A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) anarkismo.net, Greece, Anarchist Saints Anargyros-Kamatero: La Nuova Recessione in occasione della pandemia di Prot. Anarchici Agios Anargyros-Kamateros (ca, de, en, pt)[traduzione automatica]

Date Tue, 30 Mar 2021 10:25:42 +0300


Come Iniziativa dei Santi Anarchici Anargyros-Kamatero stiamo lavorando su idee e proposte di iniziative sia nell'attuale periodo della pandemia durante il quale lo stato chiede "responsabilità individuale" e "isolamento" coltivare il terreno per cannibalismo sociale, alienazione e sottomissione , così come per il prossimo periodo critico durante il quale sarà combattuta una grande battaglia politica contro gli effetti della Nuova Recessione che segnerà l'inizio di un nuovo ciclo di attacchi statali-capitalisti che sarà di natura travolgente. ---- Il periodo storico che stiamo attraversando è caratterizzato dal dilagare di una pandemia mortale che ha tolto la vita a migliaia di persone. Vite che sarebbero state in gran parte salvate se la salute non fosse stata trattata come una fonte di profitto e venduta come merce all'interno di un sistema di sfruttamento predatorio.

L'infezione da coronavirus non ha indubbiamente criteri di classe. Il virus infetta sia i ricchi che i poveri, con la differenza che questi ultimi non hanno lo stesso accesso alla costosa diagnosi dei costi, non appartengono a pochi e "fortunati". Allo stesso tempo, il sistema sanitario degradato di tutti i governi non dispone delle necessarie infrastrutture ospedaliere e di laboratorio, attrezzature, personale medico e infermieristico per soddisfare i requisiti e non è in grado di fornire campionamenti di massa. La situazione attuale rivela nel modo più enfatico e doloroso tutte le carenze e le carenze preesistenti del sistema sanitario e dimostra il suo profondo carattere di classe. Le persone che si perderanno - ad eccezione di alcuni gravi incidenti - saranno persone della nostra classe.

Lo scoppio della pandemia, oltre alle conseguenze sulla salute pubblica, è stato anche un catalizzatore per la manifestazione del nuovo episodio della crisi capitalista globale. Gli effetti della Nuova Recessione saranno grandi per il mondo del lavoro salariato, che sarà chiamato a recuperare il costo della perdita per conto del capitale. Nel tempo che seguirà, la morte diventerà normale e sarà diffusa generosamente, dal virus distruttivo del dominio.

Il calo iniziale dei mercati è stato causato dal forte calo dei prezzi del petrolio combinato con il clima di incertezza e insicurezza creato dagli investitori con la diffusione dell'epidemia e l'imminente contrazione dell'attività economica. L'incertezza si trasformò presto in un crollo. Ha portato all'intrappolamento dell'economia mondiale in una nuova recessione, in un nuovo episodio dell'attuale crisi capitalista, che era attesa da tempo.

È confermato che nella maggior parte dei casi nel sistema finanziario, l'aumento fittizio nasconde una crisi latente. È caratteristico che gli indici di Wall Street fossero a livelli record nel momento in cui il coronavirus ha colpito la Cina. Tuttavia, le indicazioni per il nuovo episodio della crisi sistemica erano evidenti e si nascondevano sotto il velo artificiale della speculazione virtuale. Il crescente e rapido accumulo del debito globale, i bassi tassi di crescita e le guerre commerciali hanno aperto la strada. Dopotutto, ogni operazione di salvataggio nel sistema dal 2008 e ogni ricetta usata per fermare la traiettoria catastrofica della crisi ha posticipato la sua più grande esplosione in futuro. Le tattiche seguirono,

L'elevata iniezione di liquidità della Fed e la riduzione dei tassi di interesse utilizzati come misure per mitigare gli effetti dell'imminente recessione non sono riusciti a riguadagnare la fiducia degli investitori. Pertanto, si è verificato un crollo prolungato, che ha portato alla mobilitazione di nuove misure di espansione monetaria, che hanno portato a tassi di interesse pari a zero e alla fornitura di quantità di liquidità di trilioni. Rispettivamente nel mercato europeo, le misure della BCE non sono stati in grado di resistere alla pressione sulle obbligazioni europee, comprese le obbligazioni greche, che da un minimo storico sono andate a tassi sui prestiti superiori al costo dei contratti di prestito.

La liquidità diffusa e lo spasmo dei mercati dei capitali, protestavano contro l'incertezza sistemica, riflettevano la crisi di fiducia dei capitalisti nel proprio sistema. Una struttura economica basata sulla cartolarizzazione "di rischio", sul gioco d'azzardo e sulla speculazione sul debito, sarebbe impossibile superare una crisi con tattiche che la riproducano. Nessun "nuovo" strumento è apparso dal 2007 ad oggi per "rompere" il sistema dalla sua impasse strutturale. Il keynesismo una volta era un antidoto, ma la sua attuazione è stata mediata da una guerra mondiale. Il suo ritiro in occasione di una crisi del neoliberismo non sarà una medicina, ma una battuta d'arresto. Soprattutto in un'epoca di avanzata interdipendenza delle funzioni capitalistiche in cui le prescrizioni tradizionali delle banche centrali e dei governi sono fallite, la ripresa di un forte intervento statale si rivela insostenibile per il sistema e aggrava il problema. Il sistema ha esaurito i meccanismi e gli strumenti (finanziari) a sua disposizione. All'interno del modo di produzione capitalistico, non c'è altra soluzione a una crisi strutturale che è nel suo DNA e si acuisce, si approfondisce, provoca nuove impasse: la soluzione per superarla presuppone il rovesciamento rivoluzionario del capitalismo e dello Stato. Il sistema ha esaurito i meccanismi e gli strumenti (finanziari) a sua disposizione. All'interno del modo di produzione capitalistico, non c'è altra soluzione a una crisi strutturale che è nel suo DNA e si acuisce, si approfondisce, provoca nuove impasse: la soluzione per superarla presuppone il rovesciamento rivoluzionario del capitalismo e dello Stato. Il sistema ha esaurito i meccanismi e gli strumenti (finanziari) a sua disposizione. All'interno del modo di produzione capitalistico, non c'è altra soluzione a una crisi strutturale che è nel suo DNA e si acuisce, si approfondisce, provoca nuove impasse: la soluzione per superarla presuppone il rovesciamento rivoluzionario del capitalismo e dello Stato.

È chiaro, quindi, che la paralisi della maggior parte dell'attività economica dovuta alla pandemia provocherà rapidi cali del PIL internazionale e interno, mentre gli effetti dei cortocircuiti produttivi e di acquisto si riflettono già nel sistema finanziario. L'emergere del coronavirus come fattore "imprevedibile" nel ribaltamento della cosiddetta "normalizzazione dei mercati" e "ripresa economica" sarà la ricetta di comunicazione dominante che accompagnerà le nuove politiche di eutanasia sociale con cui il sistema cercherà di trasferire il "rotto" della recessione all'intera classe operaia. "Insieme ce la faremo" emergerà come lo strumento centrale per estrarre il consenso sociale su licenziamenti, lucchetti e accumulo eccessivo di lavoro in esubero nei prossimi mesi. Gli effetti del coronavirus, oltre alla salute pubblica, si rifletteranno su tutto lo spettro della vita sociale. L'attacco in piena regola al lavoro salariato, all'acquis del lavoro e alle libertà sociali alienerà la pandemia, e oscurando il sistema per lungo tempo e tutti sapendo che una nuova recessione non tarda ad arrivare, la pandemia si presenterà come un "asimmetrico minaccia "che è l'unica responsabile del manifestarsi della crisi e delle sue dolorose conseguenze.

Ogni periodo di crisi inizia con un banchiere che salta fuori dalla finestra. E ogni crisi procede con gli autori che diventano vittime, con i ricchi oligarchi che moltiplicano le loro fortune e la classe degli sfruttatori alla fine cade a cadere. Certo è che chi "cadrà dalle finestre" ancora una volta saranno gli operai, i prossimi eserciti di disoccupati, i giovani uomini e donne, sulle cui spalle si passerà il costo della Nuova Recessione. È un dovere storico impedirlo.

Le disuguaglianze sociali in tempi di crisi hanno superato tutti i precedenti storici. Il divario di classe si sta allargando. In Grecia, 4 miliardari (Latsis, Niarchos, Mystakidis e Vardinogiannis) hanno una ricchezza pari a 1/20 del PIL. A livello mondiale, oltre il 50% della ricchezza mondiale è nelle mani di una casta privilegiata che non supera l'1% della popolazione mondiale. Questa è la legge del sistema! Queste sono le cose buone del capitalismo e dello Stato!

I trionfi sulla "fine della crisi" e i miti poststorici si sono ora ritirati di fronte al nuovo episodio della crisi strutturale dell'eccessiva accumulazione capitalistica. Andare ai mercati è stata una grande favola, una truffa progettata per abbellire la "storia di successo" di banchieri internazionali, governi e borghesia per "programmi di sostegno di successo". Come squadra, abbiamo da tempo sottolineato che l'aggiornamento su misura del merito creditizio dello stato greco da parte di agenzie di rating guidate e la "dopa psicologica" dei mercati dei capitali porterebbero a un'attrazione fittizia per le obbligazioni greche per un breve profitto e un enorme sell-off. market, sottolineando che "i fondi di investimento sono ben consapevoli che prima se ne sbarazzano, il

In questi giorni, i rendimenti delle obbligazioni greche dopo massicce liquidazioni sono aumentati notevolmente in termini di prezzi. In particolare, l'obbligazione a 10 anni ha superato il 4%, il rendimento a 5 anni del 3% e l'obbligazione a 15 anni il 3,5%. Gli investitori si sono rivolti a rifugi sicuri come le obbligazioni tedesche e americane e hanno abbandonato la voglia di "comprare la Grecia", "comprare i sacrifici del popolo greco". La ripresa accelerata del programma di allentamento quantitativo (qe) da parte della BCE. e l'inclusione della Grecia in essa, l'unica cosa che contribuirà, è la redditività dei fondi che hanno investito in obbligazioni greche. L'effetto del qe sui rendimenti sarà limitato e di breve durata, mentre il fallimento del programma precedente nel raggiungere gli obiettivi di inflazione, mantenere il rendimento delle obbligazioni europee a livelli bassi, ecc. specifica anche il risultato di questo programma.

La bancarotta del modello neoliberista è stata segnalata nel 2008 dai suoi stessi portavoce, quando banche e capitalisti hanno cercato rifugio nelle braccia dello Stato per salvarsi. Con la crisi del coronavirus e la Nuova Recessione del 2020, le basi ideologiche e le convinzioni del neoliberismo sono crollate ancora di più, i miti sulla privatizzazione della salute sono crollati, le bocche per la "saturazione dei medici negli ospedali" sono state chiuse (sic). L'aumento dei prezzi per gli articoli di autoprotezione e igiene (antisettici, maschere, ecc.) Identificati come "scandalosi" e "neri" è stato (correttamente) ridefinito dal Ministro dello Sviluppo e da un noto telemarketer come applicazione di la legge della domanda e dell'offerta ". Successivamente "il germoglio" si è piegato, tradendo i principi liberali e la sua fiducia nel mercato che si autoregola e ha parlato con orgoglio dei "tetti", degli antisettici che verranno offerti "da tutti secondo le proprie capacità, a tutti secondo le proprie esigenze". Viviamo in un paese in cui i socialdemocratici praticano il neoliberismo e i keynesiani di destra! Dove sono ora gli amici del "mercato libero" per parlarci di licenziamenti medici? La destra divenne i più grandi revisionisti e opportunisti. Non è passato molto tempo da quando MAT ha aperto le teste di medici e lavoratori che protestavano contro l'ulteriore privatizzazione e commercializzazione della salute pubblica. a ciascuno secondo le sue esigenze ". Viviamo in un paese in cui i socialdemocratici praticano il neoliberismo e i keynesiani di destra! Dove sono ora gli amici del "mercato libero" per parlarci di licenziamenti medici? La destra divenne i più grandi revisionisti e opportunisti. Non è passato molto tempo da quando MAT ha aperto le teste di medici e lavoratori che protestavano contro l'ulteriore privatizzazione e commercializzazione della salute pubblica. a ciascuno secondo le sue esigenze ". Viviamo in un paese in cui i socialdemocratici praticano il neoliberismo e i keynesiani di destra! Dove sono ora gli amici del "mercato libero" per parlarci di licenziamenti medici? La destra divenne i più grandi revisionisti e opportunisti. Non è passato molto tempo da quando MAT ha aperto le teste di medici e lavoratori per protestare contro l'ulteriore privatizzazione e commercializzazione della salute pubblica.

In conclusione, è evidente l'incapacità dei sistemi sanitari di gestire i pazienti in crescita esponenziale a causa della pandemia. Le misure autoimposte con cui gli Stati cercano di ridurre i tassi di trasmissione del coronavirus rivelano le carenze della scarsa costruzione del settore sanitario, la carenza di personale, la mancanza di fondi, il degrado complessivo della salute pubblica a beneficio dei singoli.

In questi giorni difficili non ci nascondiamo. Ci fidiamo dei dottori, non dello Stato. Supportiamo i vulnerabili, i nostri simili esseri umani con una storia medica pesante, con malattie croniche. Offriamo solidarietà ai lavoratori della nostra classe, mettendo in pericolo la loro salute e la loro vita. Nel mezzo di una pandemia, un movimento anarchico organizzato doveva essere in prima linea nella resistenza sociale e nell'aiuto reciproco, con coerenza e responsabilità:

?????? Istituire gruppi volontari di mutuo soccorso (rispettando tutti i mezzi sanitari di autoprotezione) e distribuire beni di prima necessità ai gruppi vulnerabili ad alto rischio ea coloro e coloro che non hanno i mezzi finanziari per acquistarli (antisettici, maschere, alcol, ecc. a. venduto a condizioni di scandalo Mavragorite nel "mercato libero autoregolamentato").?
? Strutture sociali liberali che promuovano la solidarietà pratica, l'unità di classe e la responsabilità collettiva.
? Con il funzionamento di strutture sanitarie che fornirebbero informazioni, cure primarie e copertura farmaceutica.
? Richiedere un campionamento immediato e gratuito per diagnosticare la malattia senza segregazione di classe.
? Rivendicare l'ordine di tutte le unità di laboratorio e gli ospedali privati.?
??u?? Occupare edifici e svuotare chiese per la loro conversione in ospedali, alloggi e assistenza ai senzatetto.?
? Con idee, posizioni, azioni e proposte per il rovesciamento rivoluzionario in un momento di intensificazione della crisi capitalista che presto porterà nuove politiche di saccheggio sociale e sfruttamento di classe, nuove guerre, nuova miseria e impoverimento a fasce crescenti della popolazione.

Come Iniziativa dei Santi Anarchici Anargyros-Kamatero stiamo lavorando su idee e proposte di iniziative sia nell'attuale periodo della pandemia durante il quale lo stato chiede "responsabilità individuale" e "isolamento" coltivare il terreno per fenomeni di cannibalismo sociale, alienazione e sottomissione, così come per il prossimo periodo critico durante il quale si combatterà una grande battaglia politica contro gli effetti della Nuova Recessione che segnerà l'inizio di un nuovo ciclo di attacco capitalista di stato che sarà di natura travolgente.

Suggeriamo ai nostri compagni che condividono valori e obiettivi politici comuni, in questi giorni di auto-prigionia e inclusione di massa, di chiedersi quali carenze (organizzative e politiche) e quali errori degli ultimi anni ci hanno portato (cinematicamente) dove siamo oggi. E esortiamo tutti a intraprendere azioni creative, militanti e produttive nelle settimane a venire, trasmettendo messaggi sociali e politici in ogni modo possibile, offrendo solidarietà alle fasce più vulnerabili della società e intraprendendo azioni di resistenza.
Armiamoci di conoscenza, idee e potere e non chiudiamoci individualmente a noi stessi o alle poche persone a noi vicine. Non dimentichiamo che le persone sovraffollate nelle carceri e nei centri di detenzione non hanno il "lusso" di proteggersi e mostrare "responsabilità individuale" (sic). Dipendenti di supermercati, farmacie, panifici, telecomunicazioni, distributori, lavoratori dell'industria, ecc. non hanno la capacità di arruolarsi in decreti statali "restiamo a casa". Stare fianco a fianco.

L'assistenza sociale non sarà messa in quarantena

Salute e forza. La solidarietà vincerà

Lunga vita

all'iniziativa di rivoluzione sociale dei santi anarchici Anargyros-Kamatero

?.?. Per ragioni etiche, segnaliamo che ci sono stati alcuni cambiamenti semantici nella struttura del testo dalla sua prima pubblicazione.

https://protaanka.espivblogs.net/2020/03/19/paremvasi-sto-parko-tritsi-gia-tin-nea-yfesi-me-aformi-tin-pandimia-keimeno-foto/

Link correlato: https://protaanka.espivblogs.net/

narkismo.net/article/32222
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it