A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020 | of 2021
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Internazionale, Verità e giustizia per Fidan, Sakîne e Leyla, 9 gennaio a Parigi UCL Grand-Paris-Sud , UCL Montreuil , UCL Saint-Denis (ca, de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Sat, 9 Jan 2021 12:59:40 +0200


Cerchiamo di essere numerosi sabato 9 gennaio 2021 a Parigi per chiedere al governo francese di far luce sul triplice assassinio degli attivisti curdi Fidan Dogan, Sakîne Cansiz e Leyla Saylemez. Come ogni anno, unisciti al polo rosso e nero dell'evento. ---- Nella notte tra il 9 e il 10 gennaio 2013, gli attivisti curdi Sakine Cansiz, Fidan Dogan (Rojbîn) e Leyla Saylemez sono stati trovati senza vita, nei locali del Kurdistan Information Center di Parigi, freddamente giustiziati da diversi proiettili in la testa. ---- Molti indizi rivelati dalle indagini, così come documenti trapelati su internet, hanno stabilito che l'assassino, Ömer Güney, arrestato pochi giorni dopo i fatti, aveva agito per conto dei servizi segreti turchi (MIT) . Le indagini hanno anche rivelato, in maniera innegabile, l'appartenenza dell'assassino al movimento dei Lupi Grigi, questo movimento fascista turco che il governo francese ha recentemente deciso di bandire, ritenendolo "particolarmente aggressivo, a dir poco". , a seguito di manifestazioni di estrema violenza contro la comunità armena.

Appuntamento
davanti alla Gare du Nord a Parigi
SABATO 9 GENNAIO Alle 13:30
formazione di un polo rosso e nero
con, tra gli altri,
l'Unione Comunista Libertaria
L'evento su Mobilizon
L'evento su FB
Tuttavia, rinviando la sentenza del caso, lasciando così morire l'unico imputato, che sarebbe morto per una grave malattia, il 17 dicembre 2016, un mese prima del suo processo, la giustizia francese ha perso un'occasione cruciale per giudicare, infine, un crimine politico commesso in territorio francese !

La promessa del governo dell'epoca di far luce su questi omicidi è stata rapidamente gettata nel dimenticatoio. Sempre ansiose di preservare i loro rapporti con la Turchia, le autorità francesi non hanno nemmeno avuto la decenza di accogliere le famiglie delle vittime, né i rappresentanti della comunità curda.

Mantenendo l'impunità per questi atroci crimini, la Francia ha permesso a Erdogan di continuare la sua infiltrazione islamista e fascista sul territorio francese, attraverso la strumentalizzazione delle moschee, la creazione di filiali dell'AKP e la diffusione del ideologia panturque. Tanti vettori di pericolose interferenze che la Francia, come svegliata da un lungo sonno, comincia appena a denunciare.

Tuttavia, continuando a criminalizzare gli attivisti politici curdi, attraverso procedimenti legali o misure amministrative aberranti, la Francia serve solo gli interessi dell'islamofascismo turco e rafforza la posizione di Erdogan.

A seguito di una denuncia presentata nel marzo 2018 dalle famiglie dei tre attivisti curdi, basata in particolare su rivelazioni di agenti del MIT, un nuovo giudice istruttore è stato sequestrato del caso. Ci aspettiamo che la giustizia francese abbia finalmente il coraggio di giudicare e condannare gli sponsor di questi assassinii politici.

Gli omicidi di Sakine, Fidan e Leyla sono la manifestazione più famigerata della forza di molestia acquisita da Erdogan sul suolo francese, grazie alla politica di pacificazione della Francia.

Bandire i lupi grigi o minacciare la Turchia di sanzioni infruttuose non è sufficiente. Se la Francia vuole lottare contro l'espansione del fascismo e dell'Islam politico turco, deve soprattutto giudicare i crimini commessi dal regime turco sul territorio nazionale. Questo è il primo, fondamentale passo per dire STOP a Erdogan.

STOP ALL'IMPUNITÀ !

STOP ERDOGAN !

UCL nella demo di gennaio 2020
cc Cuervo / UCL Marsiglia

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Verite-et-justice-pour-Fidan-Sakine-et-Leyla-le-9-janvier-a-Paris-8929
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it