A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Union Communiste Libertaire AL #306 - Cultura, Leggi: Huhn e Mattick, "Stalin, Trotsky: Lenin's Legacy" (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Thu, 30 Jul 2020 09:09:06 +0300


Al crocevia della teoria politica e della storia della rivoluzione russa, Stalin, Trotsky: Lenin's Legacy , pubblicato dalle edizioni Spartacus, offre una critica al vetriolo sul ruolo dei bolscevichi in questa rivoluzione. ---- Riunendo testi di Willy Huhn e Paul Mattick, questo lavoro attacca l'idea secondo la quale ci sarebbe una grande rottura tra Lenin e Stalin, e che Trotsky sarebbe stato il vero difensore delle idee di Lenin, fuorviato dal sanguinario Stalin. ---- In effetti, secondo Huhn, il verme autoritario era il frutto del Partito bolscevico sin dall'inizio. Se Trotsky fosse stato in grado di subentrare a Lenin, avrebbe solo seguito la linea generale di questo partito, che si considera l'avanguardia del proletariato. Il partito avrebbe quindi la vocazione di guidare la società e di assoggettare il proletariato a una dittatura esercitata a suo nome. Trotsky non si discosta mai da questa linea.

Nel 1921, quando si trattava di schiacciare i marinai di Kronstadt che protestavano contro la confisca del potere da parte del Partito Comunista, la sua mano non tremò. Soprattutto, all'inizio degli anni 1920, alla fine della guerra civile russa, Trotsky propose una misura estrema: la militarizzazione del lavoro.

Secondo questo piano delirante, l'intera classe operaia russa dovrebbe essere reclutata nell'esercito e soggetta alla disciplina della caserma per rilanciare la produzione, con Trotsky come suprema eminenza, quindi comandante in capo degli eserciti ... Il piano di Lenin che viene adottato, liberalizzando l'economia e permettendo alle piccole aziende private di rilanciare.

Trotsky, un altro Stalin ?
È anche per questi motivi che Trotskij, una volta espulso dal potere di Stalin, si preoccupa di non portare troppo lontano le sue critiche all'URSS: lo descrive come uno stato operaio mal gestito da una cattiva burocrazia.

In realtà l'URSS non era uno stato operaio: era il capitalismo di stato con una nuova classe dominante onnipotente, la burocrazia del partito. Se Trotsky e il suo seguito, i suoi seguaci trotskisti non hanno mai saputo fare questa critica fondamentale, è perché in realtà non intendevano ridare potere ai lavoratori russi.

Il loro obiettivo era semplicemente di prendere una nuova direzione per il capitalismo di stato applicato dalla Russia. Se questo dibattito ha perso parte della sua rilevanza dal crollo dell'URSS, questo libro è comunque interessante: ci consente di capire fino a che punto il "socialismo reale" è stato concretamente rimosso dalla società comunista. era promettente.

Matt (UCL Montpellier)

Willy Huhn, Paul Mattick, Stalin, Trotsky: l'eredità di Lenin , Parigi, Spartacus, 2019, 182 pagine, 13 euro.

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Lire-Huhn-et-Mattick-Staline-Trotsky-l-heritage-de-Lenine
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it