A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Federazione Anarchica Italiana (FAI #1) Per un mondo senza patrie e senza frontiere (en)

Date Thu, 1 Aug 2019 09:33:05 +0300


L'antimilitarismo è da sempre uno dei terreni di lotta del movimento anarchico. Oggi come ieri, di fronte al massacro della Prima Guerra Mondiale, la lotta contro la guerra si salda alla lotta per la trasformazione sociale. ---- Gli scenari di guerra si stanno moltiplicando. In Libia c'è una guerra in corso, in cui il governo italiano è pienamente coinvolto: nel paese sono già presenti, considerando solo le cifre ufficiali della missione militare MIASIT, 400 unità delle forze armate italiane. Intanto, la diplomazia sta organizzando a Roma una Conferenza internazionale per decidere il futuro del paese. L'intervento militare italiano non si limita alla Libia, ma si estende a vari paesi africani, all'Iraq, Afghanistan, Oceano Indiano e ad altre missioni. Un impegno in continuità con i governi precedenti e coerente con le alleanze internazionali.

Come sempre il peso economico di queste politiche guerrafondaie si scarica sulla collettività: gran parte della manovra prevista da oltre trenta miliardi sarà destinata all'aumento delle spese militari. Il governo, infatti, rispetterà gli impegni assunti con la NATO dai governi precedenti, che prevedono di portare la spesa per gli armamenti al 2% del prodotto interno lordo, 24 miliardi che si aggiungono agli attuali 16 miliardi di euro.

A fronte di questo impoverimento crescono i profitti del settore militare. L'Italia è al nono posto per quantità di armi esportate fra tutti i paesi del mondo, ed è al quinto posto fra i produttori europei.
La Federazione Anarchica Italiana rifiuta qualsiasi scambio tra il lavoro in Italia e la distruzione e la morte all'estero; denuncia inoltre il fatto che la produzione di armi porta ricchezza solo a pochi privilegiati. Le produzioni belliche, assorbendo materie prime, mezzi di produzione e forza lavoro, sottraggono risorse alla produzione di beni e servizi, peggiorando quindi la condizione degli sfruttati nel loro complesso.

La guerra e il militarismo in generale sono un terreno di coltura del maschilismo, sia per l'ideologia gerarchica e autoritaria che li caratterizza, sia come pratica di sopraffazione e violenza, anche sessuale. Basta pensare agli stupri come arma di guerra, teorizzati negli uffici studi degli stati maggiori, ma anche agli atti di violenza e ai femminicidi, che vedono protagonisti in alta percentuale uomini in divisa. La logica militarista fa della donna un campo di battaglia, territorio di conquista, dominio e potere.

Il delirio militarista si manifesta anche con le recenti proposte di legge sul ripristino della leva obbligatoria, come quella già votata dalla Regione Veneto, e quella che si appresta ad essere votata dalla Regione Friuli Venezia Giulia. Aldilà di qualsiasi propaganda, ribadiamo che le Forze Armate non hanno mai avuto né mai avranno un ruolo educativo.

Le anarchiche e gli anarchici della F.A.I. ribadiscono la loro opposizione al militarismo, e invitano a partecipare alla manifestazione antimilitarista.

Per fermare la militarizzazione della società.
Per eliminare le spese militari.
Per chiudere le fabbriche di morte.

Per un mondo senza patrie e senza frontiere ?

Federazione Anarchica Italiana (federazioneanarchica.org)

http://organisemagazine.org.uk/2019/07/26/for-a-world-without-countries-and-without-borders-ifa/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it