A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Union Communiste Libertaire UCL - AL #307 - Ecologia, Progetti distruttivi: sulle rive della Loira, minaccia di una zona industriale (de, en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Fri, 14 Aug 2020 08:58:07 +0300


Il collettivo Stop Carnet sta guidando la lotta contro il progetto della zona industriale sull'estuario della Loira, i cui lavori inizieranno in autunno. La giornata del 17 giugno ha segnato l'intensificazione delle azioni di resistenza. ---- A sud della Loira, più precisamente a Frossay e nel sito di Carnet, è in corso una nuova lotta locale su vasta scala per impedire la costruzione di una zona industriale destinata alle "tecnologie verdi" sulle rive della Loira. Questo progetto industriale Carnet è uno dei primi 12 siti industriali chiavi in mano offerti da Macron a 180 capi multinazionali in tutto il mondo il 20 gennaio a Versailles. Il collettivo Stop Carnet sta organizzando la resistenza e cercando di sensibilizzare la popolazione locale e l'opinione pubblica.

Vent'anni fa, un progetto di centrale nucleare sullo stesso sito era già stato evitato grazie a una forte mobilitazione locale. Il sito del Carnet è di 395 ettari di spazio naturale ricco e diversificato, classificato Natura 2000, un mosaico di habitat sabbiosi su una zona umida classificata di interesse nazionale (OZNH) a livello di un prezioso corridoio migratorio per il regione (zona ZNIEFF) e non meno di 116 specie protette. 110 ettari di questa area sono interessati da un progetto di ampliamento del porto di Nantes Saint-Nazaire, che dovrebbe ospitare una zona industriale destinata alleenergie cosiddette " rinnovabili ", sostenuto dalle grandi aziende del porto come Total, Cargill, Yara, Alstom , Engie ...

La zona industriale è destinata in particolare alla produzione di turbine eoliche che richiederanno lo sfruttamento di metalli rari e il loro trasporto via mare sulla Loira. Tuttavia, il sito si trova in una zona allagata e quindi soggetto al rischio di sommersione all'aumentare del livello del mare.

Una nuova vetrina green
"Questo progetto è devastante per il sito e la regione, ma è anche pericoloso, antidemocratico e sintomatico di un modello di società che continua a organizzare lo sfruttamento della vita e delle risorse dietro una nuova vetrina verde. Questo è tutto ciò che vogliamo denunciare con questo collettivo ! » Secondo Yoann, membro del collettivo Stop Carnet e del collettivo Terres Communes, che si batte contro piccoli e grandi progetti non necessari e imposti. In un momento in cui Covid 19 ha dimostrato il legame tra la distruzione della biodiversità, degli habitat naturali, della flora e della fauna e la diffusione di virus mortali, la concretizzazione di 110 ettari di area naturale è un'aberrazione.

I terreni abbandonati industriali sono tuttavia disponibili ovunque in Francia per accogliere un tale progetto. Le azioni per la lotta al progetto industriale Carnet si stanno intensificando poiché i lavori dovrebbero iniziare in autunno. Il 17 giugno, il sito è stato rilevato da attivisti ambientali durante la giornata di mobilitazione nazionale contro la reintossicazione del mondo. Il 29 e 30 agosto si svolgerà un fine settimana di lotta per dimostrare la determinazione del collettivo e dei sostenitori nel prevenire il progetto e sensibilizzare sulle conseguenze dannose del capitalismo verde.

Béné, membro di Stop Carnet e simpatizzante dell'UCL

Maggiori informazioni su stopcarnet.fr

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Projets-destructeurs-En-bord-de-Loire-la-menace-d-une-zone-industrielle
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it