A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Union Communiste Libertaire AL #307 - Antipatriarchy, Aurore Koechlin: La quarta ondata femminista (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Tue, 4 Aug 2020 09:18:44 +0300


Nel suo libro The Feminist Revolution, Aurore Koechlin ritorna a quelle che sono chiamate le "ondate di femminismo". Oltre alle tre ondate conosciute, propone una quarta: quali conseguenze avrà questo per pensare alla lotta ? ---- La parola "onda" fu usata per la prima volta nel 1920, poi divenne gradualmente il modo in cui le femministe si riferivano alle diverse fasi delle loro lotte nel corso della storia. Questa parola consente di segnare sia una rottura che una continuità tra le varie moderne mobilitazioni femministe, allo stesso tempo in cui consente di esprimere il fatto che queste mobilitazioni durano diversi anni e si svolgono contemporaneamente in diversi paesi del mondo. Così, quando Aurore Koechlin [1]propone di parlare di una quarta ondata, non dimenticando che prima ce n'erano altri tre, di cui siamo collettivamente indebitati. E se l'autore fa questa proposta, è perché pensa che sia utile, per la lotta, pensare oggi a nuove poste e nuove strategie.

Le prime tre ondate di femminismo
La prima ondata è stata intorno alla fine del XIX ° e XX ° secolo, quando le donne borghesi lottano per riformare le istituzioni e di ottenere i diritti civili e dei diritti di voto: in particolare, le suffragette in Inghilterra.

Durante la seconda ondata, negli anni '60 e '70, donne di ogni estrazione si mobilitarono per ottenere la libertà di disporre del proprio corpo, per la contraccezione e l'aborto. Si organizzano come movimento per un solo sesso nel Women's Liberation Movement (MLF). Questa seconda ondata è strutturata attorno a tre teorie principali: il femminismo materialista che pone il fatto che il lavoro domestico è la base materiale di un dominio patriarcale che è sia oppressione che sfruttamento, il femminismo differenzialeista difende l'idea che uomini e donne sono diversi, ma complementari, e il femminismo è una "lotta di classe", una sorta di sintesi dell'estrema sinistra e del femminismo.

Con l'arrivo della sinistra al potere nel 1981, il movimento femminista fu istituzionalizzato, mentre il movimento operaio rimase ampiamente chiuso alle sue richieste.

Durante gli anni '80, il femminismo nero indossato da Angela Davis, Audre Lorde, Patricia Hill Collins e persino ami a campana) lanciò una terza ondata negli Stati Uniti, che afferma che la categoria "donne Non è un insieme unificato, che questi ultimi sono attraversati da diverse forme di dominio (razza, classe, sessualità, handicap ...) che li portano ad avere possibilmente interessi contraddittori. Negli anni '90, Judith Butler sviluppò la teoria queer: mette in discussione l'eterosessualità dominante, afferma che il genere non è un'identità stabile e che le norme di genere devono essere destabilizzate per superarle. Alla fine, nel 1991, la giurista Kimberlé Crenshaw ha aperto la strada al femminismo intersezionale affermando che le relazioni di dominio non si sommano ma interagiscono tra loro.

Questa terza ondata è arrivata in Francia negli anni 2000. Ha portato a divisioni forti e durature: sulla questione dell'hijab nel 2003 ; sulla prostituzione e in particolare la sanzione dei clienti (domanda che ha portato alla creazione del collettivo dell'8 marzo per tutti in opposizione alla posizione del CNDF e allo svolgimento di manifestazioni separate dal 2012 al 2017) ; sul posto delle persone trans e non binarie nella comunità single-sex.

Una quarta ondata nata in Argentina
Aurore Koechlin identifica la nascita di una quarta ondata di femminismo con la prima dimostrazione di Ni una menos , provocata in seguito al femminicidio di Chiara Paez il 10 maggio 2015 in Argentina. Ciò si riflette nelle lotte per il diritto all'aborto in Polonia nell'autunno 2016, in Islanda nella primavera del 2018, in Argentina con la sciarpaverde pañuelazo verde nella primavera-estate 2018 ; all'interno del movimento studentesco in Sudafrica, Cile ; negli Stati Uniti con le Marche femminili dal 2017; tramite l'onda #MeToo nell'autunno del 2017. Incentrata sul tema della violenza, questa quarta ondata crea collegamenti espliciti con le lotte del lavoro e per la parità di retribuzione: scioperi delle donne (sciopero del lavoro produttivo e riproduttivo) s 'organizzare nel 2016 in Argentina, Islanda e Polonia ; questo porta all'idea di uno sciopero internazionale delle donne l'8 marzo di ogni anno, che è stato un successo colossale, ad esempio in Spagna nel 2018 e nel 2019. Inoltre, è notevole la mobilitazione durante lo sciopero delle donne in Svizzera solo un anno, 14 giugno 2019.

In Francia, Aurore Koechlin afferma che è la questione della violenza di genere che segna l'arrivo della quarta ondata, attraverso il movimento #MeToo / #BalanceTonPorc nell'autunno-inverno 2017. Successivamente, la questione dei femminicidi ha ha dato una realtà concreta e politica a questo fenomeno. La creazione del collettivo "Nous tous" nel 2018 ha permesso di superare le divisioni che hanno indebolito il movimento femminista dal 2012 concentrandosi sul tema della violenza ed evitando quelli del velo e della prostituzione: il 24 novembre 2018, 50.000 persone sfilano in tutta la Francia in dimostrazioni unitarie (anche il collettivo Nous finalmente si raduna).

Il quarto vaggio è guidato da una rivolta contro la violenza
Identificare questa quarta ondata è una questione di strategia per Aurore Koechlin: "'dire' un'onda è sempre anche 'farlo': la descrizione è prescrittiva" . La "crisi" della sfera produttiva che è iniziata nel 2008 ha portato a una maggiore liberalizzazione dei compiti riproduttivi, a un aumento della società e dei servizi alla persona e ad una violenta riassegnazione [2]di donne e minoranze di genere a tali compiti. . Riaffermando la totale interdipendenza tra capitalismo e patriarcato, l'autore chiede di andare oltre il femminismo riformista e il femminismo intersezionale [3]n ° 306 - Giugno 2020 " Femminismo e trasformazione sociale: limiti delle strategie individualizzative",]]per rafforzare le rivoluzionarie strategie femministe marxiste.

Questo, ci dice, significa riconnettersi con un approccio materialista che afferma che esiste "un sistema integrato e combinato delle varie relazioni di dominio ancorate alla storia e alle società considerate (classe, razza, genere), prodotte e riprodotte. da strutture economiche, sociali e politiche (Stato, giustizia, polizia),[e che]ha come base materiale un modo di produzione e riproduzione che sono correlati" ; che è necessario "postulare la centralità strategica del lavoro produttivo e riproduttivo", "sviluppare richieste specifiche sul lavoro riproduttivo" e "mezzi specifici di lotta attorno al lavoro riproduttivo, come lo sciopero del lavoro riproduttivo" .

Adeline (UCL Parigi nord-est)

convalidare

[1] Aurore Koechlin, La rivoluzione femminista , Amsterdam Publishing, agosto 2019, € 12.

[2] L'autore si chiede se l'apparente esplosione della violenza semi-privata contro le donne di oggi non possa, in una certa misura, essere paragonabile alle cacce alle streghe del Medioevo.

[3] Vedi[[alternativa libertaria

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Aurore-Koechlin-La-quatrieme-vague-feministe
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it