i testi dei due nuovi decreti legge su immigrazione e sicurezza urbana approvati dal Consiglio dei ministri, il senso dell'operazione è chiaro. ---- I CIE cambiano nome e diventano CPR, centri per il rimpatrio, ma la sostanza non cambia. Ce ne sarà uno per ogni regione. L'unica novità è che dovrebbero essere più piccoli e sorgere lontani dai centri urbani, "vicini agli hub di comunicazione". Oggi quelli rimasti aperti dopo le rivolte sono solo quattro. ---- Minniti ha annunciato che i fondi per i rimpatri assistiti saranno raddoppiati. ---- Stretta anche per i profughi, cui viene negato il diritto al ricorso in caso di respingimento della domanda di asilo. In compenso i richiedenti asilo potranno riempire il tempo, in attesa della sentenza sul loro futuro, ...


(it) France, Alternative Libertaire AL #268 - Risposta: Le affinità ancora (en, fr, pt) [traduzione automatica]
a-infos-it@ainfos.ca
Sat Feb 18 10:03:48 GMT 2017

Una recensione del libro di René Berthier non Affinità elettive apparso in alternativa Libertaire dicembre. Era in grado di suggerire ai nostri lettori alcuni fraintendimenti, soprattutto di Marx e il suo rapporto con lo Stato. Ritornare una controversia secolare. ---- Non è appropriato per risolvere finalmente articolo di giornale di relazione di Marx allo Stato. Tuttavia, a breve distanza dagli scritti di Marx e di Engels sullo stato dovrebbe almeno sollecitare cautela quando frettolosamente Marx descrive come "statalista". Siamo in grado di distinguere tra i suoi scritti per la pubblicazione (libri teorici e articoli di giornale), i suoi scritti non sono destinate alla pubblicazione (corrispondenza) e la pratica politica (all'interno della AIT). Che le tensioni attraverso queste diverse fonti, è caratteristica dei grandi autori. Inoltre, anche se dobbiamo stare ...


(it) anarkismo.net: 38 anni di rivoluzione in Iran non hanno cambiato lo status politico del popolo curdo by Alejandro Azadi
a-infos-it@ainfos.ca
Sat Feb 18 10:03:38 GMT 2017

La rivoluzione islamica nasconde una repressione crescente contro le donne e le popolazioni indipendentiste tradite dalla Nuova Repubblica: soprattutto i Curdi. ---- L'11 febbraio del 1979, le forze di Khomeini, insieme con settori della sinistra, islamisti e indipendentisti, rovesciavano la monarchia dei Pahlevi. Sempre l'11 febbraio, dopo la morte di centinaia di manifestanti durante le rivolte che si erano diffuse in più di un anno, venne istituito un Consiglio di transizione che ha portato all'attuale Repubblica dell'Iran. Il 1979 fu un momento cruciale per l'Iran e tutto il Medio Oriente, che avrebbe trasformato le condizioni geopolitiche e strategiche del paese nella regione, della regione con il mondo e anche del mondo con l'Iran.
...



(it) anarresinfo: Referendum, complotti e altre narrazioni
a-infos-it@ainfos.ca
Sat Feb 18 10:03:29 GMT 2017

"Triste il tempo che ha bisogno di eroi". Lo diceva il Galileo immaginato da Brecht, un uomo che avrebbe voluto vivere un'epoca in cui non dovesse scegliere tra la vita e l'abiura della propria dignità umana. Sappiamo che Galileo scelse di vivere e non possiamo permetterci di biasimarlo. ---- I nostri tempi sono tanto lontani da quelli dell'astronomo che vide come giravano il sole ed i pianeti, ma negò quel che sapeva, da costringerci a formulare un differente lessico per raffigurarli. ---- Sono tuttavia tempi tristi. ---- L'epopea eroica dei nostri giorni è racchiusa in narrazioni su cui è una bestemmia chiedere l'onere della prova. ---- La Costituzione nata dalla Resistenza è uno di questi. I sostenitori del rigetto della riforma costituzionale bocciata dal referendum confermativo del 4 dicembre, hanno sostenuto che la lotta partigiana, la Resistenza al ...


(it) alternativa libertaria fdca: Lucca Biblioteca popolare quartiere S. Concordio- Via Urbiciani 362 SABATO 25 FEBBRAIO 2017 H. 17
a-infos-it@ainfos.ca
Fri Feb 17 06:59:39 GMT 2017

LOTTE OPERAIE IN ITALIA TRA CONQUISTE, AUTONOMIA, SPERANZE E SCONFITTE ---- un'analisi degli anni '70/'80 e una riflessione per la ripresa del conflitto sociale ---- La fase che stiamo vivendo si presenta come una delle più complesse dalla fine della seconda guerra mondiale; una fase in cui è completamente mutata l'organizzazione del lavoro e, con essa, l'intera dinamica economica, sociale e culturale nel nostro paese. ---- In questo contesto, sono state progressivamente aggredite storiche conquiste del lavoro, determinando l'attuale situazione di sconfitta alla quale le forze del riformismo politico e sindacale non possono certo dirsi estranee. Avviare una riflessione è il primo passo per ricostruire una nuova opposizione ----Il dibattito sarà introdotto dalla proiezione di ----"Senza chiedere permesso" Cinema operaio alla FIAT ...


@

ultimi aggiornamenti: Mon Feb 20 08:32:41 2017