A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) gruppo anarchico chimera: Catania: stupro e ipocrisie

Date Sat, 6 Apr 2019 10:15:09 +0300


Una diciannovenne americana viene stuprata a Catania da tre ragazzi. Il mainstream locale e nazionale si buttano a capofitto sulla notizia, riportando come la ragazza vittima dell'abuso sessuale abbia chiamato disperatamente il 112 - venendo bloccata dai suoi aggressori - e anche un suo amico - venendo bellamente ignorata. ---- Come ben sappiamo, il linguaggio giornalistico è spettacolarizzato e sensazionalistico in modo da vendere meglio il prodotto scritto, ottenere visualizzazioni sulle piattaforme virtuali e scatenare una serie di reazioni da parte dell'utenza. ---- Vendere, controllare e monitorare le sensazioni: il linguaggio giornalistico non è altro che una delle tante forme del linguaggio del dominio. ---- Nel caso della ragazza stuprata, le istituzioni, il giornalismo e la sua utenza presentano costei come vittima (un essere impotente, passiva, debole e da compatire) e l'atto subito (lo stupro) come un'eccezione in un luogo (Catania) considerato civile.
Le parole usate sono pregne di violenza (sessuale, sociale e culturale), atte a giustificare una protezione verso le donne (in realtà controllarle e dominarle) ed evitare il problema: il patriarcato.
Come rappresentazione del potere, il patriarcato eleva il potere maschile/dell'uomo come assoluto e considera la donna e altre individualità (omosessuali, lesbiche, transessuali, transgender, intersex, queer, migranti etc) degli esseri inferiori, buoni per procreare e lavori di cura (le donne), curare tempestivamente (omosessuali, lesbiche e (chirurgicamente) intersex) e/o da trattare come male assoluto (transessuali, transgender, queer e migranti).
Benché vi siano state delle aperture da parte del dominio formato "diritti civili" o "quota rosa" verso alcune di queste individualità, in realtà nulla è cambiato.
Il sistema di poteri al cui interno vi è il patriarcato si basa:
-sulle regole in cui l'individuo gli concede la propria libertà e sicurezza per un supponente "benessere";
-sulle morali ed etiche utili a dividere e controllare gli individui;
-su un'economia dove tutto è merce o reificazione.
Ed ecco come vengono giustificate gerarchie, abusi e coercizioni. Il sistema di poteri, perciò, non risolverà il problema ma, anzi, lo mantiene in vita e giustificherà sempre determinate azioni come "eccezioni" e presentando le sopravvissute come "vittime".
Il caso della ragazza stuprata o, per esempio, della bidella che stalkera una docente a Milazzo, vengono messe dal linguaggio dominante sullo stesso piano, trovando il plauso dell'utenza (spesso maschile).
Perchè questo? Perchè si vuole mettere sullo stesso piano la violenza maschile e quella femminile, nascondendo (ed esaltando anche) la mascolinità tossica - un'attitudine patriarcale dove il genere mascolino è visto come violento, non emotivo, sessualmente aggressivo o "attivo" -, giustificando costrutti culturali quali le identità "maschile" e "femminile" e gli stereotipi di genere.
Per districarci dal patriarcato e da ogni forma di potere e autorità, dobbiamo:
-smontare i nostri privilegi che danneggiano altr*, ascoltando, relazionando e aiutando coloro che hanno maggiori probabilità di essere danneggiat* dal patriarcato e dal capitalismo (migranti, individualità transessuali e transgender, lavoratrici e lavoratori, sottoproletari*);
-demistificare qualsiasi tentativo di giustificare o mantenere il sistema di poteri;
-esplorare sistemi di responsabilizzazione tra individui, uscendo fuori dagli schemi manettari regalateci da anni di propaganda forcaiola e antimafiosa istituzionale.
Alla ragazza sopravvissuta allo stupro va la nostra piena e totale solidarietà.
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it