A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Canada, Collectif Emma Goldman - [Alla porta n. 82]Populismo di sinistra (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Sat, 21 Mar 2020 09:34:06 +0200


A proposito (prima che la paranoia fosse collegata a COVID-19) in un'edicola di Racine Street (sì, ne rimangono ancora alcune), ho avuto la doppia sorpresa di trovarne una, la rivista À portbord! in un chiosco di Chicoutimi e due, per ottenere un numero recente. Nel numero 82, pubblicato nel gennaio 2020, possiamo leggere un eccellente articolo firmato da Isabel Brochu intitolato I freni di una resistenza. Presenta i vari ostacoli che si trovano di fronte al movimento di resistenza dei cittadini a Saguenay-Lac-St-Jean che sta combattendo contro la corrente di un'élite regionale che "si aggrappa a un vecchio modello che non ha più futuro[...]mentre le società straniere trarranno vantaggio dagli ultimi sconvolgimenti di un modello obsoleto ". (Brochu, p.23)

Ma ciò che per prima ha attirato la mia attenzione è stato il tema trattato nell'ultima edizione di questa rassegna sociale e politica. N. 82 presenta un file intitolato Populismo di sinistra, a ragione o a torto.

" Ora tutto può essere potenzialmente accusato di populismo " - Tarragoni, (p.31)

Una cosa è certa, se esiste un concetto vago, è quello del populismo. A volte usato come un insulto per screditare un avversario o un movimento, a volte rivendicato da politici come l'ex deputato e ministro, Maxime Bernier. Federico Tarragoni, uno dei collaboratori di questo dossier, identifica due modelli per l'analisi del populismo. Uno che " considera il populismo come una malattia della democrazia " e l'altro che "lo giudica la prossima salvezza delle nostre democrazie malate " (Tarragoni, p.31).

Sia a destra che a sinistra, il populismo è soprattutto una tecnica di mobilitazione diretta principalmente verso un pubblico, un pubblico o un elettorato. Questa tecnica generalmente propone un " salvatore provvidenziale " o "la voce dei senza voce", che diventa il o l'unico rappresentante delle persone oppresse dalle élite. Le radio della spazzatura sono un esempio di questo fenomeno in Quebec. Nella regione del Quebec, queste stazioni radio influenzano da diversi anni le opinioni, le azioni e persino le intenzioni di voto del loro pubblico. Dominique Payette nel suo articolo intitolato Radio d'opinione a Quebec City Le ready to think is is left , elenca le tecniche utilizzate dagli animatori come:l'appello ripetuto al senso comune, lo sfruttamento di pregiudizi e stereotipi, il risentimento, l'uso di capri espiatori, attacchi contro le élite e contro lo stato, anti-intellettualismo primario. "(Payette, p.39)

Se è vero che una versione di sinistra di opinione la radio si dimostra chiaramente insufficiente a contrastare il fenomeno della radio spazzatura, mi sembra piuttosto riduttivo pensare come Dominique Payette " ha n "esiste solo un modo legittimo per contrastare l'effetto delle stazioni radio Forzare l'applicazione della legge ... " (p.40) Azioni dirette e collettive che esercitano una pressione reale e colpiscono dove si fa il male (denaro degli inserzionisti) rimane efficace nel ridurre la diffusione della paura, dell'intolleranza e dell'odio nell'aria. (leggi il testo: Suggerimenti di lettura per gli appassionati di radio spazzatura ... Bruti e la puntina da disegno )

Momento populista

Cosa hanno in comune Brexit, il movimento a 5 stelle in Italia, l'alternativa per la Germania (AfD), il Fronte nazionale (ora il Rally nazionale) in Francia, Trump negli Stati Uniti e, in una certa misura,? le elezioni del CAQ in Quebec? Questi vasti movimenti che rimuovono o " liberano " la salsa " lasciateli andare tutti " sono il risultato della crisi della democrazia liberale, di questa disconnessione dalla società e dai rappresentanti.

Per Chantal Mouffe, l'autore del saggio Per un populismo di sinistra , i partiti di destra e di estrema destra non dovrebbero poter monopolizzare passioni e affetti politici. Certo, ma il populismo di sinistra dovrebbe fare affidamento su una tribuna carismatica o su un salvatore provvidenziale come Jean-Luc Mélenchon in Francia o Bernie Sanders negli Stati Uniti? O dovrebbe soccombere alla demagogia ed essere ridotto alla retorica elettorale? Come prospettiva di emancipazione, anche il populismo di sinistra può essere abbastanza controproducente. Come sottolinea Jean-Pierre Couture nel suo testo Populismo difficile a sinistra: "Il populismo mette il popolo contro le élite. In questa lotta, propone di costruire una volontà popolare per prendere il potere dal dominante. Il populismo tuttavia rompe con la democrazia quando questa costruzione opera dall'alto, si materializza con la voce di un leader forte e contribuisce all'esercizio di un potere sovrano in nome del popolo e non da lui. "(P.46). Inoltre, il populismo di Chantal Mouffe non richiede di andare oltre il capitalismo, la democrazia rappresentativa e lo stato. Eppure sono questi sistemi e istituzioni che generano e mantengono la disuguaglianza sociale, economica e politica a beneficio di pochi privilegiati.

confliction

La definizione di populismo di sinistra proposta da Laclau e Mouffe merita uno sguardo più attento. Per gli autori: " si tratta di un approccio politico, prima di tutto linguistico e simbolico, che consiste nell'articolare diverse richieste secondo una logica equivalente e poi nel metterle in opposizione all'attuale quadro di potere secondo una logica antagonistica.Questo appello alla fine della posizione consensualista rimane, in questo periodo di indifferenziazione tra i partiti del governo, sia a destra che a sinistra, molto interessante. Tuttavia, le sconfitte elettorali o le battute d'arresto di partiti politici come Syriza in Grecia, Podemos in Spagna e Francia insubordinata ci mostrano che dirigere la nostra energia per servire le sole ambizioni elettorali di un partito rimane un errore. Perché ciò di cui abbiamo davvero bisogno è moltiplicare i contro poteri che promuovono l'autonomia, l'azione collettiva, la ripresa del potere individuale e collettivo e non di un partito che devia la legittima rabbia nelle urne.

Ngalla

[1]Il 12% degli elettori di Bernie Sanders ha preferito votare per Donald Trump invece di Hillary Clinton, un prestanome dello stabilimento. (P.43)
Inserito 20 ore fa da Collectif Emma Goldman

http://ucl-saguenay.blogspot.com/2020/03/a-babord-no-82-le-populisme-de-gauche.html
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it