A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #294 - Herbert Claros (sindacalista brasiliano): " È tempo di resistere " (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Thu, 16 May 2019 09:56:39 +0300


Herbert Claros, 37 anni, è un metallurgo e segretario per le relazioni internazionali presso il CSP-Conlutas [2]. Abbiamo incontrato all'inizio di quest'anno, in occasione della sua visita in Europa durante un tour di incontri per fare il punto della situazione in quanto l'avvento al potere del neofascista Jair Bolsonaro nel mese di ottobre 2018, quali sono le responsabilità dal Partito dei Lavoratori (PT), al potere dal 2003 al 2016, anche in questo disastro, come le prospettive di risposta del movimento sociale, sindacale e femminista. ---- Alternativa libertaria : qual è il contesto dell'elezione di Jair Bolsonaro alla guida del Brasile ? ---- Herbert Claros : Le elezioni hanno mostrato la grande insoddisfazione della classe operaia e della maggioranza della popolazione con la classe politica e i loro partiti. Ma la mancanza di prospettive di fronte alla crisi economica e la disillusione causata dai governi PT di Lula (2003-2011) e Dilma Rousseff (2011-2016), e il loro adattamento alla logica di un sistema marcio, hanno rafforzato il opzione estrema destra. Uno dei fattori della vittoria di Bolsonaro è l'approfondimento della crisi economica e sociale per molti anni. Per comprendere appieno come la crisi ha colpito i lavoratori, dobbiamo tornare alle conseguenze della politica del Partito dei Lavoratori quando era al potere.

Durante i primi periodi di PT, c'è stata una crescita delle esportazioni di materie prime, che sono uno dei pilastri dell'economia brasiliana. In questo contesto, il PT prese misure che consentivano ai brasiliani di prendere a prestito più facilmente per comprare una casa ("Lamia casa, la mia vita"), per iscriversi all'università ("pro uni ") O più ampiamente per avere accesso al credito al consumo. La legge è stata modificata in modo che anche senza un secondo stipendio, sono possibili grandi prestiti. Quando la crisi economica si è intensificata, a partire dal 2007, molte famiglie non sono state in grado di rimborsare i loro prestiti e le banche hanno attinto direttamente dalla fonte sui salari. Da allora, la crisi si è solo intensificata, così come i suoi corollari: miseria sociale e criminalità.

In Brasile, il tasso di disoccupazione è del 25% e il salario minimo è di 253 euro, ed è questo che guadagna il 70% della popolazione. Violenza e criminalità sono aumentate, con un tasso di omicidi superiore del 30% a quello dell'Unione europea. Nel 2017, ci sono stati 63.880 omicidi, di cui il 58% delle vittime sono giovani. Negli ultimi dieci anni ci sono stati 500.000 decessi violenti. Questi elementi aiutano a capire come il discorso sulla sicurezza di un candidato come Bolsonaro abbia trovato il favore del pubblico.

Anche la Presidenza PT e i numerosi casi di corruzione hanno contribuito al tappeto rosso.

La corruzione non è nuova. Risale alla colonizzazione portoghese. Era comune sotto la dittatura. Ma durante la presidenza del PT, esplose, schizzando il partito di Lula e più in generale tutti i partiti istituzionali.

L'organizzazione della Coppa del mondo di calcio nel 2014 e le Olimpiadi del 2016 sono state costellate da casi di corruzione nell'assegnazione di siti giganteschi. Infrastrutture enormi, come le metropolitane, dovevano essere costruite. Un buon esempio è il nuovo stadio di San Paolo, che costa tre volte di più del previsto ! Società di costruzioni civili come Odebrecht, coinvolte in questa corruzione immobiliare hanno finanziato, tra l'altro, la campagna dei due grandi partiti, il PT e il PMDB (partito del diritto neoliberista).

Non sorprende che all'inizio della sua presidenza Bolsonaro fosse all'offensiva. Puoi dire qualche parola ?

Uno dei suoi primi passi fu il trasferimento della National Indigenous Foundation al Ministero dell'Agricoltura. Quest'ultimo essendo nelle mani di grandi proprietari, una grande minaccia pende ora su terra dei nativi americani, perché l'interesse del settore agro-alimentare è, naturalmente, opposta alla tutela dell'ambiente e delle popolazioni locali. Attualmente i grandi proprietari terrieri utilizzano mercenari per addestrare le milizie che invadono le terre dei popoli indigeni. Un progetto autostradale che attraverserebbe la foresta pluviale amazzonica è nei tubi ! Un'altra misura proposta è la rimozione di ministeri come Sport e Lavoro. Eliminare il Ministero del lavoro è essenzialmente la fine dei locali municipali che consente alle persone di far valere i propri diritti. Questa è anche la fine delle ispezioni sul lavoro. Bolsonaro rende possibile il sogno di tutti i capi !

Quali settori della popolazione possono causare resistenza al governo ?

Il governo intende privatizzare l'ufficio postale, gli aeroporti, l'elettricità, la compagnia petrolifera nazionale (PetroBras) e continuare la vendita della compagnia di aviazione nazionale (Ambraer) a Boeing, già avviata sotto i governi PT. Tutte queste misure rappresentano una sfida per il movimento operaio e popolare. Dovremo unirci per combattere il governo per la strada, perché è su questo terreno che dobbiamo confrontarci, e non in Parlamento. La mia unione assumerà le sue responsabilità nei confronti di questa unità di azione.

Un primo passo è già stato compiuto il 20 febbraio, con manifestazioni di massa per chiedere una "Assemblea Nazionale della classe operaia in difesa dei fondi pensione", che copre tutte le confederazioni sindacali del paese. Un progetto di governo, di fatto, rompere le pensioni di finanziamento a ripartizione a favore di un sistema a capitalizzazione, escludendo il principio di solidarietà tra attivi e quelli che hanno cessato di essere, e dando fondi previdenziali e assicurazione privata una coperta seignt.

Il femminismo è un'altra frontiera della lotta in prima linea nella mobilitazione: in risposta all'elezione di Bolsonaro, un movimento femminile, senza precedenti e senza precedenti, è nato in Brasile: #ELE NAO (Non lui) ! Questo movimento rese popolare il femminismo con, durante la campagna elettorale, enormi manifestazioni con 4 milioni di donne per strada in più di 114 città ! Questo risveglio femminista è molto importante, perché in Brasile i diritti delle donne sono contaminati. Questo è il 5 ° Paese con il più alto tasso di femminicidio ; il primo paese in termini di mortalità LGBT ; Il 45% delle donne vive al di sotto della soglia di povertà. Nel nord-est del Brasile, l'aborto è un crimine, così come l'uso della pillola anticoncezionale. Un altro esempio di questa violenza di genere è la cosiddetta "Borsa di nascita", un'indennità per ogni donna che è stata violentata e incinta per convincerla a tenere il bambino.

L'ultima parola ?

In un contesto di attacco ai diritti della nostra classe a livello internazionale, è importante essere in grado di avere contatti e di essere solidali. La CSP Conlutas, ad esempio, ha organizzato una manifestazione davanti all'Ambasciata di Francia a San Paolo, durante la giornata di azione e sciopero del 5 febbraio in Francia. È importante sviluppare questa solidarietà internazionale perché ci rende più forti. In Brasile, avremo bisogno del vostro sostegno nelle imminenti proteste contro il governo di Jair Bolsonaro. Il motivo principale per superare i piani dittatoriali e gli attacchi ai diritti dei cittadini è l'azione diretta, basata sull'indipendenza di classe e sulla democrazia dei lavoratori. Il combattimento è appena iniziato. L'ora della resistenza e della lotta è arrivata !

Intervista di Jérémie Berthuin (AL Gard)

[1]Un sindacato brasiliano di lotta di classe, nato a metà degli anni 2000 da una divisione della centrale elettrica di maggioranza, la CUT.

Rivendicando l'autogestione e il sindacalismo anticapitalista, il CSP è membro dell'Unione Internazionale Sindacato di Solidarietà e Lotta (RSISL). Maggiori informazioni su Laboursolidarity.org

[2] Unione di lotta di classe brasiliana, nata a metà degli anni 2000 da una divisione della centrale elettrica di maggioranza, la CUT.

Rivendicando l'autogestione e il sindacalismo anticapitalista, il CSP è membro dell'Unione Internazionale Sindacato di Solidarietà e Lotta (RSISL). Maggiori informazioni su Laboursolidarity.org

http://www.alternativelibertaire.org/?Herbert-Claros-syndicaliste-bresilien-L-heure-de-la-resistance-a-sonne
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it