A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Spaine, "Ho anche un accendino": cronaca della manifestazione a Mataró in solidarietà con i prigionieri del 27-F (ca, de, en, pt)[traduzione automatica]

Date Wed, 7 Apr 2021 09:57:12 +0300


Il 27 marzo 2021, una manifestazione di solidarietà con Sara, María, Alberto, Danilo, Jalienne, Emmanuele, Ermano e Luca è stata convocata nel comune di Mataró: detenuti e incarcerati (il primo è già stato rilasciato con accuse) dopo una polizia operazione che ha cercato di collegarli a una cellula di violenti anarchici italiani approfittando di tutta la leggenda nera che, storicamente, la stampa borghese spagnola e catalana ha costruito in relazione al movimento libertario in quel paese. E tutto questo nel quadro delle proteste contro la reclusione del rapper Pablo Hásel: che pone noi anarchici, che sabato abbiamo manifestato e / o che abbiamo espresso solidarietà in altro modo, in uno scenario di risposta alla repressione con chi, in a turno, mostravano solidarietà per la stessa cosa. Dico questo perché penso che sia necessario riflettere su questa situazione perché, sembra, che siamo già caduti nella dinamica di azione-repressione-azione che indica un momento di declino della lotta. In effetti, a questo punto è dove il sistema vuole vederci e da cui dobbiamo cercare di uscire.

Verso le 19:00 abbiamo concentrato una cinquantina di persone davanti alla Stazione Renfe con la quale, e dopo un po 'di attesa per l'eventuale arrivo di altri manifestanti, abbiamo occupato l'autostrada N-II esponendo due striscioni e una bandiera anarchica. Nella più grande di esse era scritta la frase Anch'io ho un accendino (riferendosi alla bizzarra storia inventata nel verbale della polizia dei Mossos secondo cui i detenuti facevano parte della stessa cella perché avevano lo stesso accendino: un oggetto che regalano in confezioni di tabacco da arrotolare e che è comunemente usato), l'altro più piccolo è stato portato da due attivisti del collettivo Pro-Aminist Movementcreato per mostrare solidarietà alle rappresaglie delle lotte anticapitaliste e chiedere un'amnistia totale.

Seguiti da vicino da un equipaggio della polizia locale, ci siamo incamminati lungo la strada gridando slogan come ho anche io un accendino, libertà per i nostri compagni perché lo Stato li ha prigionieri, giù per le mura del carcere, le carceri sono centri di sterminio o visca, Visca , visitare l'anarchico Maresme fino a raggiungere una rotonda e svoltare a destra dove più in alto si trovava la Stazione di Polizia dei Mossos d'Esquadra. Man mano che ci avvicinavamo, il tono degli slogan aumentava, come la tortura e l'omicidio della polizia, per tutta la rabbia accumulata contro questi sicari del proto-stato capitalista catalano che aspettavano che facessimo un cordone, con i loro elmetti ei loro manganelli tirati: c'erano alcuni momenti di tensione senza che potessero caricare e ci siamo trasferiti a la sinistra, addentrandosi nel centro del paese.
Si è continuato a gridare slogan e si sono distribuiti volantini ai vicini che assistevano alla marcia fino a raggiungere la porta del municipio dove erano esposti i due striscioni e la dichiarazione di solidarietà ai compagni imprigionati davanti allo sguardo stupito di una folla di passanti, alcuni dei quali non sembravano capire molto bene cosa stesse succedendo: si può dire che qualche persona partecipante alla manifestazione fosse incaricata di spiegarla a chi si avvicinava curioso per chiedere. Mentre questo accadeva, siamo stati sorvegliati da vicino da diversi membri della Polizia Locale, di stanza di fronte a un ufficio di banca, a cui un manifestante ha ironicamente rimproverato di proteggere una banca davanti al Consiglio Comunale, il che ha provocato alcune risate.

Qui sembrava che la manifestazione stesse per finire, ma non è stato così perché abbiamo deciso di continuare a scendere a fare rumore con quello che stavamo trovando, recinzioni metalliche e edili, mentre i suddetti slogan continuavano a essere gridati. Infine si è raggiunto il punto di uscita dove per finire la N-II è stata nuovamente tagliata per un po ', mostrando gli striscioni ai veicoli, fino a quando non si è deciso di annullare una manifestazione che, all'inizio e alla fine, è stata discretamente custodita ( o almeno così credevano) da qualche gruppo di segreti. Personalmente, penso che, anche se non eravamo molti dei partecipanti, hanno mostrato molto coraggio e combattività e è stato fatto un viaggio più lungo del previsto.
Prigionieri della libertà 27-F

https://alma-apatrida.blogspot.com/2021/03/yo-tambien-tengo-mecherocronica-de-la.html
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it