A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Union Communiste Libertaire UCL - Internazionale, "Bye-bye Moria": i libertari della Grecia con i profughi (de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Thu, 17 Sep 2020 08:35:13 +0300


[Foto] Venerdì 11 settembre ad Atene e Creta si sono svolte enormi manifestazioni di sostegno ai rifugiati, guidate in particolare da anarco-sindacalisti. "Bruciare Mora non è un crimine. L'esistenza di Moria, questo è il crimine ". ---- Le emozioni sono alte in Grecia dopo l'incendio nel campo profughi di Moria, sull'isola di Lesbo. Attualmente è la questione sociale n. 1 nel paese. ---- Il governo conservatore accusa i profughi di aver appiccato loro stessi l'incendio. L'estrema destra gira un video in cui vediamo un bambino del campo che esclama " ciao ciao Moria ", e lo usa per indicare che i rifugiati sono contenti della tragedia in corso, e sparano in deridere la loro angoscia.
La Rocinante Anarcho-Syndicalist Initiative, la più grande organizzazione libertaria in Grecia, ha ribaltato lo stigma facendo di " Bye-bye Moria " uno slogan di solidarietà. L'organizzazione sostiene che non si può sapere chi ha dato fuoco a Moria ma che, in ogni caso, si ha il diritto di bruciare Moria, tanto è vergognosa Moria.

Il coronavirus, la scintilla che ha acceso la polvere
A causa della politica di blocco dei rifugiati a Lesbo da parte del governo, questo campo destinato a 3.000 persone è balzato, in pochi mesi, a 6.000, quindi a 20.000 persone stipate in condizioni da incubo. Il peggio è stato raggiunto quando, in seguito alla scoperta di 40 casi di Covid-19, le autorità greche hanno bloccato il campo, creando volontariamente un gigantesco ammasso, senza scampo per i profughi condannati a una rapida contaminazione.

Fu in queste circostanze che si verificò l'incendio. Adesso il governo parla di ricostruire Moria, con una dimensione di reclusione più rigorosa, cioè un campo di concentramento, nel vero senso del termine, come quelli dove erano parcheggiati i profughi spagnoli. es in Francia nel 1939.

Venerdì 11 settembre una manifestazione di solidarietà ha riunito ad Atene 8.000 persone, di cui 1.500 nel corteo anarco-sindacalista. Ma la manifestazione più impressionante si è svolta a Chania, Creta, con 6.000 manifestanti per una città di 60.000 abitanti.

11 settembre 2020 ad Atene (Grecia)
Sullo striscione: "Ciao Moria ! Libertà di movimento e installazione nelle città. Solidarietà con i rifugiati. Ronzinante iniziativa anarco-sindacalista "

11 settembre 2020 ad Atene.
"Bruciare Moria non è un crimine. L'esistenza di Moria, questo è il crimine. Ronzinante "

"Al di là del nichilismo, tutti noi, tra le rovine, ci stiamo preparando a una rinascita" (Albert Camus, L'Homme revolté ).

11 settembre 2020 ad Atene (Grecia)

11 settembre 2020 a Chania (Creta)
00:0000:00
11 settembre 2020 a Chania (Creta)
6.000 persone hanno marciato in solidarietà con i migranti nel campo di Moria, che è stato dato alle fiamme.
Questa manifestazione è stata anche l'occasione per protestare contro l'espulsione di Rosa Negra, un centro sociale autogestito di Chania, che ospitava i rifugiati.

L'Iniziativa anarco-sindacalista Ronzinante chiede la chiusura di Moria, così come tutti i campi e le strutture di detenzione ; libertà di movimento e di insediamento per i rifugiati nelle città (e non nella terra di nessuno com'è adesso), documenti per tutti e fine alle espulsioni.

Guillaume Davranche (UCL Montreuil)

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Bye-bye-Moria-les-libertaires-de-Grece-avec-les-refugie-es
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it