A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) sicilia libertaria: Di vita o di morte

Date Fri, 12 Jun 2020 08:33:37 +0300


Quando pensiamo che il semplice gesto di uscire fuori di casa percorrere cento metri in più del tollerato, si era trasformato in un atto sovversivo; come pure stare senza mascherina in una pubblica via, o addirittura stringere la mano a un amico e cose di questo tipo, ecco, allora ci rendiamo conto di quanto sia cambiata la nostra vita, di quanto si sia introiettata la psicopolizia nel nostro privato e nel nostro povero e limitato sociale, di quanto l'antiutopia orwelliana sia d'un tratto diventata realtà. ---- Lo stato di paura come risultante dell'amplesso tra le due parole: Stato e Paura, ha contaminato milioni (anche miliardi, se guardiamo al Mondo) di persone, e fra queste anche tante insospettabili intelligenze che hanno abdicato al loro senso critico e al loro spirito di ribellione per farsi intrappolare, oltre che dai timori della pandemia da covid-19, anche dalla pandemia ideologica dilagata ovunque.

La pandemia ideologica ha fatto abbassare la guardia un po' a tutti e ha ridimensionato i limiti che prima definivano i nostri orizzonti e le nostre aspirazioni, trasformatisi in modesti e compatibili fritture di miseria che il sistema digerisce senza problemi ma che avvelenano ogni giorno che passa il corpo sociale di milioni di donne e uomini quotidianamente bombardati da messaggi terroristici che hanno finito per ammosciare le loro capacità cognitive e rendere quelle immunitarie (cioè capaci di immunizzarli dalla propaganda del potere) delle spugne capaci di assorbire ogni imposizione.

Il progetto in atto è quello di schiacciare ogni pensiero, sogno, rivendicazione all'interno del sistema; la vita va a sbattere contro un muro in un vicolo cieco da cui non si può uscire. Tale è la favola di questi tempi: il capitalismo è l'unico orizzonte possibile, ed è l'unico ad avere le soluzioni alle sue distorsioni. Capitalismo come entità naturale, globale, totale. A questa narrazione si sono adeguati in tanti; molti lo facevano già da prima, si pensi ai sindacati, a ciò che rimane della cosiddetta sinistra, ma adesso lo fanno con un alibi in più, spacciando le loro ipocrisie e le loro complicità come atti di responsabilità se non, addirittura, di rottura. A forza di abbassare l'asticella si sono ridotti a strisciare ai piedi del capitale e dello Stato.

Non sappiamo fino a quando questa operazione potrà durare e funzionare, ma una cosa è certa: il virus si sta dimostrando una grande opportunità per il sistema, sta assicurando controllo sociale di massa e addomesticamento di stili di vita, atteggiamenti, desideri di cambiamento. Una sorta di polizia sanitaria si occupa di tenere a bada la popolazione: è polizia, ma è anche lo strumento che in nome della tua salute personale e della nostra salute sociale, interviene con i suoi mezzi tradizionali, ma stavolta per un fine che dovrebbe essere accettato da tutti e non contestato da nessuno: "il bene comune". Il Grande Fratello che pensa a noi. E ci chiede di collaborare, di spiare. Vedi il bando (poi ridimensionato) di "reclutamento" di 60.000 assistenti civici emesso dal ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Boccia, per coadiuvare le forze dell'ordine nel controllo dell'applicazioni dei decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri per la Fase 3.

Questo progetto ci dice di più: ci dice che il virus non può scomparire, che finché c'è virus c'è speranza per il sistema di sopravvivere; ci racconta che, al di là di come si sia prodotto (e ne abbiamo scritto tante volte), esso è comunque un'occasione d'oro per il sistema per ingabbiare ogni aspirazione alla libertà dei suoi sudditi.

Ma il virus funziona se è supportato da apparati mediatici, da strumenti tecnologici, vere armi di distrazione e distruzione di massa puntate sui cervelli di miliardi di persone, con le forze armate sempre in allerta per far rispettare gli ordini di governi alleati-servi del capitale. Lo abbiamo visto in queste settimane: decine di militanti denunciati e multati per semplici uscite fuori dal coro in tempi di quarantena, venti milioni di persone e 6 milioni di attività commerciali controllate solo in Italia,, oltre mezzo milione di sanzioni comminate.

Il sistema, con la sua globalizzazione dei mercati, le sue attività predatorie e distruttive, la sua capacità di adattamento, sembrava essere stato messo in crisi in un primo momento da una pandemia che fermava le attività produttive, la mobilità delle merci, squarciava i pretesi limiti economici finanziari da sempre apposti per limitare ogni concessione alle masse. Invece si è rialzato presto e adesso marcia verso la sua vittoria più completa.

Per questo è necessario non perdere di vista le questioni generali che la pandemia ha posto in maniera chiara e che adesso vanno scomparendo nei mille rivoli dell'informazione pilotata. La questione dell'incompatibilità di questo sistema con la vita nel pianeta; la questione delle eguaglianze, che fa emergere una recrudescenza delle discriminazioni di genere, di origine, di classe. La questione delle false soluzioni: vaccini, clausure, sovvenzioni, che evitano accuratamente di intervenire sulle cause concentrandosi sugli effetti, come sempre.

E' necessario cogliere l'opportunità che il virus offre e strapparla dalle grinfie del sistema, e stavolta è veramente questione di vita o di morte: diffondere in tutti i movimenti, i luoghi del conflitto o del semplice malcontento, quelle che abbiamo definito le sei priorità attorno a cui può ripartire un percorso sovversivo di rottura:

far pagare la crisi ai padroni;
basta con le spese militari e le politiche guerrafondaie;
salvaguardare l'ambiente dalle aggressioni capitalistiche;
precedenza alla salute, alla ricerca, all'istruzione, ai servizi pubblici;
lavorare meno, lavorare tutti, ritorno alla campagna, attività utili e pulite;
autodeterminazione, azione diretta, contro governi, stato e capitale per la rottura rivoluzionaria.
Pippo Gurrieri

http://www.sicilialibertaria.it/2020/06/07/di-vita-o-di-morte/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it