A - I n f o s

notiziario multilingue fatto dagli anarchici ** , per gli anarchici, sugli anarchici
Le notizie in tutte le lingue
Gli ultimi 30 messaggi (Homepage) Messaggi degli ultimi 2 settimane Gli archivi di A-Infos

Gli ultimi 100 messaggi, divisi per lingua
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020


A-INFOS VISION

ISCRIVITI!
ad A-Infos-It, il notiziario italiano


Oppure


Discover all the other OPTIONS
notiziario multilingue fatto dagli anarchici ** , per gli anarchici, sugli anarchici

Ci siamo dati un compito:
essere gli scrivani del popolo.
Sul lato opposto della storia,
la storia è cominciata.
Ed avrà nuovi autori.
La storia morde.
E noi anche.


Scoprite le OPZIONI a disposizione.Le news list sono divise per lingua, per progetti e per modalità di distribuzione.
Provate Mailman il centro e-mail automatico di A-Infos...

Il nostro contributo alla lotta per una società libera è di distribuire notizie ed articoli in diverse lingue, e riguardanti una vasta gamma di situazioni.
Si va dalle lotte sul lavoro a quelle per l'ambiente e contro l'imperialismo; dalla battaglia contro il razzismo, a quelle contro il sessismo e l'omofobia.

lots of work to do

A-INFOS-ORG

I servizi di news di A-Infos sono democraticamente autogestiti da un collettivo di gestione internazionale. Ecco come partecipare. Invitiamo a partecipare soprattutto le donne, chi non parla l'inglese, chi non vive in Europa né in America. Queste sono le regole che ci siamo dati [alcune solo in inglese].

A-INFOS VISION

La coordinazione del Progetto A-infos è gestita da una collettiva di attivisti rivoluzionari antiautoritari e anticapitalisti, coinvolti con la lotta di classe, che considerano la stessa una lotta sociale totale.

Queste persone si autodefiniscono anarchici sociali rivoluzionari di classe, anarco-comunisti, comunisti libertari ed altri che hanno opinioni simili a questi, ma adoperano altre "etichette".

A-infos è gestito da persone che considerano l'anarchismo una teoria sociale, e che un ordine sociale nuovo senza classi si può avere soltanto tramite la rivoluzione. Questa rivoluzione può avverarsi soltanto con la rivolta della maggior parte della classe operaia.

In particolare, l'anarchismo che noi intendiamo e promuoviamo è quello dei martiri di Haymarket, nonché quello degli espulsi da Karl Marx dalla prima internazionale per aver criticato il suo autoritarismo ed il degrado elitista ed avanguardista delle masse della classe operaia.

Non sosteniamo quel tipo di anarchismo che è proposto da alcuni pseudomodernisti e pseudorivoluzionari, i quali considerano l'attività simbolica un sostituto per la lotta di massa, né sosteniamo l'anarchismo degli "umanisti" che ritengono che altri compiti siano ugualmente o addirittura più importante della lotta rivoluzionaria per l'abolizione del sistema capitalista. Il lavoro di A-infos non è ispirato da motivi egoisti o egocentrici, dall'individualismo, dal primitivismo, dal "capitalismo libero senza lo stato" o anche uno stato senza il capitalismo libero - che si oppone all'ordine attuale capitalista senza però proporre un modello di un moderno ordine sociale di libertà, eguaglianza e solidarietà.

L'uso di un'etichetta anarchica non è una garanzia per la distribuzione di testi da parte di A-infos.

Nell'ambito della lotta per una società libera, noi diffondiamo notizie e articoli in diverse lingue, che trattano di una vasta gamma di situazioni di lotta, tra cui le lotte per il lavoro e l'ambiente nonché le lotte contro il razzismo, la discriminazione sessuale e l'omofobia. A-infos diffonde anche notizie sulle lotte anticolonialiste dei popoli indigeni contro i colonizzatori, la marginalizzazione e per il lavoro, nonché notizie sulle lotte antinazionaliste ed antiregionalseparatiste poiché i lavoratori non hanno paese, ma l'intero mondo...

A-infos è un'agenzia di stampa specializzata al servizio (come meglio intendiamo noi) del movimento rivoluzionario degli attivisti anti-capitalisti che si battono nelle diverse lotte sociali contro la classe capitalista ed il suo sistema sociale.

A-infos non è un servizio aperto e "liberale" che diffonde qualsiasi cosa che piace a "noi" - non è Indymedia. E' anzitutto uno strumento di diffusione gratis di informazione da e riguardanti gruppi anarchici (ed altri rivoluzionari antiautoritari) che sono coinvolti nella lotta.

I lavoratori ad A-infos non si credono di avere il diritto di scegliere chi, sul campo anarcosociale, è un vero anarchico e chi non lo è. Ciononostante, dato che le risorse sono limitate, abbiamo il diritto ed il dovere di scegliere autonomamente che cosa diffondere ossia, decidiamo quali sono i migliori contributi e collaboratori. La libertà di associazione sulla quale si basa il collettivo A-infos significa nulla se non esiste la libertà di non associarsi, se così scelgono i lavoratori.

Esiste un ruolo per A-infos nel movimento anarchico mondiale. L'informazione è una forza. A-infos aiuta nello svilupparsi di un senso di movimento mondiale. Fino ad un certo punto, A-infos è anche uno dei pochi strumenti organizzativi internazionali del movimento, ma per tenere questo ruolo, deve rimanere strumento al servizio del movimento e non un servizio di informazione per chiunque.

A-infos non è soltanto uno strumento interno del movimento. Come l'Anarchist FAQ, è anche un mezzo per presentare il movimento ad un pubblico più grande e ad una nuova generazione, e per metterli al corrente con gli aspetti internazionali del movimento.

A-infos è un'agenzia autonoma di stampa anarchica non al servizio di nessun movimento "sociale". La partecipazione di anarchici auotproclamati (o veri) non è una garanzia di un eventuale diffusione di contributi. Neanche la nostra simpatia per certi movimenti garantisce la diffusione delle loro notizie. Così, A-infos diffonde le notizie ed articoli di analisi che i suoi lavoratori vogliono condividere con la comunità mondiale degli attivisti non-autoritari - principalmente notizie dai rivoluzionari collettivi antiautoritari e relazioni sull'azione diretta di lotta sociale sia degli attivisti sia della gente comune nella loro vita quotidiana.

Chi non è soddisfatto con i servizi che forniamo, è libero di usufruire di altri servizi o di costruire il proprio servizio.

A-infos è uno strumento del movimento per l'organizzazione, per la propaganda e per l'informazione. Non è semplicemente una serie di "notizie dagli anarchici, riguardante gli anarchici o di interessa agli anarchici".

Search ainfos with Google.com

... servi dei servi dei ...


Ultime notizie:

(it) U.S.I./C.I.T.: USI/COOPERATIVE - PARMA
a-infos-it@ainfos.ca
Fri May 29 05:33:08 GMT 2020

USI Parma sta raccogliendo la forte preoccupazione delle iscritte e degli iscritti circa il futuro prossimo all'interno delle cooperative sociali. Comprendiamo la difficoltà del periodo, e molto è stato fatto, anche grazie alla mobilitazione immediata e continua. ---- Riguardo la ventilata ipotesi della riapertura degli asili e centri estivi, pur capendo il bisogno delle famiglie, si evidenzia la mancanza, ad oggi, di chiarezza sugli obbiettivi pedagogici e di come potrà svilupparsi un'adeguata relazione in un contesto così particolare. Allo stesso tempo, forte è la preoccupazione circa la sicurezza di bambini e di chi lavorerà, e alta sarà la vigilanza in merito.
Pertanto, riteniamo che le coop. debbano dare piena facoltà, per tutto il periodo estivo, agli educatori sia di poter lavorare a chi lo richieda, aldilà dei discutibili contratti con "sospensione" di essi, sia di permettere a chi ne faccia richiesta di potersi esentare dal lavoro, utilizzando non solo i permessi straordinari parentali covid a chi ne avesse i requisiti, ma come gli anni scorsi anche con l'astensione non retribuita. In una situazione come questa, ogni timore è legittimo e deve trovare ascolto.
...



(it) PONTE DELLA GHISOLFA - COVID-19: emergenza e controllo (VIII parte)
a-infos-it@ainfos.ca
Fri May 29 05:32:54 GMT 2020

La scuola al tempo del COVID-19. ---- Conferenza con Fabrizio Eva. ---- La scuola oggi e possibili scenari futuri. ---- DOMENICA 24 MAGGIO 2020 DALLE 16:00
su https://meet.jit.si/ScuolaEva
Per partecipare alla video-assemblea è sufficiente fare click sul pulsante PARTECIPA qui sotto (oppure seguire il link https://meet.jit.si/ScuolaEva Vi verrà chiesto di abilitare il microfono e la telecamera del vostro computer. Chi accede da smartphone o da tablet dovrà invece scaricare l'app Jitsi Meet.
https://meet.jit.si/ScuolaEva
Vi aspettiamo domenica 24 maggio alle 16:00!
...



(it) France, Union Communiste Libertaire UCL AL #305 - Riflettore, Aiuto reciproco: brigate militanti per la solidarietà di classe (en, fr, pt)[traduzione automatica]
a-infos-it@ainfos.ca
Fri May 29 05:32:42 GMT 2020

"Solo il popolo salva il popolo": questa è l'idea che ha motivato le Brigate di solidarietà popolare, squadre di mutuo soccorso nella direzione degli strati più precari delle classi popolari. ---- Constatant que le désordre capitaliste avait conduit à la pandémie de Covid-19, et que l'État n'aiderait ­guère les classes populaires, qui seraient pourtant les premières à en payer le prix, des réseaux de solidarité directe se sont spontanément mis en place en zone rurale comme en zone urbaine. Pour combiner action de solidarité de proximité et revendication politique, des camarades proches du média militant ACTA ont, les premiers, lancé un appel à former des Brigades de solidarité populaire (BSP), suivant le modèle des Brigate Volontarie Per l'Emergenza («brigades de volontaires pour l'urgence») lancées à Milan, en Italie.

Rapidement, de nombreux groupes se sont constitués dans toute la France, et des militantes et militants de l'UCL y participent en plusieurs ...



(it) comunismolibertario.it: QUANDO TI AFFIDI ALLA LEGGE LA SCONFITTA É CERTA - 20 MAGGIO 1970 - 20 MAGGIO 2020
a-infos-it@ainfos.ca
Thu May 28 06:41:10 GMT 2020

Il 20 maggio del 1970 veniva approvata la legge 300, conosciuta come Lo Statuto dei Lavoratori. A cinquanta anni da quella data è utile ricordare l'intestazione esatta di quella legge per comprendere nella sua interiezza il significato che il legislatore le volle assegnare. Il titolo recitava testualmente "Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell'attività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento." Prima di vedere cosa rimane oggi dell'impianto originale è necessario, per comprendere l'importanza di questa legge nella storia recente del movimento dei lavoratori in Italia, ripercorrere alcuni passaggi che condussero a quelle scelte. Nel 1970 la guerra era oramai alle spalle da venticinque anni, il paese era passato dalla monarchia e dal fascismo a una repubblica parlamentare, le nuove basi giuridiche che furono messe alla base della novella democrazia erano innervate nella sua legge fondamentale, la Costituzione del 1948 alla quale contribuirono sia i partiti popolari e liberali, sia i partiti socialisti e comunista.
...



(it) USI/SANITÀ SAN RAFFAELE - MILANO: Resonconto dello Sciopero dell'11 Maggio 2020 all'Ospedale San Raffaele di Milano
a-infos-it@ainfos.ca
Thu May 28 06:38:54 GMT 2020

Presso l'ospedale San Raffaele di Milano lunedì 11 maggio si è tenuto uno sciopero di due ore con garanzia della prestazione lavorativa proclamato da USI-Sanità. Diverse centinaia di lavoratori hanno lavorato con attaccato sulla divisa l'adesivo che li qualificava come lavoratori in sciopero benché al lavoro. Gli adesivi riportavano le motivazioni dello sciopero. La ragione principale di tale azione è la rivendicazione del mantenimento del Ccnl attualmente applicato, ovvero il Ccnl Sanità Pubblica compatibilizzato con la natura privatistica dell'ospedale. Tale Accordo era in scadenza ---- il 31 marzo 2020 e, contro la volontà della Proprietà dell'Ospedale di passare al nuovo CCNL AIOP dal giorno 1° aprile 2020, era stato indetto da USI-Sanità, dalla RSU e da altre OO.SS. uno sciopero per il giorno 27 febbraio u.s.

Questo sciopero è stato revocato, in maniera unilaterale e senza negoziare alcuna contropartita, in data 24 febbraio ai primissimi sentori del concretizzarsi della presente emergenza sanitaria e contestualmente è stato chiesto alla dirigenza dell'ospedale analogo segno di ...



(it) Sicilia Libertaria April: Campagna internazionale per la musicista Nudem Durak, condannata a 19 anni per aver cantato canzoni curde.
a-infos-it@ainfos.ca
Thu May 28 06:38:45 GMT 2020

(testo ripreso da www.retekurdistan.it) ---- Con una campagna internazionale si chiede la liberazione della musicista curda Nudem Durak incarcerata in Turchia. La musicista curda Nudem Durak è stata arrestata nel 2015 e condannata a 19 anni di carcere. La sua unica colpa è di aver cantato canzoni curde. Oggi ha 32 anni e si trova nel carcere di Bayburt. ---- Per ottenere la sua liberazione in Francia è stata avviata una campagna internazionale alla quale partecipano artisti e intellettuali da Gran Bretagna, USA, Svezia, Senegal, Marocco, Algeria, Tunisia, Guadalupe e altri Paesi. ---- Come hanno fatto sapere gli organizzatori, personalità note a livello internazionale come Angela Davis, Noam Chomsky, Ken Loach, David Graeber, Peter Gabriel e Roger Waters chiedono la liberazione di Nudem Durak. Il filosofo ecosocialista franco-brasiliano Michael Löwy in un messaggio di solidarietà scrive: «Le sue canzoni fanno parte della tradizione degli oppressi e della cultura curda conservata per secoli. Per coloro che ancora credono nella pace, nella libertà e nella dignità umana, la carcerazione di Nudem Durak è un'offesa insopportabile. Per questo deve levarsi un grido in tutto il modo, a Parigi, New York, Rio, Santiago, Berlino». ...


(it) France, Union Communiste Libertaire AL #305 - sindacalismo, Numero verde dell'Unione: Ciao compagni, boho ... (en, fr, pt)[traduzione automatica]
a-infos-it@ainfos.ca
Thu May 28 06:38:00 GMT 2020

Come la CGT, l'Unione Syndicale Solidaires ha aperto fin dai primi giorni di confino una linea diretta. Centinaia di lavoratori che vogliono difendersi si chiamano. Prima valutazione dell'esperienza. ---- " Ciao, ti chiamo perché sono un roofer in una società di costruzioni e ho bisogno di informazioni. Abbiamo un collega malato di Covid-19, dove lavoro, il capo dice che, dal momento che tutto è stato ripulito, possiamo continuare a lavorare, ma noi, nella squadra, abbiamo paura, vorremmo sapere cosa che possiamo fare. " ---- Questo è in genere il tipo di appello che la "hotline" di Solidarity riceve ogni giorno. Dal 30 marzo, centinaia di lavoratori, principalmente del settore privato, ma anche del servizio pubblico, lo hanno chiamato per conoscere i loro diritti e chiedere aiuto per proteggere le loro vite e le loro condizioni di lavoro. lavoro. Ciò dimostra l'utilità di questo tipo di strumento.

Raggiungere i margini più minacciati della forza lavoro
...



(it) Sicilia Libertaria: CONTRO RAZZISMO DI STATO E SANATORIA-TRUFFA, VIVA LO SCIOPERO DEI MIGRANTI!
a-infos-it@ainfos.ca
Wed May 27 06:11:39 GMT 2020

(...) In tutto questo inizia la stagione della raccolta, e improvvisamente ricordandosi l'importanza dei migranti per quanto riguarda il settore agricolo, si prepara una sanatoria per gli irregolari. Anche qui, non una sanatoria sviluppata attorno a un discorso sui diritti di quelli che sono stati irregolarizzati negli ultimi anni, nemmeno su un discorso di salute volto a dare assistenza sanitaria a chi non può averla in quanto sans papier, ma solo in funzione del temporaneo inserimento lavorativo all'interno della filiera agro-alimentare. Una sanatoria basata dunque non su cosa è giusto, ma come dice la stessa Lamorgese, basata sull'utile. A prima vista sembrerebbe una mossa contro la mancanza di manodopera nelle campagne, data l'impossibilità di arrivo da parte dei lavoratori stagionali ogni anno cadenzati dal decreto flussi. In realtà, il problema non è la mancanza di manodopera, ma che questa arrivi in maniera irregolare, sfruttando l'esercito di riserva che si riversa negli accampamenti informali e nei ghetti del sud Italia.

...



(it) Union Communiste Libertaire Bruxelles - In salute come in STIB: costruiamo la lotta sindacale e l'autogestione! (en, fr, pt)[traduzione automatica]
a-infos-it@ainfos.ca
Wed May 27 06:03:55 GMT 2020

A cura del Front Syndicalistes Révolutionnaires dell'UCL Bruxelles ---- L'ultimo comunicato stampa de La santé en Lutte illustra l'importanza dell'equilibrio di potere creato dalla mobilitazione autonoma dei caregivers che costringe il governo, con il contributo benevolo dei sindacati, a riattivare la cosiddetta concertazione sociale per ottenere la pace sociale. ---- Concludendo molto bene questo comunicato stampa, è essenziale rimanere mobilitati nella lotta perché solo la pressione dei lavoratori costringerà lo stato a capitolare di fronte alle loro richieste: "La mobilitazione è l'arma definitiva per ottenere vittorie! Risultati più grandi sono alla nostra portata! Chiediamo pertanto a tutti i colleghi del settore di proseguire le azioni e trarre vantaggio dagli avvisi di sciopero per mantenere l'equilibrio di potere. Altrimenti, è improbabile che i negoziati portino a progressi reali. "

Gli eventi delle ultime settimane allo STIB e nel settore della sanità pubblica sono stati istruttivi sul ruolo dei sindacati.
...



(it) Canada, Collectif Emma Goldman - Saguenay: l'estrema destra regionale disintegrata e il Covid-19 (en, fr, pt)[traduzione automatica]
a-infos-it@ainfos.ca
Wed May 27 06:03:23 GMT 2020

Se l'estrema destra ha avuto qualche sviluppo negli anni precedenti raggruppandosi attorno a gruppi populisti e islamofobi di Facebook e leader autoproclamati, è chiaro che il movimento si è finalmente estinto diversi mesi prima di questo confinamento, lasciando lasciare il posto a una costellazione di individui in competizione con ego e frasi vuote. Possiamo già trarre una conclusione importante da questo risultato frettoloso: non è l'opinione pubblica (che abbiamo visto ben aperta alla circolazione dei pregiudizi più gravi contro le minoranze nascondendoci dietro una curiosa concezione di libertà di espressione), né le autorità (che al contrario si sono occupate di proteggere queste reti odiose),
Diversi scenari avrebbero potuto essere possibili durante il periodo di contenimento. Fortunatamente, la tendenza generale sembra rimanere disintegrata, ma la vigilanza rimane importante. Oggi come ieri, per ciascuno dei loro gesti odiosi, la spazzatura minifascista può aspettarsi una risposta energica con molteplici azioni per costruire e difendere una comunità inclusiva e antirazzista.
...



@

ultimi aggiornamenti: Fri May 29 07:33:09 2020