A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Manifesto dell'UCL - Per il comunismo libertario (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Wed, 31 Jul 2019 07:56:22 +0300


A differenza del capitalismo predatore, incapace di fermare il suo volo in avanti distruttivo per il pianeta, il comunismo libertario può raggiungere un equilibrio tra capacità produttiva, bisogni della popolazione e capacità della biosfera. ---- L'autogestione deve abolire la leadership trattata. ---- cc Mathieu Colloghan ---- Il progetto sociale che stiamo proponendo si basa sulla concreta esperienza dei lavoratori in lotta, in tempi rivoluzionari o meno: fabbriche recuperate e autogestite, comuni liberi, consigli dei lavoratori, industrie socializzate, comunità agrarie, federazioni ... ---- Chiamiamo questo progetto comunismo libertario, non in riferimento alla corrente "comunista" marxista-leninista, ma nella continuità di una corrente più antica e più ampia: anarchico, sindacalista, consigliere, anti-autoritario.

Per comunismo intendiamo la messa in comune dei mezzi di produzione, senza appropriazione privata o privata, decentralizzata, vale a dire senza classe e senza stato, e la distribuzione della ricchezza creata in base alle esigenze di ognuno.

Per libertario intendiamo una società il cui obiettivo e condizione è l'emancipazione degli individui, che implica uguaglianza economica e sociale e una democrazia federalista e autogestita.

Il comunismo libertario è il progetto di una società in evoluzione, animata da un processo rivoluzionario permanente, che diffonde progressivamente la nuova società su tutta la superficie terrestre e che guadagna e integra a poco a poco l'intera popolazione.

A differenza del capitalismo predatore, incapace di fermare il suo volo in avanti distruttivo per il pianeta, il comunismo libertario può raggiungere un equilibrio tra capacità produttiva, bisogni della popolazione e capacità della biosfera.

Indichiamo qui alcuni assi principali di questo progetto, come possiamo concepirlo nella sua prima fase di costruzione, vale a dire mentre l'intera popolazione non è stata ancora vinta, che la rivoluzione ha ancora molti nemici dentro e fuori, e cosa si deve fare con l'eredità tecnologica del capitalismo, la pianificazione dell'uso del territorio e la disuguaglianza sociale.

Rapporti di produzione di autogestione
Il comunismo come lo intendiamo poggia su tre punti inseparabili: socializzazione dei mezzi di produzione e scambio ; autogestione di ciascuna unità di lavoro ; pianificazione democratica della produzione.

* Socializzazione significa che i mezzi di produzione e di scambio sono una proprietà sociale, un "bene comune" di tutta la società e sono posti sotto la duplice responsabilità delle federazioni industriali (metallurgia, edilizia, agroalimentare ...) e livelli territoriali più appropriati (comuni, regioni, federazione ...). Ogni federazione industriale è coordinata da un vastissimo consiglio di delegati dei lavoratori dei vari siti produttivi.

L'affiliazione di ciascun sito a una federazione industriale garantisce una logica di cooperazione e complementarità, contro la logica della concorrenza e della concorrenza prevalente nell'ambito del mercato capitalista.

* Autogestione: il potere decisionale delle assemblee dei lavoratori, con piena libertà di espressione e voti democratici. L'autogestione deve abolire la leadership trattata, la gerarchia tra le professioni e, in generale, la frammentazione del lavoro.

Nell'autogestione, i dirigenti, i delegati, i coordinatori e i coordinatori sono eletti e licenziati dalle assemblee di base, che sono tenuti ad attuare le principali scelte nell'organizzazione del lavoro, sulla base di un mandato imperativo.

L'inversione dei rapporti di produzione implica una radicale trasformazione della natura dell'opera. Le funzioni manuali e intellettuali, separate dal capitalismo, devono essere riunite: ogni lavoratore deve essere in grado di partecipare alla progettazione e alla decisione, al processo di produzione e al suo scopo. Il suo orario di lavoro comprende il processo decisionale, l'esecuzione e la formazione continua. Ambizione, con l'assunzione di disoccupati e con l'eliminazione di funzioni inutili, una ridistribuzione e una massiccia riduzione dell'orario di lavoro.

Questa disalienazione del lavoro rimodella profondamente l'apparato produttivo e il ruolo delle tecnologie. Con siti di produzione a misura d'uomo, più facili da gestire autonomamente. Con tecnologie che non sono più utilizzate dai capitalisti per intensificare lo sfruttamento, ma sono adattate alle reali esigenze dei collettivi di lavoro.

* Pianificazione democratica significa che la produzione non è più guidata dalla corsa al profitto, ma dai bisogni della gente. Il valore d'uso ha la precedenza sul valore di mercato. Tuttavia, i bisogni umani non saranno mai "obiettivi": si basano su dati culturali, aspirazioni personali, ma anche su ciò che è materialmente disponibile.

La diversità dei bisogni richiede quindi la coesistenza di un meccanismo di pianificazione generale e una sfera di scambio di merci, su iniziativa di individui e comunità.

La pianificazione deve identificare i bisogni e dirigere la produzione verso il soddisfacimento dei bisogni di base, nel rispetto degli imperativi ecologici: alloggio, cibo, viaggi, salute, formazione ... Né competitiva né contraddittoria, la sfera degli scambi spontanei deve consentire l'accesso di tutti alle imprese e ai servizi complementari.

Il movimento dei giubbotti gialli ha restituito l'aspirazione alla democrazia diretta al gusto del giorno. Qui la GA di Saint-Nazaire, nell'aprile 2019.
Yves Monteil / Reporterre
Una democrazia diretta e federalista
La differenza tra uno stato parlamentare e una federazione autogestita è radicale: il rovesciamento del potere ; mandato del responsabile del coordinamento e dell'attuale gestione, ma rifiuto della delega del potere sulle decisioni importanti, e quindi diretta democrazia.

Questa democrazia diretta poggia su tre punti: federazione dei territori ; assemblee popolari ; mandato imperativo (in connessione con le strutture di autogestione presenti all'interno delle unità di lavoro).

* La federazione dei territori significa che la società è strutturata dai comuni, quindi dalle regioni, perché sono gli spazi più direttamente controllabili dalla popolazione.

Le regioni federate non riproducono necessariamente la divisione delle vecchie regioni amministrative. L'importante è che raggiungano l'autonomia produttiva in agricoltura e nell'industria, per consentire il massimo scambio in cortocircuiti.

Il comunismo libertario mira a una federazione universale di regioni oltre i confini linguistici. Questa federazione ha regole comuni, garantendo la protezione di ogni individuo e ogni comunità. Il federalismo evita le due insidie del centralismo burocratico da un lato e la frammentazione della società dall'altro. È l'equilibrio tra l'iniziativa e l'autonomia delle unità federate e la solidarietà tra tutti ; è la messa in comune delle risorse e la strutturazione dei servizi pubblici interregionali; è un'interdipendenza senza gerarchia in cui, su questioni comuni, le scelte collettive sono fatte e applicate da tutti. Il federalismo implica una concezione aperta della società come un luogo in cui cercare un equilibrio tra l'interesse generale e l'interesse particolare, senza mai ridurre l'uno all'altro.

* Le assemblee popolari sono la cellula di riferimento democratico. Non significano un'assemblea perpetua, costringendo tutti a trascorrere la propria vita in un incontro per controllare ogni dettaglio della vita della città. Incapace di riunire, nello stesso lasso di tempo, una frazione della popolazione, le assemblee devono essere un'arena in cui vengono discussi i grandi progetti ; un passo democratico prima di una consultazione formale della popolazione, ad ogni livello pertinente, decide tra le linee principali in competizione.

È anche in queste assemblee popolari che i delegati che formano i consigli dei comuni, delle regioni e della federazione sono incaricati e alla fine licenziati.

La democrazia diretta implica libertà di espressione e organizzazione, libertà di culto, libertà di stampa. Le correnti di pensiero organizzate possono difendere il loro punto di vista e alimentare il dibattito, ma i delegati sono incaricati collettivamente. Una volta designati, devono applicare le decisioni collettive, non quelle della loro tendenza.

* Il mandato imperativo significa che i delegati ai consigli di comuni, regioni o federazioni non sono eletti su un programma e promesse, con un mandato delegato. Sono scelti in base alla loro integrità e alle loro capacità, per coordinare l'attuazione delle decisioni collettive, nell'ambito di un mandato imperativo e revocabile in cui il fondo non cambia ma in cui la forma può evolversi. funzione degli argomenti.

La democrazia federalista autogestita rappresenta una forma radicalmente nuova di potere collettivo, che si rompe con la divisione governata dal governo, con la divisione stato-società e con tutti i sistemi di classe. Ognuno associato a questo potere collettivo, il governo scende in officina e in comune: è l'autogoverno della società che risponde all'autogestione della produzione.

L'autodifesa della società
La necessità di difendere la nuova società dai suoi nemici interni ed esterni comporta forme di autodifesa davanti alle quali i rivoluzionari non possono ritirarsi.

Almeno durante la prima fase della rivoluzione, la persistenza di carenze sociali, reati razzisti, omofobi, sessisti, distruttivi e ambientali, ci costringe a riflettere profondamente sulla creazione di un diritto di emancipazione e giustizia riabilitativa e riparativa.

Tuttavia, le strutture di autodifesa e giustizia della società dovranno essere strettamente correlate alla popolazione e controllate dai consigli, in completa rottura con gli organi repressivi della vecchia società.

I rischi della militarizzazione o della polizia sono evidenti in un periodo rivoluzionario e richiedono un'attenta vigilanza. Lo scopo del comunismo libertario è una società libera dal controllo militare e di polizia.

http://www.alternativelibertaire.org/?Pour-un-communisme-libertaire-8296
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it