A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Union Communiste Libertaire Bruxelles - Per una rivoluzione animale - Guardare dalla prospettiva dei margini (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Fri, 14 Aug 2020 08:58:28 +0300


Di Norah Lattécrie, Fronte di ecologia sociale dell'UCL di Bruxelles ---- Antispecismo e nozione di classe sociale ---- Riteniamo che l'antispecismo definito dai suoi padri fondatori (Peter Singer, Tom Reagan, Gary Francione e Anna Charlton)[1]sia un'ideologia estranea all'anarchismo, e che le due ideologie, sebbene a volte usando un vocabolario simile, sono in realtà contraddittorie e incompatibili. Nel saggio che ha reso famosa la nozione di antispecismo, Animal Liberation, Peter Singer spiega che lo specismo sta alla specie come il razzismo e il sessismo stanno rispettivamente alla razza e al sesso: questi sistemi nascono dal desiderio di non tenere conto degli interessi di certe persone a beneficio di altri, con il pretesto di differenze reali o immaginarie. Ciò che teniamo da questa definizione di antispecismo è che gli interessi della maggior parte delle specie animali sono effettivamente violati (e in particolare quelli degli animali da fattoria), senza che ciò sia giustificato razionalmente. I grandi mammiferi, dice, hanno capacità cognitive pari o superiori a quelle dei bambini umani, eppure il nostro sistema legislativo continua a trattarli come se fossero privi di ragione, coscienza ed emozione.

A parte questa osservazione, rifiutiamo l'intera analisi antispecista. Anzi, prima di tutto, crediamo che Peter Singer, Tom Reagan, Gary Francione e Anna Charlton (che rivendicano l'antispecismo come definito in Animal Liberation) hanno torto quando confrontano sistemi di oppressione legati al genere, alla razza (nel senso sociologico del termine) e alle specie. In quanto anarchici materialisti, consideriamo davvero il razzismo e il sessismo come sistemi di oppressione che cadono sotto il dominio di alcune classi sociali su altre. Tuttavia, non crediamo che tutti gli animali non umani siano integrati nella società umana e siano declinati in una o più classi sociali: essi e non possono, di conseguenza, subire un sistema di oppressione, e farne parte degli oppressi. Tuttavia, questa affermazione trova alcune eccezioni negli animali che partecipano all'economia svolgendo lavori che richiedono la mobilitazione della loro energia, intelligenza o sensibilità, per svolgere compiti (mucche da latte, cani poliziotto, animali da circo, ecc.) e che sono di fatto parte della nostra società. In questi casi, gli animali hanno uno status sociale e la nozione di classe sociale deve ancora essere elaborata.

Riteniamo che cancellare le differenze tra le specie e le classi sociali equivalga di fatto a impoverire radicalmente le teorie del dominio, in particolare alimentando le argomentazioni "essenzialiste": a differenza di due specie animali (biologicamente diverse), la nozione di genere e la razza (in senso sociologico) si basano su differenze che sono soprattutto costruite socialmente.

Un "specifico per l'uomo"?

Quindi, ci allontaniamo dall'obiettivo etico primario perseguito dagli antispecisti, ovvero la riduzione della sofferenza a tutti i costi. Agli argomenti "biologici" dell'esistenza dei carnivori in natura (e quindi del determinismo della sofferenza), Peter Singer risponde che siamo esseri morali, gli unici in "natura", e che quindi noi abbiamo la responsabilità della sofferenza degli animali. Questa responsabilità dovrebbe spingerci ad adottare una dieta vegana, al fine di ridurre la sofferenza che causiamo, ma anche, idealmente, ad intervenire all'interno della "natura" affinché gli esseri animali riducano la sofferenza che si impongono. tra loro.

Tuttavia, pensiamo che siano proprio questi tipi di argomenti "propristi" (relativi a un presunto "proprio dell'uomo", che spesso ha un legame con la moralità) che hanno portato all'attuale disastro ecologico, è perché non li appoggiamo o non li supportiamo. In effetti, a parte poche eccezioni, tutti i lavori scientifici e filosofici che hanno studiato la questione del nostro rapporto con gli animali si sono sforzati, in un modo o nell'altro, di provare che una differenza, di natura o grado, esistevano e ci distinguevano dagli altri animali, per il possesso di una "caratteristica dell'uomo". Quindi, la differenza "in natura" (sostenuta principalmente da René Descartes[2]) difende l'idea secondo la quale l'essere umano ha una "pulizia" di cui gli altri animali sarebbero completamente privati: intelligenza, moralità, o anche autocoscienza sono tutti elementi invocati. D'altra parte, la differenza di "grado" (la cui figura principale è espressa nella persona di Charles Darwin[3]), detta più "progressista", difende l'idea che gli animali abbiano le stesse qualità degli animali. essere umani, ma in misura minore (sono intelligenti, ma meno dell'essere umano; sono consapevoli di se stessi, ma meno di noi, ecc.).

Alla fine, queste considerazioni sono entrambe congelate nella stessa logica che non riesce a pensare ad altri animali senza confrontarli negativamente, che non riesce a sottrarsi a un modo di pensare che privilegia le specie tra di loro sulla base di criteri stabiliti dalle caratteristiche della nostra specie.

Umwelt, un cambio di punto di vista

Ci sembra che esistano altri modi di pensare agli altri animali. Uno di loro, teorizzato sotto la nozione di "Umwelt" da Jakob von Uexküll. serve a spiegare che ogni specie animale si è sviluppata in una nicchia ecologica[4]che gli è peculiare, e che ha condizionato l'evoluzione di tutte le caratteristiche che lo caratterizzano. Ogni specie ha il suo mondo e la sua visione del mondo, che è unica per essa e che non può essere giudicata da un'altra specie che ha un'altra visione del mondo: ogni specie è perfettamente evoluta in se stessa. Non c'è motivo, quindi, per una specie particolare di sorgere per giudicare che una caratteristica di una specie possa essere migliore o peggiore di un'altra. Ogni specie ha quindi un valore intrinseco, inalienabile, che non possiamo negare con un giudizio morale. Non crediamo quindi che esista una "particolarità dell'uomo" che possa giustificare una posizione affacciata sulla "natura", ma che ogni specie abbia le sue "peculiarità", che si adattano perfettamente al proprio mondo.

Riconosciamo, tuttavia, che come specie animale possiamo promuovere gli interessi delle specie (questo è il motivo per cui la nostra empatia va prima verso gli altri umani). Allo stesso modo, tendiamo a privilegiare le specie che comprendiamo meglio: ci sembra normale comprendere meglio i grandi mammiferi, perché la loro intelligenza è più simile alla nostra, e dare la priorità ai loro interessi. Accettiamo il carattere del tutto parziale di queste considerazioni: come specie animale appartenente al nostro ambiente e in relazione di interdipendenza con le altre specie, ci sembra ovvio che le nostre relazioni siano condizionate dalla nostra soggettività materiale e dal modo in cui percepiamo il nostro mondo e le affinità extra-specifiche che ne derivano.

Reinvestire il nostro posto, rivedere il nostro mondo

Decisamente per la decostruzione di tutti i tipi di argomenti che radicherebbero l'idea di un "proprismo" umano, ci opponiamo all'obiettivo antispecista di ridurre la quantità di sofferenza negli altri animali con il pretesto che, a differenza di loro e loro , saremmo dotati di una moralità che ci eleverebbe oltre i nostri istinti primari. Non crediamo che l'abolizione della sofferenza sia fine a se stessa. Crediamo nell'importanza di un reinvestimento del nostro posto tra gli altri esseri viventi e di un'accettazione della nostra mortalità. La nostra attuale posizione sulla scala organica riduce a nulla gli interessi di altre specie. Siamo d'accordo con l'analisi di Kropotkine che, su L'Entraide, difende l'idea che i rapporti di solidarietà tra specie e intraspecie abbiano contribuito all'evoluzione delle nostre condizioni di vita più che i rapporti di competitività (opponendosi così alle analisi di Charles Darwin, che difendeva l'idea di una "legge della giungla" all'interno della natura, che i benefici della civiltà neutralizzerebbero). Tuttavia, il sistema capitalista e tutti gli altri sistemi di oppressione esacerbano queste relazioni di competitività all'interno e tra le specie. Associamo la maggior parte delle forme di allevamento a un contributo di queste relazioni competitive, poiché si basa su una relazione di autorità non consentita da specie animali. Definiamo così i rapporti di mutuo soccorso come rapporti concordati da entrambe le parti, capaci di rispettare e migliorare gli interessi di ciascuno.

In sintesi, associamo l'antispecismo a una lotta controrivoluzionaria che persevera nel voler attribuire alla specie umana una posizione strapiombante che possa giustificare comportamenti paternalistici. Ci riconosciamo di più in un cambiamento di punto di vista rivoluzionario e materialista, secondo il quale noi siamo gli altri animali e che quindi abbiamo una nostra soggettività di specie.Il nostro interesse, come specie, è abolire le relazioni competitive che abbiamo costruito all'interno delle nostre società e con altre specie. Vogliamo sostituire i rapporti competitivi con rapporti di mutuo soccorso. Per il momento, chiediamo la fine dell'allevamento, perché riteniamo che le nostre società ci offrano alternative adeguate al consumo animale che non giustificano in alcun modo una negazione così palese degli interessi degli animali che consumiamo.

[1]Peter Singer, Animal Liberation, 1975. Tom Regan, The Case for Animal Rights, 2004. Gary Francione e Anna Charlton, Animal Rights: The Abolitionist Approach, 2015, e Small Treatise on Veganism, 2013.

[2]René Descartes, Il discorso sul metodo, 1637.

[3]Charles Darwin, L'origine delle specie, 1859.

[4]Un luogo ben definito all'interno degli ecosistemi.

https://bxl.communisteslibertaires.org/2020/08/10/pour-une-revolution-animale-regarder-du-point-de-vue-de-la-marge/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it