A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Cuba, Dichiarazione del seminario libertario Alfredo López all'Avana (ca, de, en, pt)[traduzione automatica]

Date Sun, 10 Jan 2021 10:04:31 +0200


Non accettiamo master su di noi o server sotto di noi. Lavoriamo per una società in cui tutti gli affari pubblici siano risolti attraverso l'auto-organizzazione di quelli di noi che vivono, lavorano, creano e amano, a Cuba e sul pianeta. Diamo testimonianza, tuttavia, che il passaggio a un tale modo di gestire le nostre vite in comune può essere solo il prodotto della più profonda rivoluzione sociale. Ma essere radicali nella nostra concezione del socialismo e della liberazione umana non ci rende persone rigorose o estremiste, né ci oppone a coloro che cercano sinceramente vie della dignità. La lotta per le garanzie sociali è legittima, anche se la sua radice germinativa non raggiunge immediatamente l'ideale - fintanto che tale radice esiste -, molti dei quali contengono germi vivi e in crescita della società comune che per ora osiamo solo sognare. Difendere tali germi e seminare i semi della libertà anche se sappiamo che possono volerci millenni per diventare alberi robusti come gli alberi di kapok nei nostri campi, è nostro dovere e scelta di vita.

E per tutto questo:
1. Ripudiamo ogni blocco al popolo cubano, imposto dall'estero o dall'interno dagli Stati Uniti, Stati Uniti o no. Sosteniamo radicalmente il pieno dispiegamento delle capacità creative del nostro popolo, la loro auto-organizzazione, auto-sostegno e auto-liberazione, in un mondo che deve essere più solidale e cooperativo.

2. Non supportiamo provocazioni finalizzate all'esplosione sociale. Ciò sarebbe tragico nelle attuali circostanze di deterioramento organizzativo delle classi lavoratrici e dei segmenti più precari della società.

3. Sosteniamo tutte le forme di auto-organizzazione di coloro che lavorano, vivono e credono a Cuba. Per auto-organizzazione sociale intendiamo imprese, progetti, reti, collettivi e altri sforzi in cui non c'è lavoro salariato, l'imposizione dell'autorità, il culto della personalità, le varie violenze dirette, strutturali o simboliche, l'iper-competitività, burocrazia, decisioni nelle mani di un'élite, concentrazione della ricchezza e appropriazione diseguale della conoscenza. Chiediamo che il quadro istituzionale del paese dia la priorità a entità auto-organizzate, come la promozione della creazione di cooperative e altri progetti collettivi di produzione e servizi autogestiti rispetto alle microimprese capitaliste e ad altre iniziative basate sulle asimmetrie. sociale,

4. In questo senso, le organizzazioni che distribuiscono prodotti alla popolazione devono riorganizzarsi come cooperative di consumatori, integrando la maggior parte di questo in modo auto-organizzato, per adempiere alle funzioni di vendita in magazzini e altri rivenditori, trasporti, raccolta, senza implicare furto o corruzione.

5. Siamo contrari al sistema salariale, ma finché esiste, deve esserci anche il riconoscimento di un salario minimo reale, visibilmente superiore al paniere di base come reddito minimo per una vita dignitosa, che deve essere pubblico in termini di composizione. ed essere oggetto di dibattito e approvazione generale; Il dovuto deve essere corrisposto in base all'orario di lavoro e alle ore e giorni di straordinario, al datore di lavoro deve essere imposto in tutti i centri di lavoro l'obbligatorietà del contratto collettivo, dei diritti sindacali, il pieno accesso alla risoluzione delle controversie di lavoro da parte di che lavorano e il loro diritto di sciopero.

6. Se è stato possibile riconoscere la legittimità dei rappresentanti delle tendenze liberali all'interno dell'opposizione politica statalista cubana, ci consideriamo portatori della piena legittimità come socialisti libertari e parte dell'organizzazione delle classi lavoratrici a Cuba; Se tale riconoscimento non è stato possibile, lo richiederemo per tutte le opinioni politiche.

7. Il crimine di oltraggio all'autorità, in quanto eredità dell'ordine monarchico, deve essere abolito e tutte le persone incarcerate per tali atti devono essere liberate.

8. Il carcere o qualsiasi altra sanzione per "accertamento di pericolosità pre-penale" deve essere immediatamente abolita in quanto istituto di origine fascista (Codice Rocco).

9. Lavoriamo per la liberazione a tutto campo da tutte le dominazioni e oppressioni, in particolare quelle del capitale, burocrazia, patriarcato, ipercompetenza, epistemocrazia, colonialità, razzismo, etnocentrismo, ingerenza di potenti strutture straniere , consumo dilagante e predazione ecologica.

10. Spettro completo significa che nessuno - persona o gruppo sotto oppressione - libera se stesso, esclusi gli altri, fino a quando non raggiunge l'intera società. La liberatoria non ammette esclusioni.

11. Non riconosciamo la falsa e autodistruttiva "normalità" di questo mondo come un ideale al quale una Cuba dovrebbe tendere ad essere "un paese normale".

12. Siamo in guardia contro qualsiasi movimento che, da collettivi, processi o sforzi che aspirano alla liberazione, possa portare all'emergere di nuove e pericolose dominazioni.

Il Taller Libertario Alfredo López è un collettivo anarchico che da anni sostiene e promuove esperienze legate ai suoi principi antiautoritari e anticapitalisti, e cerca di essere una tempestiva voce libertaria in questo arcipelago che chiamiamo Cuba. Ha organizzato quattro Libertarian Spring Days all'Avana ed è attualmente il principale manager del Centro Sociale ABRA .

https://centrosocialabra.wordpress.com/2021/01/03/comunicado-del-taller-libertario-alfredo-lopez-de-la-habana/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it