A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #294 - Istruzione: le nostre scuole, le nostre scelte! (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Tue, 7 May 2019 06:58:52 +0300


Blanquer, il nostro caro ministro reazionario, ora vede un fronte che si eleva dalle scuole superiori alle elementari. Un aspetto importante, ma raramente analizzato, della sua politica è la sua natura autoritaria: nelle scuole, pratiche di autogestione di valore sono minacciate. ---- All'inizio di aprile, in occasione di una giornata di sciopero, le scuole elementari si uniscono alla scuola secondaria nella lotta, con percentuali di attaccanti che vanno dal 30% in media in alcune accademie al 70% a Parigi. Infatti, la triste prospettiva di una rottura della scuola pubblica commessa da Blanquer, il conto per la scuola di " fiducia " (sic) aggiunge il licenziamento della scuola. Da un lato, la sezione 6 dell'Atto dovrebbe portare alla chiusura delle scuole rurali in occasione del loro consolidamento e del loro attaccamento ai collegi; d'altra parte è accompagnato da un drastico calo delle assunzioni nella maggior parte delle accademie per il prossimo anno ; ma al di là del tradizionale declino delle risorse, Blanquer sta anche promuovendo un progetto per formare gli insegnanti nelle scuole pubbliche.

L'articolo 1 della legge prevede già un dovere di personale esemplare della comunità educativa, così chiamato a non denigrare pubblicamente le riforme che loro e loro subiscono. Ma soprattutto, il passaggio dalla scuola primaria alla supervisione del college implica l'eliminazione dei dirigenti scolastici e la fine di ciò che rimane dell'autogestione nelle scuole materne e elementari. In effetti, per il momento, gli insegnanti elementari sono ancora lontani dal loro diretto superiore (geograficamente e moralmente), che vedono solo sporadicamente. La libertà di decisione e di organizzazione persiste enormemente nel consiglio di insegnanti e amanti, l'organo decisionale della scuola.

Oggi in molte classi, gli studenti sperimentano quotidianamente l'autogestione: incontri di classe, decisioni collettive, regolamentazione degli scambi, gestione dei conflitti. Sono gli insegnanti che guidano questa dinamica e che riescono a portare una vera democrazia in classe. Lontano dagli organismi pseudo-democratici rappresentati dai consigli di amministrazione e dai consigli di vita delle scuole secondarie, gli insegnanti della scuola primaria decidono collettivamente sull'organizzazione della scuola e possono, ad esempio, creare con gli alunni operazione federale all'interno di una scuola, o regolare la vita scolastica in base alle loro esigenze (gestione finanziaria, organizzazione ricreativa, attrezzature per l'ordinazione, ecc.).

Una tradizione di autogestione a scuola
Nella gestione della scuola primaria, i direttori hanno attualmente tre missioni complementari: coordinando i gruppi di insegnamento coordinando il gruppo di insegnanti, gestendo i compiti amministrativi della scuola e gestendo il collegamento con le famiglie, la comunità, ecc. Il consiglio degli insegnanti è l'unico modo per prendere una decisione sulla scuola e di solito sono dopo dibattiti e discussioni, spesso consenso. La Teachers 'Room è un luogo di scambio e non solo un luogo di operazione ! La missione di gestione non ha mai istituito un leader nella discrezione. Gli insegnanti devono rimanere al centro delle scuole e decidere collettivamente tutto: data della fiera, rifiuto collettivo di un'applicazione amministrativa, gestione collettiva degli studenti in situazioni difficili, ecc. Anche se gli attacchi amministrativi stanno aumentando, pochi ispettori interferiscono nella gestione interna di una scuola.

I ministri sono determinati a soffiare su quest'ultimo blocco che è una spina nel loro piede, come il rifiuto massiccio e collettivo degli istituti di valutazione nazionale di CP e CE1 all'inizio dell'anno scolastico e lo scorso marzo. Da molto tempo ormai, stiamo cercando di garantire che gli insegnanti non siano più coinvolti nella loro pedagogia, ma che siano bravi in una scuola che ordina gli studenti dall'asilo. L'annuncio della creazione di istituzioni pubbliche di conoscenze fondamentali (EPSF) letteralmente mettere un consiglio capestro di maestri e maestre, introducendo la possibilità di avere per riferirsi direttamente ad una gerarchia sovrastante, eliminando ogni esistenza amministrativa delle scuole e aprendo la strada alle tecniche di gestione pilotate dai college.

Il ritorno degli chefs.fes
Questa logica della scuola primaria spiega in parte l'entrata in una lotta spettacolare delle scuole primarie, la strategia delle scuole morte, resa possibile dal sostegno di genitori di alunni, ecc ... anche se le squadre sindacali continuano a lottare per creare un Sciopero rinnovabili prima del prossimo giorno di azione del 9 maggio, mentre il testo deve tornare all'Assemblea all'inizio di maggio.

Comprendere questa logica autoritaria aiuta anche a far luce su una delle importanti conseguenze della riforma delle scuole superiori e delle scuole superiori: è anche la solidarietà delle squadre che è mirata. Scuole superiori in competizione per un segmento del mercato della formazione, specialità che sostituiscono la serie fino a quel momento lo stesso ovunque in Francia, le squadre si sfideranno tra le scuole, ma anche all'interno della stessa scuola, ogni soggetto a reclutare abbastanza studenti per la loro specialità per impedirgli di chiudere a settembre. Da quel momento in poi, l'autorità dei capi di istituto, già ampia, avrà tante leve di ricatto e divisione contro i gruppi di insegnanti disuniti.

Andy (AL Lyon) e Marco (AL 36)

http://www.alternativelibertaire.org/?Education-Nos-ecoles-nos-choix
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it