A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Sicilia libertaria, may: NO MUOS -- Comizi di quartiere, -- corteo, campeggio...

Date Thu, 13 Jun 2019 11:07:01 +0300


Martedì 30 Aprile si è spento il nostro carissimo compagno Gianni Costanza. Il 2 Maggio avrebbe compiuto 69 anni. ---- Già militante del gruppo "Nestor Machno" di Palermo, aderente alla Federazione Anarchica Italiana, fu tra coloro i quali si impegnarono - negli anni di Piazza Fontana e della strategia della tensione - in una capillare opera di controinformazione su quanto stava avvenendo nel paese, per demistificare le artificiose montature governative contro gli anarchici, denunciare la regia politica che stava dietro le bombe fasciste del 1969 e le manovre giuridiche e poliziesche che furono alla base delle accuse nei confronti di Valpreda e della defenestrazione di Pino Pinelli nella questura di Milano.
Nella Palermo del contrattacco collettivo alle scorribande neofasciste e delle mobilitazioni generali contro i ripetuti tentativi di colpo di stato in Italia, Gianni contrastò sempre con coraggio e determinazione lo squadrismo talvolta dilagante nelle scuole e all'università, contribuendo validamente alla difesa preventiva del movimento dagli attacchi repressivi. Sempre vigile nel neutralizzare qualsiasi tentativo di infiltrazione o di provocazione, smascherando ogni fraintendimento borghese e irrazionalistico dell'anarchismo, Gianni fece parte del Comitato Anarchico di Difesa della FAI occupandosi, fra l'altro, della solidarietà con tutti i detenuti antimilitaristi. Tra la fine degli anni ‘70 e gli inizi degli anni ‘80 fu attivo nella redazione e amministrazione del settimanale Umanità Nova. Nello stesso periodo fu tra i fondatori della Federazione Anarchica Palermitana.

In anni più recenti, Gianni ha partecipato attivamente - come individualità - alla vita politica e culturale del Gruppo anarchico "Alfonso Failla" e del movimento libertario cittadino.

Sino all'ultimo ha seguito con interesse il dibattito che ha preceduto il XXX Congresso della FAI, avvertendo l'urgenza di un profondo rinnovamento della federazione e di una maggiore incisività politica dell'anarchismo.

Lascia un vuoto enorme nei compagni e negli amici che lo hanno conosciuto, e fra quanti con affettuosa ostinazione continuavano a chiamarlo "Mustang", il suo antico nome di "battaglia".

Ciao Gianni ?

Gruppo Anarchico "A. Failla" - FAI Palermo Individualità anarchiche palermitane NdR. ll nome di Gianni Costanza è senza dubbio legato alle vicende dell'anarchismo siciliano degli anni settanta e dei primi anni ottanta. Ci conoscemmo, infatti, proprio all'interno di quell'attività delicatissima di difesa e di raccolta di informazioni che Gianni assieme ad altri compagni, come Antonio Cardella, conducevano in quel momento particolare che fu il periodo delle stragi fasciste e degli intrighi dei servizi segreti. Il primo contatto, infatti, avvenne su sua richiesta, proprio ai primi del 1972, quando Gianni venne a Ragusa per discutere con noi, giovanissimi militanti del nuovo gruppo anarchico cittadino, di fascismo e sicurezza del movimento. I compagni di Palermo, in forte espansione per tutti gli anni settanta, mantenevano relazioni anI

Il cantiere NO MUOS è ufficialmente aperto a partire dal 19 maggio. Da questa data, infatti riprenderanno con più costanza le attività della "stagione primaveraestate" che porteranno al campeggio del 2-5 agosto. ---- Durante i mesi freddi le solite "manine" sono state al presidio di contrada Ulmo e hanno divelto il cancello d'ingresso e compiuto altre piccole imprese distruttrici. Purtroppo siamo abituati a questi atti, non vandalici, ma di vero e proprio boicottaggio, che nel periodo invernale hanno luogo nel terreno del Movimento, ad opera di gente infame e prezzolata. Il 19 maggio, quindi, attiviste e attivisti cominciano a sistemare, aggiustare, abbellire lo spazio ubicato a poche decine di metri dalla base militare dei Marines, per farlo ritornare luogo di resistenza e di convivenza fra antagonisti all'ordine militare. Un trattore, subito dopo, taglierà l'erba cresciuta alta in questi mesi.

L'8 giugno il movimento si è dato appuntamento in paese per una serie di comizi itineranti nei quartieri popolari, nel corso dei quali verranno affrontati i temi più scottanti della vita a Niscemi: le difficoltà della gente, la mancanza di servizi o la loro inadeguatezza, la carenza di acqua e di lavoro, e così via, per sostenere, ancora una volta, come tale situazione sia strettamente collegata alla presenza militare e al MUOS, che sorgono, con tutta la loro pre-potenza e il loro sfoggio di investimenti miliardari, a ridosso di un paese ormai piegato su se stesso, costretto a preoccuparsi dei tanti problemi che l'affliggono e a disinteressarsi alla guerra che ogni giorno, anzi ogni minuto, da una contrada a pochi chilometri dall'abitato, viene condotta in tutto il Mondo.

E purtroppo, la conclusione di tanta colonizzazione del pensiero non è la rivolta e la rabbia verso chi offende, con la propria presenza arrogante, la dignità delle persone, ma la fuga verso il cammino dell'emigrazione oppure la semplice, atavica, rassegnazione. Insceni è un paese costretto ad una grande distrazione di massa pianificata e portata avanti con cinismo da chi comanda a Roma e dai suoi complici a Palermo e nella stessa cittadina. Ecco perché è fondamentale ripartire dai quartieri, affrontando con gli abitanti queste tematiche e questa situazione.

I comizi verranno svolti nel quartiere Sacro cuore, alla Marinnuzza, in viale Mario Gori zona Ficicchia e largo Mascione, e nei pressi della Biblioteca Comunale.

Il movimento inoltre, dopo la positiva sperimentazione dello scorso anno a Ragusa e Caltagirone, ha deciso che anche quest'anno verrà svolta una manifestazione regionale intermedia prima del campeggio: si svolgerà a Catania nel pomeriggio del 15 giugno.

Intanto, in vista del campeggio che, come già annunciato lo scorso numero, giorno 2 agosto dedicherà un'assise alla riflessione sulla guerra e sulle tendenze in atto a livello planetario, e giorno 3 ospiterà comitati territoriali di resistenza e lotta di Sicilia e fuori per dar vita ad un serrato dibattito volto a definire percorsi e strategie unitarie per rafforzare il fronte dell'opposizione di base, gli attivisti e le attiviste stanno stringendo contatti con le realtà siciliane per invitarle all'importante assemblea, occasione imperdibile per programmare un autunno di lotte e costruire alternative reali di opposizione.

Da queste pagine rilanciamo l'appello ad ogni realtà, ma anche ad ogni singolo compagno o compagna, a mettere in calendario questa importante tappa del 3 agosto. Domenica 4 agosto avrà luogo la manifestazione nazionale, le cui modalità sono ancora in fase di definizione.

Una nota di buon umore non guasta per chiudere questa rubrica: il partito "Rivoluzione animalista", formazione che pretende di rappresentare in parlamento "gli amici pelosi", si è espresso sul MUOS ponendo una serie di domande al ministro Salvini, dal quale si attende chiarimenti in merito a eventuali danni per la salute di persone e animali a causa del "segmento delle basse frequenze in HF/VLF/ULF" emanate dal sistema di comunicazioni della Marina militare statunitense. Ma niente paura, non sono arrivate le nuove leve dell'attivismo NO MUOS pronte a scagliarsi, come l'esercito di Annibale, con elefanti e leoni e cani bulldog contro la base americana; questi qua, infatti, premettono alle loro preoccupazioni la frase rassicurante: "pur comprendendo la necessità che gli Usa hanno di tale sistema e pur essendo a conoscenza che per quanto concerne il segmento satellitare questo non ingenera particolari problemi alla salute dell'essere umano e degli animali".

Meno male, perché ci eravamo preoccupati dopo i punkabbestia, il Movimento 5 Stelle, i NO MUOS Sicilia, di essere difronte aduna nuova concorrenza. Invece è la solita aria fritta, aria da elezioni pronta a svanire nel nullismo.

http://www.sicilialibertaria.it/wp-content/uploads/maggio-2019-silib-cmprx-1.pdf
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it