A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Union Communiste Libertaire AL #302 - cultura, Leggi: Attard, Come sono diventato un anarchico (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Wed, 11 Mar 2020 09:23:46 +0200


È prima di tutto la storia di una ricostruzione politica, quella di Isabelle Attard. L'attivista europea per l'ambiente Les Verts, poi New Donne, membro del Parlamento dal 2012 al 2017, ha pensato di poter agire all'interno delle istituzioni per lavorare per la democrazia e il bene comune. Pensava persino che sarebbe stato possibile cambiare il modo in cui funzionava. Non ha risparmiato alcuno sforzo, a favore del software libero, il Rojava, contro lo stato di emergenza o contro l'aeroporto di Notre-Dame-des-Landes. Ha anche sperimentato il ghigno dei deputati maschi quando una donna ha parlato all'Assemblea nazionale, il disprezzo con cui molti hanno trattato i loro assistenti parlamentari, i lavori fittizi al servizio dei partiti ... Eppure ci credeva, al punto di correre a giugno 2017 per un secondo mandato.
Leggi anche l'intervista: Isabelle Attard: "Credo ancora nella forza del collettivo"
Dopo una sconfitta elettorale, è comune cercare di essere riclassificati come membri permanenti di un partito, in una direzione aziendale o in un'amministrazione territoriale. Ma Isabelle Attard, ha deciso di interrompere tutto e iniziare un vero esame interno. Le sue letture, le sue discussioni e i suoi incontri l'hanno portata a esplorare altre coste, quelle dell'anarchia (che lei detiene a questo termine), del comunismo libertario e dell'autogestione fino a sentirsi a casa lì.

Un momento di condivisione
Questa fase di decostruzione-ricostruzione dura due anni, due anni di profondo sconvolgimento con questa domanda assillante: perché così tanto tempo prima di diventare un anarchico? Per quanto riguarda l'immensa maggioranza della popolazione, l'anarchismo rimane nebuloso e inaccessibile, perché corrisponde a un'assenza, in particolare nei programmi della storia che dalla loro origine mirano a formare una coscienza repubblicana che dovrebbe essere l'incarnazione del meglio. Libertà, uguaglianza, fraternità: il motto sposa persino valori che sono quelli dell'anarchismo, quindi come vedere a priori false promesse e una vera impostura?

Questo libro scritto in prima persona è istruttivo come lo sono le autobiografie che partono dal narcisismo e dall'esemplare per offrire un momento di condivisione. Non pretende di rinnovare le teorie anarchiche. Tuttavia, mostra un'aspirazione sempre più forte per una profonda trasformazione della società, come dimostrato dalla rivolta dei giubbotti gialli e dalle mobilitazioni contro il collasso climatico a cui conduce il capitalismo. Ed è quello che è interessante. Vediamo anche che l'autore non è diventato anarchico per caso e che la sua avversione alle relazioni di dominio è stata decisiva. Il modo in cui sono diventato anarchico può quindi essere definito un'opera di educazione politica popolare.

* Isabelle Attard, Come sono diventata anarchica , Seuil / Reporterre, 160 pagine, 12 euro.
In effetti, parte dalla sua stessa esperienza e rivisita il contributo delle utopie rivoluzionarie dell'Ucraina, della Spagna, ma anche di quella meno conosciuta della Cina, con l'esperienza anarchica federalista in Manciuria nel 1929. Fa il collegamento tra queste lotte che l'ideologia dominante ha cercato di emarginare o addirittura cancellare con quelle dello Zad, delle imprese autogestite in Grecia e in Argentina e delle rivoluzioni in Chiapas e Rojava.

Il contributo di utopie rivoluzionarie
Isabelle Attard ci invita anche a (ri) scoprire, tra gli altri, i pensieri di Voltairine e Murray Bookchin, due cittadini anarchici degli Stati Uniti, i cui riflessi saranno utili a tutti coloro che pensano che il comunismo libertario del XXI ° secolo può essere ridotto al contributo dell'anarchismo e delle correnti marxiste anti-autoritarie e che è anche inseparabile dall'ecologia e dal femminismo.

Laurent Esquerre (UCL Aveyron)

Isabelle Attard, Come sono diventata anarchica , Seuil / Reporterre, 160 pagine, 12 euro.

https://www.unioncommunistelibertaire.org/?Lire-Attard-Comment-je-suis-devenue-anarchiste
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it