A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) cnt.es: La sconfitta dello Stato islamico e ciò che sta arrivando ora -- Confederalismo democratico | Rojava (ca, en) [traduzione automatica]

Date Sun, 7 Apr 2019 08:52:08 +0300


Sabato 23 marzo è arrivata la notizia che è attesa da molto tempo. Lo Stato islamico (IS) è stato, infine, ufficialmente sconfitto dalle forze democratiche siriane (SDF) - tra cui YPJ e YPG. ---- L'importanza di questa vittoria non può essere sopravvalutata. Nel 2014-2015 lo Stato islamico sembrava inarrestabile. Con i carri armati, veicoli blindati e artiglieria pesante, hanno schiacciati villaggio dopo villaggio, raggiungendo controllo ampie zone di Siria e Iraq, dove hanno commesso orrori inimmaginabili. Hanno sottoposto il popolo a loro dogmi fascista, punito coloro che non obbediscono, le donne vendute curdi e Yazidi come schiave del sesso, ha gettato gli omosessuali a morte dai tetti, bruciata avversari vivi soldati, il genocidio commesso contro la popolazione civile, in particolare contro le minoranze etniche, tra i tanti più atti barbarici.

Alla fine del 2014, quando arrivarono a Kobane (villaggio di Rojava) trovarono le milizie di difesa (YPG e YPJ) ben preparate e organizzate. Una feroce battaglia di sei mesi si concluse con il successo della difesa della città. Questa vittoria ha cambiato il corso della campagna IS. Da quel momento in poi, persero progressivamente una battaglia dopo l'altra mentre le milizie si rafforzavano. Hanno cominciato a guadagnare la fiducia dei popoli arabi e le molte minoranze della zona, molti dei quali si sono uniti alle milizie per combattere i fascisti avevano devastato le loro terre. Il femminismo, il pluralismo, la democrazia e l'ambientalismo radicale prorogato di Rojava nel suo insieme con le vittorie di milizie, si trovano il fascismo e l'intolleranza di EI sta scomparendo con le loro perdite.

La vittoria a Kobane cambiò il corso della campagna dello Stato Islamico

Sono stati anni sanguinosi e terribili. Circa 10.000 militanti hanno perso la vita nella lotta contro il fascismo. I tuoi sacrifici per la libertà non possono essere dimenticati.

Turchia e Rojava

Anche se dobbiamo riconoscere l'importanza di questa vittoria e anche celebrarla, non possiamo abbassare la guardia. Ciò che potrebbe arrivare ora è ancora più terribile e molto più potente dello Stato islamico.

La mappa mostra il posizionamento dell'esercito turco subito dopo l'annuncio del ritiro dell'esercito degli Stati Uniti nel dicembre 2018 - * Fonte: Manuel Martorell, Fourth Power
Ora che i jihadisti sono stati sconfitti, prima o poi, l'esercito americano si ritirerà dalla Siria. La loro alleanza temporanea e puramente strategica con i curdi ha tenuto a bada la Turchia. Quando Trump ha annunciato il suo ritiro immediato nel mese di dicembre (che è stata ritardata, dopo le proteste dei suoi consiglieri), il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha immediatamente inviato truppe e unità corazzate, sostenuti da militanti islamici, il confine turco-siriano con la chiara intenzione di distruggi Rojava.

Erdogan ha già vantato della sua intenzione di schiacciare i "terroristi" (riferendosi al YPJ e YPG), tornando Rojava "ai legittimi proprietari" (che sono esclusivamente arabi e non i curdi, secondo lui), e di "ristabilire la pace e la sicurezza". Le azioni dei militanti filo-turchi nel cantone orientale di Rojava, Afrin, dopo la loro sanguinosa invasione nel gennaio 2017, contraddicono totalmente quest'ultimo punto. Rapporti di casi di omicidi settari, saccheggi, intimidazioni delle minoranze e confisca e distruzione di terreni e case sono costanti. E ci ricordano come lo stato islamico ha agito nei loro territori.

I militanti pro-turchi saccheggiano i negozi Afrin dopo la sua invasione nel gennaio 2017 - * Fonte: AFP
Non possiamo dimenticare che la Turchia è un membro della NATO. Ciò significa che ottengono le migliori armi, carri armati e aerei dagli altri membri come la Germania, il Regno Unito e gli Stati Uniti - che guardano dall'altra parte quando la Turchia attacca. Le milizie kurde sono veterani di combattimento e possono difendersi contro le truppe di fanteria turche. Ma la tecnologia aerea posseduta dal secondo più grande esercito della NATO dà loro un vantaggio enorme e ingiusto. Senza armi antiaeree, i curdi saranno vulnerabili a bombardamenti spietati e continui.

La Germania, il Regno Unito e gli Stati Uniti guardano dall'altra parte quando la Turchia attacca

Erdogan non ha mai nascosto il suo odio per il popolo kurdo, né il suo desiderio di avere il potere assoluto o di ricreare un impero neo-ottomano. Un'invasione turca significherebbe un massacro, una persecuzione, una crisi dei rifugiati e un enorme sforzo per smantellare tutto ciò che la rivoluzione ha raggiunto.

Ora, più che mai, dobbiamo dare il nostro pieno sostegno alla rivoluzione del Rojava. Sfortunatamente, le voci dell'Oriente sono più ascoltate di quelle del Sud Globale, ed è un privilegio di cui dobbiamo approfittare. Non possiamo permettere che una società basata sul femminismo, la democrazia radicale, l'antirazzismo e l'ambientalismo cadano e che il suo popolo sia nuovamente sottoposto alla violenza, alla discriminazione e, molto probabilmente, al genocidio.

Ora, più che mai, dobbiamo dare il nostro pieno sostegno alla rivoluzione di Rojava

Cosa possiamo fare?

Ecco alcuni esempi di ciò che possiamo fare localmente.

Militare in collaborazione con gruppi di solidarietà locali (come ad esempio il Rojava Azadi Madrid o l' Azadi Plataforma Catalunya ).
Organizzare eventi di informazione e solidarietà nei nostri locali.
Pubblica e condividi gli aggiornamenti sulla situazione e assicurati che non vi sia alcun silenzio dei media riguardo alle azioni della Turchia in Rojava.
Preparare le azioni locali da eseguire nel giorno dell'invasione turca.
Organizzare campagne o azioni contro le compagnie di armi che vendono armi alla Turchia.
Fai una donazione alla campagna internazionalista e ambientalista " Rendi Rojava Green Again ".
La rivoluzione Rojava resisterà!

Jin, jiyan, azadî!

#CNTconRojava #DefendRojava #MakeRojavaGreenAgain

Le milizie che celebrano la festa della donna, 2019 - * Fonte: YPJ

https://www.cnt.es/noticias/la-derrota-del-estado-islamico-y-lo-que-viene-ahora/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it