A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, UCL AL #312 - Fascicolo speciale Parigi 1871, Aspetti educativi: l'alleanza delle mani e del cervello (ca, de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Wed, 24 Mar 2021 10:18:04 +0200


Sappiamo che il Comune, dieci anni prima della III e Repubblica, fondò il pubblico, laico e libero. Meno si sa del programma educativo che si è ripromessa di instillarvi, che ha abolito la gerarchia tra lavoro intellettuale e lavoro manuale. ---- Il lavoro accademico del Comune si basa su un fondo educativo importante costruita dal movimento operaio e dei vari socialismi del XIX °secolo, con corsi serali, l'accesso all'istruzione, sviluppo professionale, tutti nel rivendicare un nuovo ed universale l'educazione. ---- Tre elementi fanno, in particolare, l'originalità del progetto dei lavoratori in materia di educazione: educazione integrale; la scuola-laboratorio; il metodo sindacale. Un'idea li unisce: il lavoro deve assumere un ruolo guida nei piani educativi. Su queste basi, l'azione scolastica del Comune associa la costruzione di una scuola repubblicana a un'educazione socialista.

La prima scuola repubblicana
Perché è il Comune che ha creato la prima scuola repubblicana in Francia: pubblica e comune, democratica (fondata sul diritto universale all'istruzione e all'istruzione), laica e tendente all'istruzione gratuita.

Inizia a sostituire l'istruzione congregazionale con l'istruzione secolare, sulla base del decreto del 2 aprile 1871, che separa Chiesa e Stato. Una vera rivoluzione politica e culturale. Ma la scuola della Comune si allinea anche ai principi educativi del movimento operaio socialista.

Un'illustrazione inglese. Ai piedi del proletariato, tutti gli attributi delle scienze, delle arti e delle lettere, messi a disposizione per l'emancipazione.
cc Walter Crane
Educazione integrale
Per Paul Robin (1837-1912), insegnante e amico di Bakunin, che nel 1870 scrisse un rapporto sull'istruzione per la sezione parigina dell'Associazione internazionale dei lavoratori (AIT), dobbiamo offrire la stessa istruzione a ragazze e ragazzi, senza dare priorità forme di conoscenza, senza escludere il lavoro manuale e la formazione professionale dalla scuola.

Questo è il principale indicatore socialista del programma scolastico del Comune, secondo i bisogni popolari e l'idea di una società ricostruita intorno al Lavoro, perché spogliata del Capitale. Alcune scuole professionali furono così aperte brevemente nel maggio 1871.

L'educazione integrale è anche la diffusione da parte delle scuole di elementi fino ad allora riservati ai ricchi: ad esempio, la cultura del corpo e la pratica degli esercizi fisici, o l'ingresso di arte e artista a scuola, come proposto nel manifesto della Federazione dei artisti, guidati dal rivoluzionario pittore Gustave Courbet.

Dobbiamo prendere la visione opposta della società borghese, che concede ai proletari solo un'istruzione frammentaria per meglio incatenarli al lavoro diviso. È necessario, come scrive un quotidiano comunardo, che "l'educazione sia professionale e integrale[...], che un manipolatore di strumenti possa scrivere un libro, scriverlo con passione, con talento, senza per questo. Sentirsi obbligato ad abbandonare il morsa o il banco da lavoro"[1].

Édouard Vaillant, delegato all'istruzione, ha nominato Victoire Tinayre ispettore delle scuole di Parigi 12 ° , che si è impegnata a secolarizzare.
La scuola-laboratorio
Il concetto di "scuola-laboratorio" concretizza l'articolazione tra lavoro produttivo e istruzione scolastica. Così come il lavoratore non può imparare senza fare, il bambino può solo imparare facendo e lavorando. Poiché è sia l'attività centrale della società sia l'attività attraverso la quale l'individuo viene realizzato, il lavoro deve essere al centro della pedagogia. Nella scuola-laboratorio scompare il divario tra formazione intellettuale e formazione professionale, così come la rottura cronologica tra due fasi distinte: prima la scuola, poi quella professionale.

Il Comune vuole anche consentire ai lavoratori di partecipare all'istruzione. Il modello classico dell'insegnante definito soprattutto dalla sua istruzione "scolastica" deve coesistere con l'intervento diretto di operai, artisti, ginnasti, ecc. La commissione per l'organizzazione dell'educazione, in occasione dell'apertura della scuola professionale per ragazzi, invita "ilavoratori che vorrebbero essere insegnanti di apprendistato nella scuola[...]a rivolgere le loro richieste alla delegazione operaia. E scambio"[2].

Questo laboratorio-scuola, in cui i bambini sarebbero stati introdotti a certi mestieri, è stato modellato sulla "scuola politecnica" di cui parlava l'AIT: riunire le organizzazioni dei lavoratori e la scuola ; obiettivo pragmatico di migliorare la formazione iniziale dei lavoratori ; emancipazione dei lavoratori attraverso il controllo dell'azione educativa ; trasmissione alla scuola di una cultura e di un'etica del lavoro per sradicare il discorso del dominante dalla coscienza infantile.

Il metodo dell'unione
L'uso del metodo sindacale significa la volontà di costruire la nuova scuola in connessione con il movimento operaio, le iniziative aziendali e le camere sindacali, così come con il movimento sociale, gli insegnanti, le associazioni repubblicane e socialiste e la popolazione.

Poiché l'emancipazione dei lavoratori può essere solo opera dei lavoratori stessi, essi devono intraprendere l'istruzione come fanno e devono impossessarsi della produzione, del consumo, del credito e dei servizi comuni. La riforma scolastica del Comune si inserisce così in un progetto globale di autoemancipazione, a distanza dallo Stato e dalla Chiesa.

È la promessa di un'esplorazione pedagogica rivoluzionaria, in cui l'educazione non è solo un mezzo di conoscenza, ma diventa un mezzo per vivere insieme nell'uguaglianza e nella libertà.

Jean-François Dupeyron (Landes)

Doppio salario, scaccia i preti
Sotto la Comune, la riforma dell'istruzione - che per molti rimase sulla carta - fu principalmente opera di Édouard Vaillant (1840-1916), eletto alla Comune e delegato all'istruzione pubblica il 20 aprile. Blanquist, era anche un membro dell'AIT, di cui trasmetteva le idee in materia di istruzione, in particolare sull'abolizione della gerarchia del lavoro intellettuale-lavoro manuale. Vaillant si è circondato di una squadra attiva che includeva femministe come André Léo (1824-1900) e Victoire Tinayre (1831-1895).

A metà maggio, il Comune ha deciso la parità di retribuzione per gli insegnanti, i cui stipendi sono stati raddoppiati. E, con la maggior parte delle scuole parigine nelle mani della Chiesa, i preti e le suore iniziarono ad essere cacciati, nonostante la resistenza di devoti e devoti.

D'altra parte, il Comune non è arrivato al punto di abolire l'educazione separata per ragazze e ragazzi, che i pedagoghi libertari avrebbero ingaggiato trent'anni dopo.

Dopo la Comune, Édouard Vaillant diventerà uno dei leader di Blanquism. Nel 1905, ha co-fondato il Partito socialista unificato, di cui era, con Jean Jaurès e Jules Guesde, una delle figure di spicco.

Illustrazione: "Citizen Jules Vallès" (membro del comitato educativo), tratta da Bertall, Les Communeux. Tipi, personaggi, costumi, Plon, 1880.

convalidare

[1] Henri Bellenger, "Educazione professionale e integrale", Le Vengeur , 7 maggio 1871

[2] Journal officiel, 22 maggio 1871

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Aspects-educatifs-L-alliance-des-mains-et-des-cerveaux
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it