A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) COMUNICATO USI-PARMA - CHI LAVORA AL CENTRO DI TUTTO

Date Sat, 14 Mar 2020 09:50:52 +0200


Dal 24 febbraio scuole e asili sono chiusi per l'emergenza Covid-19. Chi è dipendente pubblico, ha avuto giustamente tutto pagato senza tanti dubbi e problemi, non avendo responsabilità per la chiusura, per chi invece lavora nelle scuole ma è dipendente di cooperativa si è aperto un periodo di incertezza e mobilitazione. Il nostro problema, interessa tutti: siamo le maestre e le ausiliarie dei vostri figli negli asili, gli educatori che seguono ragazzi con varie problematicità. ---- Ci sono contratti che prevedono coperture in caso di eventi eccezionali, il nostro (pessimo) firmato dai sindacati confederali dopo quasi 8 anni di rinvio, no. Il nostro contratto invece sancisce che si lavori per un salario basso e che si è sempre più precari e con pochi diritti: se li reclamiamo, siamo "soci", se invece vogliamo farci sentire nelle "nostre" coop, siamo lavoratori che disturbano. In compenso il nostro CCNL prevede, ad esempio, la legittimità di contratti individuali inferiori a 10 ore o le notti "passive": stiamo sul lavoro ma non veniamo pagati. I nostri stipendi variano dai 700 ai 1200 euro mensili e non coprono tutto l'anno: d'estate spesso siamo a casa, senza stipendio.

Le cooperative a Parma, nonostante sempre più di noi aderiscano a sindacati di base, ci negano perfino la rappresentanza sindacale: il diritto di contrattazione, nonostante sia previsto seppure sempre più limitato da chi non vuole voci fuori dal coro, ci è costantemente rifiutato, perché il legame sindacati confederali-centrali cooperative-cooperative è saldo e immutato.

Gli enti pubblici non possono lavarsene le mani: noi siamo lavoratori che qui abitiamo, lavoriamo, paghiamo le tasse, viviamo. Noi siamo parte della nostra città. Le amministrazioni comunali sono gli enti garanti di questa situazione, che hanno creato per motivi funzionali ("la responsabilità è di altri!"), ideologici risultati fallaci ("il privato è bello!") e soprattutto economici ("costiamo meno a parità di funzioni"). I Comuni restano però responsabili e garanti di questi servizi, e sono coinvolti.

Noi riconosciamo perfettamente che questa è un'emergenza imprevista e grave, e non mettiamo neppure in dubbio la volontà di tutti per affrontarla nel modo migliore. Però da questo si deve partire: salario pieno a tutti/e!

Chiediamo:

Partecipazione ad un tavolo di trattativa con tutti i soggetti coinvolti
Salario pieno: le coop devono garantirci il nostro stipendio, nel caso attivando adeguati strumenti di sostegno al reddito, con la certezza in ogni caso di non intaccare ferie e banca-ore dei lavoratori
Anticipo immediato di questo strumento da parte delle coop
Integrazione della differenza mancante tra ammortizzatori sociali e salario pieno reale: se il periodo è eccezionale, lo devono essere pure le misure per affrontarlo: chi oggi guadagna poco non deve perderci ulteriormente.
Se difendiamo i nostri diritti siamo tacciati di estremismo, di pretestuosità, di irragionevolezza: forse l'estremismo, la pretestuosità e l'irragionevolezza è di chi nega libera rappresentanza sindacale, di chi ci ha portato alla svendita dei diritti, alla distruzione sociale ed ambientale del mondo in cui viviamo, allo sfruttamento ed alla diseguaglianza sociale come dogma di riferimento. Qualcuno ci dimostri che ciò che chiediamo è ingiusto.

I DIRITTI SI DIFENDONO, SEMPRE.

SALARIO PIENO SUBITO!

USI-CIT Parma

USI/Educazione

http://www.usi-cit.org/index.php/1660-comunicato-usi-parma
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it