A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Union Communiste Libertaire UCL - Comunicato stampa, Covid-19: Lavoratrici in prima linea (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Tue, 31 Mar 2020 10:04:35 +0300


Sia che continuino a lavorare o che siano a casa, le donne sono in prima linea nella lotta contro la pandemia ma anche le prime vittime dell'attuale crisi sanitaria. ---- La crisi evidenzia il ruolo essenziale di alcuni settori di attività (sanità, istruzione, prima infanzia, professioni di assistenza, agroalimentare e distribuzione, pulizia, assistenza sociale, trasporto e consegna, ecc.). Eppure sono le donne, molto spesso mal pagate e precarie, che lavorano principalmente nella maggior parte di questi settori. ---- Con questa crisi, la popolazione sta riscoprendo professioni socialmente utili, quelle di cui non si può fare a meno e che soddisfano i bisogni essenziali di tutti.
I caregivers danno senza contare
Le donne, la maggior parte in salute, sono in prima linea tra il personale infermieristico ospedaliero, ma anche nelle case di cura, IME, ESAT. Scarsamente retribuiti (gli assistenti infermieristici ricevono il salario minimo all'inizio della loro carriera, gli infermieri € 1.700 lordi), denigrati e in discoteca quando si sono mobilitati per migliorare il servizio pubblico e le loro condizioni di lavoro e remunerazione, non contano non sono le loro ore oggi a rinunciare alle vacanze e alla vita familiare. Il governo, che continua a ripetere quanto dobbiamo essere grati a loro, tuttavia, non parla di aumentare i salari o di assumere in maniera massiccia personale essenziale.

assistenti vivai
A marzo 2019, indossando il "giubbotto rosa", stavano combattendo per far riconoscere i loro diritti. Giocano un ruolo essenziale. cc Arthur / UCL Gironde
I proffes assicurano il legame sociale
Nell'istruzione nazionale, il personale (anche principalmente femminile, in particolare di 1 ° grado) risponde non solo garantendo la continuità pedagogica, ma anche contattando le famiglie che non hanno accesso alla tecnologia digitale. Prendono regolarmente notizie degli studenti, li supportano nei compiti a casa, rispondono alle domande degli studenti e delle loro famiglie durante il giorno, anche di sera e nei fine settimana. Qualcosa che sembra ignorare Blanquer che inizia a comunicare in occasione di una riduzione delle vacanze estive. Il personale amministrativo, i DAE, gli AP e gli AVS forniscono anche un collegamento con le famiglie, in particolare con le persone più in difficoltà nel monitorare i propri figli.

Le cassiere ci sono
Nella grande distribuzione, ai dipendenti (principalmente donne anche lì) viene chiesto di rispondere per riempire gli scaffali e lavorare ai banchi cassa, il più delle volte senza attrezzature adeguate per soddisfare le misure di barriera.

Le pulizie continuano ad essere fornite negli uffici (spesso vuoti !), Nelle stazioni, negli ospedali, negli hotel, ecc. da dipendenti precari (il lavoro part-time è la norma nel settore). Scarsamente retribuiti e in un settore scarsamente sindacalizzato, hanno quindi mezzi limitati in termini di azione collettiva e conoscenza dei loro diritti.

Cassieri del supermercato
Anche il rifornimento di carburante della popolazione è loro !
Doppia punizione per le donne
In tutti questi settori, le lavoratrici subiscono una doppia sanzione. Non solo devono continuare a lavorare, a rischio di contaminazione e contaminazione della loro famiglia, ma anche degli utenti o dei clienti, a causa della mancanza di un'adeguata protezione e di chiare istruzioni igieniche. Ma fanno anche fatica a gestire le cure dei propri figli a causa delle ore atipiche e anche di più quando si trovano in una famiglia con un solo genitore.

Le lavoratrici non pagheranno per la crisi
Possiamo dirlo ora: le lavoratrici sono fuori discussione per questa crisi. Né dal massiccio ritorno delle donne a casa, né dal rilassamento del codice del lavoro. Le nostre lotte collettive devono essere all'altezza di questo contraccolpo del patriarcato !

Unione comunista libertaria, 25 marzo 2020

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?COVID-19-Les-travailleuses-en-premiere-ligne
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it